torna alla homepage


Massimo Somaglino conduce un Corso di Teatro
a Sacile per l'Anniversary del Piccolo Teatro


Per il suo “Anniversary”, che festeggia i 50 anni di attività dell’Associazione, il Piccolo Teatro Città di Sacile promuove un Corso di Teatro che sarà ospitato presso la Sala Brugnacca del Centro Giovani Zanca sotto la direzione dell’attore e regista friulano Massimo Somaglino. L’iniziativa è realizzata con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli, con il patrocinio del Comune di Sacile e il contributo della Banca di Cividale, nell’ambito dei percorsi di formazione e divulgazione teatrale che stanno caratterizzando la programmazione dell’anno in corso.

Articolato in 8 incontri il venerdì sera (dall’11 ottobre al 13 dicembre, eccetto l’1 e 29 novembre) il laboratorio proporrà esercizi e training sull’emissione ed uso della voce, postura e gestualità da mettere a frutto in palcoscenico o nelle prove di lettura che spesso i gruppi teatrali si trovano ad affrontare. E per rendere la proposta più “pratica” ed operativa possibile, Massimo Somaglino ha scelto di lavorare prendendo come base alcuni testi, in prosa o poesia, di Pier Paolo Pasolini, che sarà dunque il fil-rouge speciale degli incontri pensati per introdurre il gruppo nei segreti del mestiere dell’attore.

Tra i consigli di lettura proposti, “Il sogno di una cosa”, le prose di “Romàns”, le pagine poetiche de “La nuova gioventù”, l’ultimo libro pubblicato in vita da Pasolini nel 1975 che raccoglie in unico volume le poesie degli anni 1941-1974, e i racconti di “Amado mio”, uscito postumo nel 1982.

Nel percorso di questa formazione teatrale, come anticipa il docente, “scopriremo cosa può fare il nostro corpo e di solito non fa, poi pian piano cercheremo l’impiccio, l’ostacolo, una nuova postura. La parola detta, all’inizio, come una confidenza, e poi la parola gridata, l’urlo, il riso e il pianto”. 

Il gruppo ammesso al laboratorio sarà di 15 persone , così da favorire un lavoro in profondità e personale, nella convinzione che “recitare, agire sulla scena, è un lavoro individuale prima di tutto, e collettivo subito dopo”.

Attore, autore e regista teatrale, Massimo Somaglino è attualmente il direttore artistico del Teatro Club di Udine. Attivo in molti progetti teatrali nazionali (tra gli altri, con lo Stabile del Veneto dal 2006 al 2010), con Giuliana Musso ha messo in scena spettacoli di successo: “Nati in casa” (di cui è anche co-autore), “Sexmachine” e “Tanti Saluti”. 

Ha lavorato in “Zitto, Menocchio!”, “Cercivento”, “Achtung banditi!”, “Indemoniate”. Ha realizzato il cortometraggio “Up/down” e il mediometraggio “Carnia 1944”. È andato in scena in abiti femminili nella commedia “La vita non è un film di Doris Day” di Bellei, ha diretto “L’ùali di Diu”, versione in carnico di “Elnemulas” di Miklós Hubay, ha scritto e diretto “Tre giovini”, da Novella Cantarutti e co-scritto e messo in scena “BBQ-Tre uomini alla griglia”. 

La sua “frequentazione” con Pasolini ricorre continuamente nel suo lavoro: da “I Turcs tal Friûl” (memorabile la messa in scena di Elio De Capitani nel 1995 per il Teatro dell’Elfo di Milano, con il quale Somaglino ha lavorato in varie altre produzioni per diverse stagioni, l’ultima nel 2018) a “Suite in forma di rosa”, concerto teatrale per i 40 anni dalla morte del poeta (2015), fino a “Il sogno di una cosa”, anche recentemente andato in scena col titolo “Nini e Cecilia” nell’ambito del festival “Lùsignis – a Casarsa nei borghi di Pasolini” (2019).

Le iscrizioni al Corso sono aperte fino al 7 ottobre: la quota prevista è di 130€, da versare tramite bonifico al Piccolo Teatro o regolare la sera della prima lezione: maggiori informazioni potranno essere richieste via tel. 366 3214668 o mail: piccoloteatrosacile@gmail.com 

Materiali informativi disponibili online: www.piccoloteatro-sacile.org


[home page] [lo staff] [meteo]