di Edoardo Gridelli


torna alla homepage


Presentata la colossale stagione del
Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia


Finalmente si comincia il conto alla rovescia per il primo spettacolo in cartellone al teatro stabile regionale "Il Rossetti". Infatti è stato presentato l'intero programma che lo Stabile mette in scena quest'anno, e mai titolo più azzeccato per l'intera stagione.

Una parentesi sicuramente difficile da chiudersi, ad auspicarsi che non capiti, visto il carnet di spettacoli, gli artisti, di registi messi sul campo quest'anno dalla direzione del rossetti. Noi si andrà per ordine cronologico delle varie piece e spettacoli messi in scena sempre ricordando a quale classico" filone" del teatro appartenga: Prosa, Altri Percorsi, Musical & Altri Eventi è un nuovo itinerario che ci accompagnerà fino almeno al 2020 anno dell'ESOF a Trieste, percorso dedicato alla scienza ovviamente nel teatro. Dunque finalmente si comincia a con i fuochi d'artificio, come avevamo già anticipato nella preconferenza stampa di qualche tempo fa che via via segneremo come link per vari spettacoli, link che avranno interviste, recensioni, fotografie, spot in anteprima di alcuni spettacoli. Questo articolo sulla conferenza stampa di oggi infatti conclude una ricca aggiunta dell'offerta che il Teatro Stabile triestino ci offrirà quest'anno.

Il presidente Sergio Pacor ha preso per primo la parola ringraziando i presenti tra cui per il procuratore generale della corte d'appello di Trieste ad altre autorità, lasciando la parola all'assessore alla Cultura Tiziana Gibelli, autodefinitosi un amante del teatro, tanto che fino a 15 anni voleva diventare attore poi caldamente sconsigliata si è ritrovata comunque allarmarlo a seguirlo ed ora a lavorare per migliorare lo stesso, riconoscendo uno stabile triestino una così ampia produzione e un cartellone di primo piano. L'Assessore del comune di Trieste ai Teatri Serena Tonel ha riaffermato le parole della sua collega regionale definendo un capolavoro il cartellone di quest'anno definendolo come un bel bouquet di fiori profumatissimo ecco provatissimo, anche perché gli spettacoli possono soddisfare un pubblico dai zero ai cent'anni intercalata tra i vari percorsi che è molto più affascinante, forte e con e complessa nella sua semplicità dell'altr'anno. L'assessore ha confermato lo stanziamento per il continuo restiling per il teatro, cosa dovuta a tutta Trieste e sui cittadini.

Ha preso poi parola, quale rappresentante delle Assicurazioni Generali, Giuseppe Randazo e sottolineando il connubio tra le Generali Assicurazioni e lo Stabile, ribadendo che le stesse hanno sempre avuto un occhio di riguardo verso la cultura e verso il Teatro Rossetti, anche quest'anno infatti ci sarà, oltre alla sponsorizzazione, sarà offerto da Assicurazioni Generali e il suo a dipendenti e studenti che ripercorre attraverso la musica la storia del mitico Chet Backer, con lo spettacolo" Tempo di Chet. La versione di Chet Backer" dal tre al 4 dicembre 2018 (Sala Assicurazioni Generali) tra ottima recitazione di un cast condotto da Leo Muscato e una jazz session capitanata dalla tromba di Paolo Fresu.

Poi Il presidente Pacor, ribadendo che è anche il teatro e la cultura in generale soffre di una profonda crisi sia economica che di veri talenti commediografi, cosa ha ribadito anche dal direttore Però, ma non si può dimenticare assolutamente l'importanza fondamentale del teatro in ogni sua forma dato che espressione dei nostri tempi delle nostre angosce delle nostre emozioni e anche rileggendo in questo caso rivedendo piece immortali, dato il loro contenuto si arricchiscono quella forma mentis per comprendere il nostro presente come per il primo spettacolo in cartellone dal 16 al 21 ottobre 2018 (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) "I MISERABILI".

Il Direttore del Rossetti, ha voluto innanzitutto ringraziare tutti i collaboratori del teatro, circa 30 persone e con loro aiuto ma nel modo che il sipario si apre a più di 150 volte l'anno, ne ha voluto ricordare che ben 11 sono le produzioni e coproduzioni teatrali quest'anno dello Stabile. Però ha voluto rimarcare l'importanza dell'ESOF Euroscienza Open Forum che si terrà a Trieste nel luglio 2020, ed aver aperto un nuovo percorso proprio per questo festival internazionale di scienza.

