torna alla homepage


Winners The pianists of the next generation: cinque imperdibili concerti alla Fazioli Concert Hall a Sacile

In collaborazione con Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia

Prenderà il via venerdì 25 maggio alla Fazioli Concert Hall la rassegna WINNERS 2018, dedicata a giovani talenti del pianoforte premiati da prestigiosi concorsi internazionali. "Fin dall'inizio della nostra avventura concertistica", spiega Paolo Fazioli, fondatore della celebre casa costruttrice di pianoforti a coda e da concerto, "abbiamo inteso dedicare uno spazio ai giovani pianisti premiati da prestigiosi concorsi internazionali". Queste proposte, dapprima occasionali, hanno assunto alla Fazioli Concert Hall una certa regolarità inizialmente con la denominazione di “Concerti di Giugno”, per poi trovare collocazione occasionale anche in altri momenti dell’anno.

"L’ascolto di questi talenti ha riservato sorprese talmente belle e inaspettate da far sentire presto l’urgenza di dare organicità e unitarietà alla proposta" continua Paolo Fazioli, "tanto più che nel tempo ci siamo resi conto di come questi appuntamenti fossero sempre più attesi e graditi al nostro pubblico". E' proprio a tal proposito che l'intervento dell'Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia si è rivelato prezioso, in quanto ha consentito di conferire coerenza e compattezza al progetto.

"Abbiamo deciso subito con grande convinzione di sostenere Winners" commenta il Presidente dell'ERT Alessandro Malcangi "Non potevamo infatti che condividere pienamente gli intenti che Fazioli riversa in questa rassegna, trovandoli perfettamente sincroni ai nostri". La fortunata sinergia ha saputo conferire un’identità precisa a “Winners”, connotandola ormai da tre edizioni di una fisionomia ben delineata, tale da non lasciare più spazio ad equivoci: non si tratta di una sorta di rassegna “minore” a margine della serie concertistica principale della Fazioli Concert Hall, bensì di un contenitore autonomo, prestigioso ed elevato, meritevole dell’attenzione delle istituzioni e del pubblico più esigente.

La serie di cinque appuntamenti, distribuiti in un arco temporale che va dalla primavera inoltrata fino al primo giorno d'autunno (25 maggio, 8 e 22 giugno, 7 e 21 settembre) valorizza il rapporto che la prestigiosa casa costruttrice di pianoforti a coda e da concerto di Sacile vanta con alcuni importanti concorsi pianistici. Quest'anno vengono rappresentati, oltre al Premio Venezia, e al Jaques Samuel Pianos Intercollegiate Competition di Londra, anche l' “Halina-Czerny Stefańska” di Poznań (Polonia), il New Art Piano Competition di Taipei (Taiwan), e lo Scottish International Piano Competition di Glasgow (Scozia). 

L’irresistibile entusiasmo dei bravissimi “Winners”, insieme alla loro concentrazione e preparazione “atletica” alla fatica dell’esecuzione, non potranno che trasmettere agli spettatori la grande energia, freschezza ed emozione di pagine intramontabili del repertorio pianistico.

Le prenotazioni sono già aperte. Costo del biglietto: 15 Euro. Sono previste riduzioni per studenti ed insegnanti di scuole di musica (8 Euro), Abbonati Fazioli Concert Hall e Abbonati ERT (10 Euro). Per i gruppi accreditati, è possibile godere di ulteriori agevolazioni.

Per prenotarsi, è possibile scrivere a concert@fazioli.com, oppure telefonare al numero 0434 72576 int. 3 dalle 15:00 alle 18:00. 

Venerdì 25 maggio, ore 20.45
vincitore “Halina-Czerny Stefańska” In Memoriam di Poznań:
Krzysztof Książek
musiche di Beethoven, Chopin e Schumann
Oltre ad aver vinto numerosi premi di concorsi nazionali ed internazionali ed essersi aggiudicato prestigiose borse di studio, Krzysztof Książek, nato nel 1992 a Cracovia, si è distinto come semi-finalista al Concorso Fryderyk Chopin di Varsavia nel 2015, dove si è aggiudicato il “Polityka Passport” per la musica classica, riconoscimento istituito da un noto settimanale polacco ed assegnato ad artisti in varie categorie. A Varsavia è riuscito ad attirare l’attenzione della critica per la sua espressività e musicalità, per il suono visionario e per un approccio personale e “pittorico” alle opere di Chopin, nonché per una “drammaturgia ben ponderata nell’interpretazione delle forme più ampie”. Nel 2016 si è diplomato all’Academy of Music di Cracovia, per laurearsi all’Accademia di musica Feliks Nowowiejski di Bydgoszcz. Attualmente sta proseguendo i suoi studi sotto la guida di Arie Vardi alla Hochschule für Musik di Hannover. Si è già esibito in Giappone, Russia, Regno Unito, Germania, Francia, Svizzera, Italia, Sud Africa, Stati Uniti, Marocco, Polonia, Slovacchia, Ucraina e Ungheria.

