torna alla homepage


Fondazioni liriche, quale futuro? Se ne parla
in un convegno al teatro Verdi di Trieste

Teatro Verdi - Trieste sala “P. Vero” 23 aprile 2018 ore 11.00

Dalla crisi al rilancio: cultura, occupazione, turismo Quale futuro per le Fondazioni Liriche italiane? Sarà questo il tema portante di tutto il dibattito che, a mo' di filo conduttore, intreccerà, legandolo a sé, ciascun intervento dei relatori presenti. Sono ormai passati cinque anni dall’entrata in vigore della Legge 7 ottobre 2013, n.112 che avrebbe dovuto mettere in salvo le Fondazioni più in difficoltà, rilanciandone il loro inestimabile valore culturale sia a livello nazionale che internazionale.

È quindi giunta l’ora di tracciare un bilancio, di chiedersi se i risultati raggiunti corrispondano a quelli designati dal legislatore, se il sistema attuale delle istituzioni di produzione culturale sia idoneo a garantire la maggiore efficacia produttiva, unita ad un'imprescindibile qualità del prodotto offerto.

A questo proposito, ci chiederemo se gli sforzi sostenuti finora dai circa cinquemila lavoratori del settore (cassa integrazione in deroga, mobilità, taglio degli stipendi, licenziamenti e altro ancora) abbiano contribuito a mettere in salvo il futuro delle Fondazioni.

Tenteremo, inoltre, di dimostrare con convinzione quanto la cultura non sia solo un capitolo di spesa di bilancio, ma un investimento che può portare ricchezza reale nei territori, in termini economici, occupazionali oltre che turistici.

Ci aiuteranno in questo percorso esponenti di altissimo livello che hanno fatto del melodramma una vera ragione di vita. Come non citare per primo Cristiano Chiarot, presidente dell’Associazione Nazionale Fondazioni Lirico-Sinfoniche italiane, già sovrintendente della Fenice di Venezia e ora chiamato a risollevare le difficili sorti del Maggio Musicale Fiorentino. E poi Enrico Sciarra, icona del sindacalismo di settore, Domenico Balzani, affermato cantante d’opera nonché vicepresidente di Assolirica, Andrea Danilo Conte, avvocato esperto del settore, con il quale affronteremo la delicata questione che vede le Fondazioni destreggiarsi affannosamente tra diritto pubblico e diritto privato, rendendole di fatto ingestibili. Ci porteranno i loro saluti Stefano Pace, sovrintendente della 
Fondazione Lirica triestina e Bruno Bertero, direttore marketing PromoturismoFVG. Nella seconda parte del dibattito, chiederemo un commento e una riflessione agli esponenti politici che, con sensibilità e interesse, si sono lasciati coinvolgere nell’iniziativa: gli onorevoli Michela Montevecchi, Flavia Piccoli Nardelli, Laura Stabile.
Sarà moderatore del dibattito il critico musicale Rino Alessi.


[home page] [lo staff] [meteo]