torna alla homepage


Caribe Bay Jesolo: stagione al via


Sabato 28 maggio riapre Caribe Bay, tra i primi parchi a tema acquatico ad inaugurare la stagione estiva in Italia.

Esteso su un’area di 80.000 mq nel Lido di Jesolo, a due passi da Venezia,
Caribe Bay è un’oasi caraibica con spiagge di sabbia bianca, ombrelloni, chiringuitos, invitanti lagune dalle acque cristalline e 27 attrazioni acquatiche e non immerse nella vegetazione tropicale.

Tante le novità della stagione, a cominciare dagli spettacoli dal vivo, da sempre punto di forza di Caribe Bay, grazie ad un cast di 25 artisti tra ballerini, acrobati e circensi. Da non perdere il nuovo musical Swing Circus, in scena sul palco della Arena Show: una vecchia radio suonerà una melodia d’altri tempi e, come per magia, il teatro si trasformerà in una coinvolgente festa con coreografie e costumi originali dal tipico fascino retrò. Anche lo scenografico Galeone Pirata nel cuore del parco farà da cornice ad un nuovo show: si tratta di Mermaids, avvincente spettacolo ispirato alla conquista di una nuova terra, che vedrà Pirati e Sirene alle prese con acrobazie mozzafiato, numeri con il fuoco e spericolati tuffi che lasceranno nello stupore grandi e piccini.

E a proposito di piccoli pirati all’arrembaggio, dopo l’anteprima dello scorso anno si arricchisce con nuovi giochi l’offerta di Pirates’ Bay, l’area del parco dedicata ai più piccoli. Una baia d’acqua trasparente circondata da una spiaggia di sabbia bianca che custodisce ben 13 attrazioni differenziate per bambini di tutte le età. I genitori potranno godere di tutto il relax dei Caraibi sotto gli ombrelloni circondati dalle palme: a loro disposizione una comoda nursery con scalda pappe e biberon, fasciatoi, servizi igienici a misura di bambino, una zona dedicata all’allattamento e tutto il necessario per prendersi cura dei propri piccoli.

Spazio anche a chi desidera trascorrere una giornata veramente speciale, all’insegna di servizi esclusivi e nella massima riservatezza: quest’anno, infatti, Caribe Bay inaugura Playa Paraiso, una terrazza con sabbia finissima realizzata sopra una cascata, in posizione panoramica, con 4 Cabanas dotate di tanti comfort per vivere la propria giornata all’insegna del relax. L’area, ad accesso privato, permette di approfittare di una serie di vantaggi particolari, tra cui: un servizio di accoglienza dedicato, parcheggio riservato, ingresso prioritario, piscina idromassaggio ad uso esclusivo e salta coda alle attrazioni più richieste.

Luciano Pareschi, CEO e Founder di Caribe Bay, dichiara: “Ripartiamo con una grande voglia di rivincita e tante novità. Nonostante le difficoltà degli ultimi anni abbiamo continuato ad investire per garantire un livello eccellente, allineato ai migliori parchi divertimento del mondo, valorizzando in questo modo tutto il sistema dell’offerta turistica del territorio. Siamo già online con il nuovo sito che propone un assaggio virtuale delle atmosfere e delle sensazioni che si vivono al parco e che permetterà di migliorare significativamente l’esperienza dei visitatori con nuove applicazioni”.

Con una media di 200.000 visitatori a stagione,
Caribe Baya pieno regime occupa 200 dipendenti ed è l’azienda più grande di Jesolo: il parco ha ricevuto per 13 volte su 19 edizioni il premio come Miglior Parco Italiano ai Parksmania Awards, gli oscar dei parchi divertimento, ed è inserito nella rosa dei 7 migliori parchi acquatici al mondo, area EMEA, nelle classifiche 2019 di IAAPA – organizzazione che rappresenta oltre 6.000 parchi in più di 100 Paesi.