Venerdì 8 giugno, ore 20.45
due primi classificati al Premio Venezia:
Nicola Pantani, secondo classificato e Premio Casella
Francesco Granata, primo classificato
musiche di Musorgskij e Debussy
Nato a Rimini nel 1995, Nicola Pantani ha conseguito nel 2017 il diploma accademico di I livello con il massimo dei voti e la lode. È allievo di Enrico Pace e Igor Roma all’Accademia pianistica internazionale “Incontri col maestro” di Imola. Come solista è stato premiato in vari concorsi nazionali e internazionali ricevendo diversi riconoscimenti. Impegnato anche nella musica da camera, si dedica in particolare al duo con violoncello con Francesco Stefanelli e alla formazione di duo pianistico con Elisa Rumici.
Nato a Milano nel 1998, Francesco Granata si è diplomato in pianoforte al Conservatorio “G. Verdi” nel 2016 con il massimo dei voti, lode e menzione speciale sotto la guida di Alfonso Chielli. Ha frequentato numerose Masterclass, fra le quali, nel 2017, l’Internationale Sommerakademie del Mozarteum di Salisburgo con Andrea Lucchesini. Frequenta il corso di alto perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, sotto la guida di Benedetto Lupo. Nel suo percorso, sin da giovanissimo, ha ottenuto importanti riconoscimenti, risultando primo assoluto in diversi concorsi e partecipando a varie trasmissioni radiofoniche e televisive.

Venerdì 22 giugno, ore 20:45
vincitore Jaques Samuel Intercollegiate Piano Competition, Londra
Alim Beisembayev 
musiche di Scarlatti, Beethoven, Brahms, Chopin e Prokofev
Nato in Kazakistan nel 1998, si è formato prima ad Almaty e poi alla Scuola di Musica Centrale di Mosca. All’età di dodici anni si è trasferito in Inghilterra per studiare alla celebre “Purcell School” dove è stato ammesso alla classe di Tessa Nicholson. Dal 2016, grazie a una borsa di studio, prosegue gli studi con la stessa insegnante presso la Royal Academy of Music di Londra. Negli ultimi tre anni ha conquistato il podio delle categorie per giovanissimi dei concorsi Liszt di Weimar (terzo premio) e Van Cliburn di Fort Worth, Texas (primo premio). Nell’estate 2017 è risultato vincitore del Manchester International Piano Competition dove ha eseguito il Primo concerto di Tchaikovsky con la Manchester Camerata. Nello stesso anno ha vinto il Jaques Samuel Intercollegiate Piano Competition. Il Wall Street Journal ha scritto: “Alim Beisembayev ci ha regalato un Beethoven possente, un ardente Prokof’ev e uno scintillante Rachmaninov. È un pianista impressionante e vale proprio la pena seguirlo”.

Venerdì 7 settembre, ore 20:45
vincitore New Art Piano Competition di Taipei, Taiwan
Yu-Pang Yu
musiche di Schubert, Scriabin e Rachmaninov
Nato nel 1993 a Taiwan, Yu-Pang Yu si è già messo in luce presso la critica più autorevole per le sue capacità tecniche ed interpretative. L’Herald Times ha scritto di lui: “La sua personalità pianistica è straordinariamente genuina, le sue dita fluttuano con disinvoltura e chiarezza lungo la tastiera. Sublimi sono le sue esposizioni“. Il suo talento si è manifestato in precocissima età. Nel 2009, ancora liceale, Yu si è esibito per uno scambio culturale internazionale in Giappone con orchestra. Nel 2011 è entrato alla Taipei National University of Arts, dove si è laureato e ha conseguito nel 2013 il premio biennale per il miglior artista emergente. Nel 2016 è risultato vincitore del Concorso JSoM Mozart. Si è esibito in Giappone, Stati Uniti d’America e Taiwan.
Attualmente studia con Emile Naoumoff all’Università dell’Indiana, dove ha già conseguito il suo master.

Venerdì 21 settembre, ore 20:00 (orario diverso per ragioni organizzative)
vincitore della Scottish International Piano Competition di Glasgow
Can Çakmur
musiche di Haydn, Beethoven e Schubert.
Con la sua vittoria a Glasgow, Çakmur ha confermato “i suoi disarmanti talenti, così speciali e genuini, allo stesso tempo ingenui e sofisticati”, come la critica ha voluto sottolineare. Già prima della Scottish Competition, il pianista turco, classe 1997, aveva conseguito numerosi riconsocimenti e borse di studio. Avido scrittore e disinvolto oratore, Çakmur scrive regolarmente per la rivista turca Andante ed è solito introdurre i suoi concerti. Per queste sue doti, nel 2016 è stato invitato a tenere un discorso prima del concerto per il settantacinqusimo compleanno della grande pianista Idil Biret. Dopo gli studi ad Ankara, nel 2014 è ammesso a La Schola Cantorum di Parigi, dove ha studiato con Marcella Crudeli conseguento il “Diplome de Virtuosite” con il massimo dei voti, Si è perfezionato poi con Maestri quali Alan Weiss, Arie Vardi, Claudio Martinez, Ewa Kupiec, Leslie Howard e Robert Levin. Attualmente prosegue il suo percorso con Grigory Gruzman dell’Accademia “Franz Liszt” di Weimar oltre a seguire le lezioni di Diane Andersen in Belgio. 


[home page] [lo staff] [meteo]