Subito dopo (PROSA - Sala Bartoli), nella ricorrenza del quarantennale della legge Basaglia, autori e protagonisti Massimo Cirri e Peppe Dell'Acqua, per regia Erika Rossi, ricostruiscono e ricompongono nuove strade di questa lunga strada che Basaglia ha aperto: "La vera storia di un' impensabile rivoluzione" dal 18 al 21 novembre 2018.

Per ALTRI PERCORSI (Sala Assicurazioni Generali) si inizia dal 22 al 23 ottobre 2018 con "A night in Kinshasa - Muhammad Ali vs George Foreman" (vedi il video a questo link), la storia di quel mitico incontro tra due grandi campioni di boxe e non solo.

"WE WILL ROCK YOU" aprirà MUSICAL & EVENTI (Sala Assicurazioni Generali) dal 25 al 28 ottobre 2018 (vedi l'articolo a questo link), Musical di Ben Elton naturalmente su musiche dei Queen.

Ritorna Eduardo de Filippo con una delle più famose sue rappresentazioni "Filomena Marturano" per la regia di Liliana Cavani, cosa non indifferente, come la protagonista Mariangela D'Abbraccio (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) dal 7 all'11 novembre 2018.

"LA GIOIA" (ALTRI PERCORSI - Sala Assicurazioni Generali) dal 24 al 25 novembre 2018 con la compagnia di Pippo Delbuono che ci offrirà il suo nuovo spettacolo che come sempre non riusciremo a non emozionarci anche parlando di mondi forse per noi sconosciuti quali l'emarginazione, il degrado, la povertà che molti di noi non conoscono, lasciando allo spettatore l'idea di approfondire in sé questa tematica attraverso intuizioni, suoni e balli fino alla fine con un clamoroso exploit floreale, forse per ricordarci che dovunque può crescere un fiore.

Dal 28 novembre al 2 dicembre 2018 (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) ritorna William Shakespeare con un difficilissimo "MISURA PER MISURA", ma sarà proprio Massimo Venturiello, per la regia di Paolo Valerio, a rendere questo dramma quasi una commedia ambientata a rileggere i nostri giorni . Commedia più che attuale visti temi come la personale responsabilità nel giudicare, il traballare la un'idea di vizio e rigore, il nostro contrasto che a volte ci propinano e opprimiamo tra apparenza realtà.

MUSICAL & EVENTI (Sala Assicurazioni Generali) dal 13 al 18 novembre in scena con il musical tratto dal famosissimo film "GHOST" dove oltre alla celeberrima canzone, vi saranno musicalità e canzoni scritte dal duo Dave Steward e Glenn Ballard. Spettacolo di cui la notorietà non ci consente di aggiungere altro.

Per EVENTI SPECIALI dal 16 novembre al 2 dicembre 2018 (Sala Bartoli) va in scena” UN ALTRA CENERENTOLA” liberamente tratto dalla nota fiaba da Luciano Pasini, su anche la regia. Un interessante contaminazione tra una cenerentola conosciuta e romanzo “Waiting mor” di Rukhsana Khan ambientato nell'attuale Afghanistan, gli allevi attori della scuola StarTs Lab saranno protagonisti” di questo “sogno” per secoli che è sempre l'amore.

Il 3 e 4 dicembre un evento offerto da Assicurazioni Generali a studenti e dipendenti: si tratta di “Tempo di Chet. La versione di Chet Backer” che ripercorre la storia di questo controverso mito della musica del Novecento, armonizzando la recitazione di un ottimo cast d’interpreti diretti da Leo Muscato, al jazz di uno straordinario assieme capeggiato dal grande Paolo Fresu alla tromba. 

Dal 4 al 23 dicembre 2018 (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) "SINDROME ITALIANA" ci racconterà in realtà è per molti sconosciuta, quella della depressione, della malinconia, del malessere di tante badanti che al loro rientro dalle vacanze nei loro paesi d'origine all'improvviso scoppia il loro punto una commedia, proprio un dramma dei connotati femminili poco conosciuti che le tre interpreti Manuela Mandrachia, Sandra Tofolatti e Mariangeles Torres riescono perfettamente a focalizzare e a esplicare questi drammi interiori. Anche questa piece teatrale è una coproduzione del Teatro Stabile Rossetti.