Caribe Bay sarà aperto fino all’11 settembre insieme all’adiacente Caribbean Golf, minigolf tematizzato con 24 buche immerso tra tesori nascosti e corsari pronti all’arrembaggio. Il Vanilla Club, punto di riferimento della nightlife jesolana, aprirà la stagione il 18 giugno.

200 mila kg di anidride carbonica in meno a Caribe Bay

200.000 kg in meno di anidride carbonica nell’atmosfera: Caribe Bay inaugura la stagione con una buona notizia per l’ambiente e il futuro del Pianeta. Il parco acquatico tematizzato in chiave caraibica, infatti, ha compensato il 50% delle proprie emissioni di anidride carbonica attraverso un progetto che coinvolge direttamente anche i visitatori. L’obiettivo è di diventare a breve termine il primo parco divertimenti italiano completamente “carbon neutral”, entrando così nel novero di imprese italiane a “impatto zero”, che oggi sono meno dell’1% del totale.

L’impegno parte da lontano, ma si è concretizzato solo nell’ultimo anno, a causa degli stop forzati dettati dalla pandemia. Dopo la fase di raccolta dei dati nel 2021, a febbraio del 2022 sono cominciati i rilievi finalizzati al calcolo della carbon footprint in collaborazione con Up2You, start-up che affianca le aziende e le supporta nella riduzione dell’impatto ambientale per rispondere a quella che si configura come la sfida del millennio: far fronte al cambiamento climatico.

Dalle analisi è emerso che l'impatto ambientale del parco è inferiore rispetto alla media di questa tipologia di imprese: merito del costante efficientamento della struttura, a cui si affiancano la raccolta differenziata, l’utilizzo di piatti e bicchieri compostabili, la riduzione dei consumi e l’adozione di pratiche virtuose nella gestione delle principali fonti di emissione.

Carla Cavaliere, responsabile sostenibilità Caribe Bay, dichiara: “Stiamo lavorando da tempo con un team dedicato per migliorare la sostenibilità del parco e i risultati ottenuti dimostrano il nostro impegno. Da quest’anno, però, spingiamo sull’acceleratore, compensando la metà delle nostre emissioni non riducibili attraverso progetti certificati a livello internazionale. Ne abbiamo scelti due, uno in Zimbabwe e uno in Pakistan: oltre alla tutela del clima, sono orientati a promuovere l’uguaglianza di genere, lo sviluppo di opportunità di lavoro dignitoso per tutti e la crescita economica. La novità è che ogni visitatore del parco potrà scegliere quale dei due progetti sostenere”.

I biglietti venduti online, infatti, sono abbinati ad un sistema di crediti tracciabili su blockchain: un link consente di scoprire i dettagli di ciascun progetto e quindi di scegliere quale supportare, direttamente dal proprio smartphone. Lo scopo è duplice: ridurre l’impatto del parco e sensibilizzare il consumatore finale sulla necessità di un atteggiamento più responsabile nei confronti del Pianeta.

“La case-history di Caribe Bay – commenta Alessandro Broglia, co-founder Up2You – dimostra che si può crescere nel rispetto dell’ambiente. Grazie alle iniziative che abbiamo sviluppato in questi mesi, il parco è già a metà strada nel processo verso la carbon neutrality: un risultato davvero positivo”.

“Per un settore come l’intrattenimento – conclude Cavaliere – che fa del benessere delle persone il suo obiettivo primario, la sostenibilità è un valore imprescindibile: abbiamo deciso per questo di contribuire attivamente al raggiungimento degli obiettivi inseriti nell’Agenda 2030 stilata dall’ONU. Il nostro impegno coinvolge tutte le aree di attività di Caribe Bay e passa attraverso lo sviluppo di una vera e propria cultura della sostenibilità che condividiamo con gli ospiti: il futuro del Pianeta è nelle nostre mani e siamo tutti direttamente responsabili”.


[home page] [lo staff] [meteo]