torna alla homepage


Adotta uno spettacolo si allarga a musica e teatro off: presentata a Pordenone l'edizione 2019


Nove teatri le cui Stagioni vengono scandagliate e rimesse “in rete” a beneficio del pubblico studentesco, al quale vengono proposti percorsi specifici da scegliere su un “menu teatrale” quest’anno particolarmente ricco, con ben 49 spettacoli, 14 istituti coinvolti, due concerti e un progetto speciale di lezione-spettacolo interattivo: questi i numeri della nuova stagione di Adotta uno spettacolo, lo storico progetto promosso da Thesis Associazione Culturale che giunge nel 2019-2020 alla sua 22.ma edizione, curata ancora una volta da Carla Manzon.

Sostenuto dalla Fondazione Friuli e patrocinato dal Comune di Pordenone, Adotta uno spettacolo coinvolge attivamente l’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, che coordina i teatri di San Vito al Tagliamento, Sacile, Maniago, Zoppola, Casarsa della Delizia, il Teatro Comunale “Giuseppe Verdi” di Pordenone ed il Teatro Comunale “Marcello Mascherini” di Azzano Decimo. Quest'anno, inoltre, il progetto arricchisce le sue proposte con le programmazioni del Teatro Miotto di Spilimbergo e del Teatro Pileo di Prata di Pordenone, recentemente entrate a far parte del circuito ERT

La formula di “Adotta uno spettacolo” conferma di anno in anno il suo straordinario successo, avvicinando gli studenti delle Scuole Superiori al mondo del teatro attraverso la visione degli spettacoli in stagione, il loro commento in forma di recensione, scritta o “multimediale”, il loro approfondimento con incontri, interviste o interventi critici degli autori, attori, registi o di altri ospiti a loro disposizione in classe o in sala. Una modalità didattico-culturale attiva e consapevole, che sotto la guida di un vero plotone di insegnanti, ha coinvolto l’anno scorso 12 istituti di Pordenone e provincia, per un totale di circa 6mila presenze.

Tra le novità della stagione in partenza anche due nuove collaborazioni di segno più contemporaneo, con l’Associazione il Deposito per la programmazione del Capitol di Pordenone, e con l’Associazione Speakeasy per la rassegna “Teatro Off” ospitata nel Convento di San Francesco a Pordenone.

Il professore-rapper Murubutu, con il suo personalissimo approccio alla letteratura in chiave musicale, e lo spettacolo d’avanguardia multi-art dei “La Crus” attenderanno gli studenti alla sala Capitol, mentre la pièce “Lo schifo” dedicata alla memoria dell’omicidio di Ilaria Alpi ed “Echoes”, testo ambientato in una sorta di “medioevo prossimo futuro” di allarmante disumanità, saranno proposti da Speakeasy alla visione critica dei giovani spettatori di “Adotta uno Spettacolo”: scelte innovative e vicine alle nuove modalità espressive delle generazioni digitali, che non trascureranno però il contatto e le emozioni dello spettacolo “dal vivo”.

Anche l’originale percorso shakespeariano “Solo il tuo nome mi è nemico”, che coniuga il teatro classico del “Romeo e Giulietta” con i meccanismi della Mediazione civile, sarà riproposto, a grande richiesta dopo gli applausi della passata stagione, in forma di lezione-spettacolo per la scuola secondaria di 2. e di 1. grado), sempre con focus sui temi del conflitto, dell’ascolto, della possibile soluzione felice della vicenda tra Capuleti e Montecchi, in un fortunato corto circuito tra teatro elisabettiano e contemporaneità.

Gli spettacoli “adottati” sono stati anche quest’anno racchiusi in percorsi tematici: 

NUOVI PERCORSI. Viene riproposta a grande richiesta, con il sostegno della Bcc Pordenonese, “Solo il tuo nome mi è nemico”: Shakespeare, la mediazione e l’allenamento alla responsabilità, la lezione-spettacolo realizzata grazie alla collaborazione con l’Organismo di Mediazione Forense dell’Ordine degli Avvocato di Pordenone (dal 13 al 18 gennaio 2019), con una versione per gli adulti il 18 ottobre. Cosa accadrebbe se, trasportando l’atavico conflitto ai giorni nostri si riuscisse a convincere le due famiglie a partecipare a una sessione di mediazione civile? Due attrici condurranno il pubblico attraverso gli snodi narrativi dell’opera alternando affabulazione, reading e interazione con gli studenti, fino alla simulazione finale di una mediazione civile fra le famiglie Capuleti e Montecchi con l'intervento di un mediatore professionista. Saranno gli studenti a decretare se la mediazione sarà andata a buon fine o meno. Musica al Capitol di Pordenone (29 novembre) con la performance “Tenebra è la notte ed altri racconti di buio e crepuscoli”di Murubutu professore-rapper-cantautore che ha inaugurato una nuova forma musicale di “rap-didattico”, e lo spettacolo multimediale “Mentre le ombre si allungano - appunti scenici per voci, suoni e immagini”della storica band milanese dei La Crus (6 dicembre).
“Teatro Off” di Speakeasy promuove la scena contemporanea con“Lo schifo. Omicidio non casuale di Ilaria Alpi nella nostra ventunesima regione” (24 novembre) ed “Echoes”, una sorta di thriller fanta-politico firmato da Lorenzo De Liberato per la regia Stefano Patti (31 gennaio)

I PERCORSI TEATRALI
All’interno delle stagioni dei teatri sono stati individuati diversi ambiti tematici sui quali articolare una proposta di approfondimenti: I classici, Il teatro delle emozioni, Teatro e società, Il teatro è un romanzo, il Teatro delle idee e Diversamente classici.

LA SCENA DELLA PAROLA/DEDICA 
Il percorso La scena della parola, collegato al festival Dedica 2020, parte dalla conoscenza delle opere dell’autore fino all’incontro esclusivo con il dedicatario durante la rassegna.

INCONTRI ORGANIZZATI NEGLI ISTITUTI
Continuerà anche quest’anno la serie di incontri con attori e registi protagonisti delle stagioni teatrali, con chiacchierate dopo la visione dei loro spettacoli.

ABC DEL TEATRO
Nella pagina Facebookdi Adotta uno spettacolo, coordinati da Carla Manzon, gli studenti hanno costituito una vera e propria redazione concentrandosi su un alfabeto minimo delle parole del teatro, l'ABC del Teatro, e curando recensioni in forma scritta o multimediale, interviste ai protagonisti, anteprime, approfondimenti.

TEATRI COINVOLTI
Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone, Auditorium del Centro Civico di San Vito al Tagliamento, Teatro Zancanaro di Sacile, Teatro Pasolini di Casarsa, Teatro Comunale di Zoppola, Teatro Comunale Mascherini di Azzano Decimo, Teatro Verdi di Maniago, Teatro Miotto di Spilimbergo, Teatro Pileo di Prata di Pordenone, ed inoltre “Teatro Off” al Convento di San Francesco (Associazione Speakeasy) e concerti alla sala Capitol di Pordenone.

Informazioni e dettagli: www.adottaunospettacolo.it


[home page] [lo staff] [meteo]