Dal dal 9 al 18 novembre 2018 per MUSICAL & EVENTI (Sala Assicurazioni Generali) Giorgio Camadona per la regia di Martha Rossi ci offrirà un "PETER PAN FOREVER", scritto da Maurizio Colombi, musical basato sulle creazioni di Edoardo Bennato con più di 20 interpreti e splendidi effetti speciali. A tal proposito sempre al teatro "Rossetti" e crediamo non sia un caso, il 9 novembre Edoardo Bennato sarà in concerto per la gioia dei suoi aficionados.

Altro EVENTO SPECIALE il 10 dicembre 2018 (Sala Assicurazioni Generali) sarà volta del concerto di SCOTT BRADLEE'S – POST MODERN JUBOKE, unico appuntamento per il Triveneto in cui poco rock e R&B si fondono assieme come in una macchina del tempo come ha definito lo stesso Scott Bredlee il suo concerto, Al Teatro Stabile Sloveno il 7 dicembre 2018 la piece di Alessandro Serra "MACBETTU" tratta dal "MACBETH" di Schakespeare. Quest'opera teatrale sperimentale dove il Serra incrocia tra teatro classico, cultura popolare e lingua sarda ha già vinto nel 2000 e 17 il premio UBU con il mio spettacolo dell'anno.

Tralasciando i divoratori di libri, come noi, forse molti dei nostri lettori si ricorderanno un grande Ugo Tognazzi nella sua interpretazione de" IL MAESTRO E MARGHERITA" dello scrittore russo Michail Bulgakov. In scena al Rossetti dal 12 al 16 dicembre 2018 (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) per la riduzione teatrale di Letizia Russo e la regia di Andrea Baracco, superbo Michele Riondino nei panni di Woland, strano sciamano, ma che non è altro che il diavolo che appare in questa piece. Come in tutta la prosa di Bulgakov vi è sempre un in e Jan, il bene e il male, l'amore e l'indifferenza e questo capolavoro rappresenta forse uno dei più alti punti creativi del suo lavoro.

Per la DANZA (Sala Assicurazioni Generali) per il 17 dicembre 2018 il Moscow classical ballet ci offrirà forse di uno dei più noti balletti al mondo “LO SCHIACCIANOCI ” di Pëtr Il'ič Čajkovskij. Questo corpo di ballo ha composto dai migliori ballerini provenienti dal Bolshoi e dell'accademia di Vaganova. Tanto per citarne uno dei famoso Hassan Usmanov di cui ne e' anche il direttore artistico.

Dal 18 al 19 dicembre 2018 il primo appuntamento proESOF “Copenaghen” (Sala Assicurazioni Generali) dove l'autore Michael Frayn gioca proprio su quel principio di indeterminazione così discusso dei fisici: siamo a Copenhagen nel1941, e la Germania nazista sembra sul punto di aver trovato il metodo per costruire la bomba atomica, qui nel salotto di Niels Bhor e sua moglie di origine ebraica discutono con un suo allievo Heisemberg, e qui il cast di eccezione Umberto Orsini, Massimo Popolizio Lo e Giuliana Lojodice, lasceranno il pubblico nel dubbio e nell'indeterminazione se Bohrg voleva barattare la sua salvezza con i suoi ultimi studi o se l'allievo era spinto da rimorso e scrupoli morali.

Proprio a fine d'anno avremo l'unica tappa dal 29 al 31 dicembre (Sala Assicurazioni Generali) delle “LE CIRQUE WITH THE WORD'S TOP PERFORMERS in”ALIS”, in questo link troverete la presentazione completa

Per EVENTI SPECIALI (Sala Assicurazioni Generali) sotto Natale (21 dicembre 2018) ascolteremo i migliori gospel con uno dei migliori gruppi di questo genere di HARLEM GOSPEL CHOIR

Per il teatro sperimentale, visuale e di figura Marta Casunà“ ci offre “IL CANTO DELLA CADUTA” ispirato al mito del regno dei Fanes, dall'8 al 13 gennaio 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli).

Ritorna Luigi Pirandello con il suo celeberrimo capolavoro ”COSI E' SE VI PARE” dal 9 al 13 gennaio 2019 (Sala Assicurazioni Generali) per regia di Filippo Dini con Francesca Agostini, Mauro Bernardi Andrea Di Casa e lo stesso Dini,

Per EVENTI SPECIALI (Sala Assicurazioni Generali) il 15 gennaio 2019 la comicità, la fabbrica dir ilarità a volte un po' grottesca a volte intellettuale del duo Massimo Lobez & Tullio s'Solenghi show farà certamente sold out.

