torna alla homepage


Fiandre, terra di Polifonia: al via i primi festival


Il Rinascimento Fiammingo non è solo da ammirare con gli occhi, ma anche da ascoltare: da maggio ad agosto Bruges, Lovanio e Anversa risuoneranno con tre festival di musica polifonica. Un ricco programma, che spazia dall’esecuzione di opere classiche a moderni arrangiamenti, permetterà ai cultori e ai semplici appassionati di questo genere musicale di godere, spesso in location estremamente suggestive, dei suoni del XV-XVI secolo, quando i compositori fiamminghi divennero punto di riferimento europeo per la polifonia, nata sovrapponendo più voci ad una melodia desunta dal repertorio gregoriano.

MAfestivalBrugge – Bruges, 2 - 11 agosto 2019
Dal 2 all’11 agosto Bruges ospiterà MAfestival, uno dei più importanti festival di musica antica che omaggia la tradizione attraverso una visione innovativa e moderna, valorizzando in particolar modo i giovani artisti. Ai concerti tematici, basati su una drammaturgia coerente e provocante, si affiancheranno un'esposizione di strumenti storici, i concerti di Fringe per ensemble emergenti, il bikeride musicale Vélo Baroque e il concorso internazionale Musica Antiqua per giovani solisti barocchi. Il festival si svolgerà all’interno del Concertgebouw: inaugurato nel 2000 alla presenza del re e della regina del Belgio, l'imponente sala da concerti, opera degli architetti Paul Robbrecht e Hilde Daem, prende ispirazione dalle torri e dai mattoni della città.
www.mafestival.be 

LausPolyphoniae – Anversa, 15 - 25 agosto
Dal 15 al 25 agosto Anversa diventerà un luogo di incontro per tutti i cultori di musica polifonica grazie a Laus Polyphoniae, uno dei più interessanti festival di musica antica d’Europa, che dal 1994 propone ogni estate un programma di concerti eseguiti dalle migliori orchestre. Organizzato dal centro musicale AMUZ ma ospitato dalle location più varie (da chiese storiche alle Casa di Rubens), per la 26esima edizione Laus Polyphoniae avrà come tema centrale la fiorente scena culturale ai tempi di Maria di Borgogna: tra le donne più potenti dell'Europa occidentale nel tardo Medioevo, governò i territori borgognoni dei Paesi Bassi e fu Duchessa di Borgogna. Il festival sarà caratterizzato da musica sia laica che religiosa eseguita da ensemble provenienti dal Belgio e dall'estero, per ascoltare la musica dell’epoca in voga in Italia, Inghilterra, Austria e Lituania. Oltre ai concerti, quest’anno il focus potrà essere approfondito con conferenze, workshop, passeggiate e attività dedicate ad appassionati e curiosi di ogni età.
www.amuz.be 


[home page] [lo staff] [meteo]