torna alla homepage


Ritorna "Teatro d’Estate, Brugnera racconta: il fiume" nella splendida cornice di Villa Varda di Brugnera

Quattro appuntamenti, dal 4 al 24 giugno – in caso di maltempo trasferimento nel Salone della Festa del Vino di San Cassiano di Brugnera.

Si alza il sipario sulla rassegna teatrale “Teatro d’Estate, Brugnera racconta: il fiume”, nella splendida cornice del Parco di Villa Varda, a Brugnera. La manifestazione, che si apre il 4 giugno, è organizzata da Fita Pordenone in collaborazione con Comune di Brugnera e tantissime associazioni locali, in primis “Festa del Vino di San Cassiano” e “Brugnera in Festa”.

“Teatro d’Estate, Brugnera racconta: il fiume”, che si aprirà sabato 4 giugno con lo spettacolo “Rumors”, di Neil Simon, allestito dalla compagnia teatrale Laboratorio teatrale Terzo Millennio di Cengio, in provincia di Savona, è una delle tantissime iniziative che compongono il progetto culturale "Brugnera racconta... il fiume", elaborato dalla Commissione Cultura del Comune di Brugnera, coordinato dall'Ufficio Cultura e finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, che per tutto il 2022 animerà il territorio con una serie di attività che vedono il Livenza quale filo conduttore di un’attività culturale diffusa e variegata che trova la sua sintesi in una speciale location: Villa Varda, residenza estiva della famiglia Morpurgo, la cui storia è legata a filo doppio con i corsi d’acqua. Prima con l’Isonzo, dove trascorrevano gran parte dell’anno; dopo con il Livenza, perché trascorrevano le estati nella splendida villa di Brugnera e, infine, con il Canale di Suez, quando sostenne il progetto di realizzazione del Canale di Suez.

“Teatro d’Estate, Brugnera racconta: il fiume” costituisce inoltre una delle tappe di "Teatrando... amatorialmente... nel pordenonese", progetto sostenuto da Friulovest banca.
Quattro gli appuntamenti in tabellone, alle 21:

sabato 4 giugno: la compagnia teatrale Laboratorio teatrale Terzo Millennio di Cengio di Savona porterà in scena la commedia “Rumors” di Neil Simon (traduzione Maria Teresa Petruzzi; per gentile concessione della MTP concessionari associati Srl) per la regia di Carlo Deprati. 
La trama. Per festeggiare dieci anni di matrimonio, Charley e Myra Brock hanno invitato i loro amici più cari, tutti molto “upper class”. Ma quando i primi arrivano a casa Brock, trovano Charley in camera sua in un lago di sangue e nessuna traccia della moglie. Come se non bastasse, la servitù è scomparsa e la cena non è pronta. Che fare? Qualunque cosa pur di tenere la situazione sotto controllo, inventando scuse su scuse per giustificare la “momentanea” assenza dei padroni di casa agli amici che man mano arrivano, con il solo risultato di amplificare i pettegolezzi (rumors, appunto) prima su Charley e Myra e via via su tutti gli altri, in un crescendo di situazioni sempre più “disperate”.

venerdì 10 giugno: la compagnia teatrale “Il Teatrozzo” di Pasiano di Pordenone porterà in scena la commedia “Bastava na bota”, di Loredana Cont (regia di Andrea Burato). 
La trama. Dopo anni di matrimonio Ivana e Fabio vivono un periodo di profonda crisi e di insoddisfazione che li porta alla decisione di dividersi, senza un motivo particolare. La vicinanza e i consigli delle sorelle, del figlio e dello zio Cardinale non sortiscono l'effetto sperato. Ma quando la separazione sembra ormai inevitabile un imprevisto scombina le carte in tavola, e a questo colpo di scena ne segue un altro. Ma arriveranno a separarsi? O sono già separati e non lo sanno? O non vogliono più separarsi?

venerdì 17 giugno: la compagnia teatrale La Risultive di Talmassons (Udine) porterà in scena “Volpone”, da Ben Jonson (regia di Andrea Chiappori).
La trama. Volpone, farsa del '600 inglese è una commedia astuta come poche, un pezzo di genio di più di 400 anni. Sui protagonisti, furbi o astuti che siano, pende la ghigliottina della solitudine profonda che colpisce gli avidi. Volpone e il fido Mosca sono geni del male, talmente raffinati che nemmeno sfuggono ai loro stessi raggiri. L'abile gioco mette in luce le meschinità umane più abbiette, mostrando come l’illusione della ricchezza si possa nascondere dietro una finta morale fatta di inganni e di truffe che tre “avvoltoi” incarnano ponendosi in contrasto con due giovani ancora sani nella loro dignità. Pur nello stravolgimento del tempo, ogni passaggio del testo, sottolineato da intermezzi di coinvolgente musica rock, costumi quasi clowneschi e personaggi attraversati dalla maschera, racconta quanto il tema appartenga al presente. Divertente e a tratti spassosa, è una commedia che lascia quel gusto amaro che solo un protagonista come l’oro può offrire.

venerdì 24 giugno: nel 25° anniversario della compagnia, I Commedianti per scherzo di San Cassiano di Brugnera porteranno allestiranno la commedia “Tut par colpa dell’Inps”, di Massimo Segatto (regia di Franco Segatto).
La trama. La crisi aguzza l’ingegno! Questo potrebbe essere il sottotitolo di questa brillante commedia che narra la vicenda di una coppia di pensionati, Pino e Santina, stretti dalla morsa della crisi economica e che, per far quadrare il bilancio familiare, decidono di affittare una camera del proprio appartamento. In questo contesto nascono, naturalmente, una serie di complicazioni la cui principale causa è l’aver affittato la stanza a due persone contemporaneamente. Le situazioni imbarazzanti e divertenti sorgeranno spontanee alimentate da una vicina impicciona e vicende amorose un po’ complicate.


[home page] [lo staff] [meteo]