Dal 15 al 20 gennaio 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli) un'altra produzione del Teatro Stabile triestino “THE HARD WAY TO UNDERSTAND EACH OTHER”. Come ogni anno i giovani attori e artisti premiati o che si sono distinti al premio nazionale “Giovani realtà del teatro”che dedicato ai temi e a nuovi linguaggi del teatro contemporaneo, calcheranno il palco del teatro, Questo spettacolo di questa giovane compagnia Teatro Presente è la riprova che questo concorso di Udine sforna ottimi talenti, Anche se lo spettacolo non usa la parola i mondi interiori dei protagonisti e le loro sensazioni vengono espresse tutti tutto attraverso i loro con i loro corpi e la loro gestualità.

Dal 23 al 27 gennaio 2019 (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) gli Oblivion tenteranno di bissare il successo del 2014 dove anche i seggiolini scalpitavano e ridevano al loro humour alla loro musiche e le loro modo di fare elogi per la regia di Giorgio Gallione ci presentano un lavoro di Calabrese, Scuda e Vagnarelli , praticamente gl Oblivion stessi, che già dal titolo fa capire di non lasciarsi sfuggire un biglietto “LA BIBBIA RIVEDUTA E CORRETTA”.

Per DANZA (Sala Assicurazioni Generali) il 28 gennaio 2019 farà tappa a Trieste il gruppo newyorkese di danza moderna che già oltre più di 20 anni di attività, fondato da David Parson. Il “PARSON DANCE COMPANY“ ci proporrà delle coreografie e delle ensemble di altra levatura si artistica e coreografica e degli assoli che sono diventati delle i propri cult.

Per la DANZA un ritorno veramente gradito, THE IMPERIAL ICE STARS. Per chi è già visti si ricorderà la loro eleganza il loro stile perfetto le coreografie e gli splendidi costumi e qui dal 30 gennaio al 3 febbraio 2019 (Sala Assicurazioni Generali) ci incanterà anno con la loro” CENERENTOLA ON ICE”

Veramente interessante e di pregio per PROSA (Sala Assicurazioni Generali) dal 5 al 10 febbraio 2019, una coproduzione dello Stabile, il lavoro in cui Fausto Paravidino ne è il regista e autore: “LA BALLATA DI JOHNNY E GILL”, dopo una attenta ricerca in vari laboratori di New York e in Europa sulla storia di Abramo, nasce questo lavoro teatrale multilingue; dopo la torre di Babele nacque la diaspora linguistica dell'umanità, come lo stesso Paravidino dice e multidisciplinare: Commedia e musica,e la storia di un sognatore, Johnny che si fa accompagnare da Gill in un strano ed epico viaggio.

Dal 12 al 17 febbraio 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli) Marco Menegoni, graditissimo ritorno, ci offrirà “Relazioni – sette meditazioni intorno a GIORGIONE”. Il ritorno di Anagoor, uno degli esempi più notevoli di teatro di innovazione ci porterà alle divagazioni cariche di subalterni significati e sfalsate preconcetti per poi essere frantumati e portati su un piano di verità, Un monologo da non perdere assolutamente.

Altro gradito ritorno e del commediografo Oscar Wilde PROSA (Sala Assicurazioni Generali) dal 19 al 24 febbraio 2019 il Rossetti presenta la sua “SALOMÈ” con un cast invidiabile Eros Pagni, Gaia Aprea, Paolo Cresta ed altri, per regia di Luca De Fusco. Da notare che anche questa è una coproduzione dello Stabile triestino. La bellezza di questo lavoro anche se scritto nel lontano1891 e la velocità emozionale in cui attore pubblico cambia registro di essere si può passare da una fiaba a una tragedia epica, si può sentire l'alleggio provocatorio quasi di una preghiera e subito dopo frasi di stile newyorkese, Un altro capolavoro che il Rossetti ci regala ed è da non perdere.

Dal 19 al 24 febbraio 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli) Anna Della Rosa, con la drammaturgia di Carlotta Corradi e la regia di Veronica Cruciani ci presenterà “ACCABADORA”. Tratto dal Libro Di Michela Murgia che ha vinto il Campiello 2010con questo titolo. Un monologo che darà spunto a molte riflessioni sul tema di chi aiuta morire che in fin di vita ma il luogo non è all'ospedale sono le campagne sarde e quel che ne comporta per i parenti o per una figlia piccola e rapporto filiale con una madre che sia biologica o meno, non importa.

Altro appuntamento proESOG il 25 febbraio 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Assicurazioni Generali) con”EINSTEIN & ME” di e con Gabriella Greison. La Greison, donna poliedrica, da scienziata a giornalista, scrittrice e attrice è proprio da queste doti riesce a impiantare un monologo, una disquisizione scientifica senza far perdere l'attenzione al pubblico delineando strade parallele tra amore vero e amore per la fisica che comunque si incrociano nella realizzazione personale e professionale, In questo monologo, e la stessa autrice la mette, vi è un amore viscerale per Einstein e il suo pensiero che come per Mileva che l'ha corteggiata dallo stesso Eistein.

Dal 26 febbraio al 3 marzo 2019 (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) in scena “UN MOMENTO DIFFICILE” di Furio Bordon con Massimo Dapporto: Per l'articolo di questa piece vai a questo link.

Dal 5 al 10 marzo 2019 troviamo in scena “SHAKESPEARE- SONETTI” versione italiana e adattamento teatrale di Fabrizio Sinisi e Walter Malosti. In questo lavoro troviamo con attori come Walter Malosti stesso e Michela Lucenti. Diciamo che l'operazione teatrale dovrebbe essere ottima; l'idea di quattro figure è una sola voce quella di Shakespeare a leggere, a raccontare i suoi sonetti o parte di essi dovrebbe portare a un monologo meno esasperato ma più contrastato nelle figure stesse sono tutti opposti amore morte luce ombre caldo freddo per fuoco ed inoltre non è pornografia grazie Michela Lucenti e il suo gruppo che per più riconosciuti e ensemble di teatro. Danza.

In un cartellone del genere non poteva mancare per DANZA (Sala Assicurazioni Generali) il nuovo spettacolo che è una sicurezza gli amanti del genere i MOMIX con “ALICE ALICE...ALICE”. Spettacolo assicurato dal 6 al 10 marzo 2019.

Dall'11 al 12 marzo 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Assicurazioni Generali) r ritornano gli spettacoli della”Carrozzeria Orfeeo” con il loro lavoro sempre orgogliosi del loro coraggio e della loro ricerca teatrale con ”COUS COUS KLAN”. Per la regia di Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi Gabriele Di Luca e del sua la drammaturgia.
Piece teatrale su un futuro non molto distante dove la scarsità d'acqua mette qualsiasi cosa in dubbio e la popolazione più povera è sempre più sotto controllo e alla periferia dei luoghi dove le persone più ricche, ancora agiatamente. Lavoro e in cui i loro stessi definiscono nelle note di regia ci interessa muoverci sul fragile confine dove, all'improvviso, tutto può ingenerare inevitabilmente risolversi a precipitare.

Ci fa molto piacere che Gabriele Lavia ritorni già Trieste questa volta con una commedia dal 13 al 17 marzo 2019 sarà in scena con PICCOLI CRIMINI CONIUGALI” (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) per la regia e adattamento dello stesso Placido. La commedia ruota sulla monotonia di un manage che ha forse perso di vitalità dove lui scrittore di successo, guarda con cinismo il matrimonio lei è sempre innamorata gelosa, Tutto ruoterà su un banale incidente e la perdita di memoria... Cosa accadrà?

“LA RONDINE-LA CANZONE DI MARTA”di Guillem Clua sarà in scena dal 19 al 24 marzo 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli) per la regia di Francesco Randazzo, con Lucia Sardo e Luigi Tabita. Il catalano Clua ormai si è imposto sulla scena internazionale come uno dei drammaturghi più freschi, innovativi e versatili. La sua principale dote e la sua poliedrica produzione e fantasia teatrale che svaria su un'infinità di argomenti e e al suo fine modo di scrivere, cercando sempre di incalzare il lettore non lo spettatore, senza che l'evento scenico decada, In questo dramma Clua prende spunto dalla strage di Orlando per porre un tema centrale quale l'omofobia e lancia un appello contro l' intolleranza, e nello stesso tempo fare i riecheggiare il suo sdegno per l'ingiustizia e l'assurdità dei terroristi al Bataclan, sul lungomare di Nizza e sulle ramblas di Barcellona. Notevole l'idea della percezione che due protagonisti hanno dopo aver riscontrato amaramente che entrambi sono stati accomunati dalla perdita dei loro cari.

Il 21 marzo 2019 (Sala Assicurazioni Generali) per DANZA gli AREAREA presentano “LE QUATTRO STAGIONI” con la riscrittura su Vivaldi di Max Richter, Piero Marino e Federico Albanese, dopo aver presentato l'estate-inverno, autunno-primavera, alla sala Bartoli, ora gli AREAREA presentano proprio nel giorno dell'equinozio tutte e quattro le stagioni interpretando la composizione con un estemporaneo melodico, volte cadenzato ma vigoroso linguaggio corporeo.

“PLATONOV . Un altro modo di dire che la felicità è altrove” sarà in scena dal 26 al 31 marzo 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli)
Platonov è un grande affresco letterario incompiuto, scritto da un giovane cieco appena di 21 anni e allora perché si dovrebbe pedissequamente seguire nello scritto? E infatti la compagnia delle” Il Mulino di Amleto£, mette in scena qualcosa di diverso qualcosa che ogni volta può essere differente, dal romanzo non è mai stato finito, quindi perché ci dovrebbe essere uno spazio fisico, una barriera tra pubblica spettatore? Potremo trovare gli attori che aspettano il pubblico sul lato della sala un fonico da una parte, il tecnico di scena entrare in azione, gli stessi attori potrebbero chiedere l'approvazione su come proseguire una scena o cambiarla, Non chiameremo questo lavoro con un' opera di rottura o stravagante nel suo contesto innovativo, ma un lavoro ben chiaro e definito dal regista Marco Marenzi, grazie alla sua riscrittura assieme a Lorenzo De Iacono. 

Dal 27 al 31 marzo 2019 (PROSA - (Sala Assicurazioni Generali) Alessia Giuliaini, Alberto Giusta, Davide Lorino, Aldo Ottobrino, Gisella "Szaniszlo" Ben orchestrati diretti da Antonio Zavattieri, con la loro garbata e soprattutto francese ironia e satira ci faranno sorridere e ridere a crepapelle nella commedia di Mattiheu Delaporte; “LE PRE'NOM-cena tra amici”, ricordandovi che dovreste averlo visto al cinema sotto le “mentite spoglie” di “ Il nome del figlio di Francesca Archibugi e prima ancora vi è stata una versione francese. I francesi si sa, si stuzzicano, metti a tavola 2 professori di sinistra, il fratello di lei e la sua compagna pure, un amico single forse gay e da qui, oltre a una intera generazione vien fuori la malizia, la verve, la battuta acida, tutte prerogative della classe media francese, mettendo alla fine a confronto le loro aspettative, la loro amicizia e i loro valori.

Per EVENTI SPECIALI (Sala Assicurazioni Generali) il 2 aprile 2019 Massimiliano Finazzer Flory porta alla sua drammaturgia e regia e interpretazione in” ESSERE LEONARDO DA VINCI – UN' INTERVISTA IMPOSSIBILE”. Finazzer Flory vuole rendere omaggio a Leonardo da Vinci nel suo cinquecentesimo anniversario dalla sua morte portando in scena la figura di questo geniale uomo del Rinascimento, Nello stesso spettacolo l'autore con uno straordinario trucco e make-up diventa da Vinci e il suo parlato rievoca quello rinascimentale e testi sono originali di Leonardo da Vinci, Un modo di far rivivere, ricordare questo genio che risponde a delle domande anche sulla sua infanzia e sui suoi lavori e su tutta la sua vita, commentando pure il suo Cenacolo.

“PER STRADA” di Francesco Brandi per regia di Raphael Tobia Vogel (ALTRI PERCORSI - Sala Bartoli) andrà in scena dal due al 7 aprile 2019. Con Francesco Brandi e Francesco Sferrazza Papa. Vi è molto più o in questa piece, ma una di un humour sarcastico, ironico, velato l'amarezza; la domanda principale è come sono i trentenni che dovrebbero costruire il nostro futuro? Grazie anche all'idea di un taglio cinematografico con proiezioni che aggiungono mistero a profondità al campo sia visivo che l'ascolto i tre artisti fondono arte teatrale e dinamiche cinematografiche, luci e ombre di una generazione che certo qualche cosa in una vita è già senza quasi scopo, indolente, ma che sentono profondamente il bisogno di scrollarsi di dosso tutta l'apatia che hanno per cercare di trovare la strada per un cambiamento per una società almeno vivibile.

Ricard Reguant dirige Giulia Morgani, Tommaso Minniti, Caterina Misasi, Pietro Bontempo e altri cinque ottimi attori per interpretare i capolavoro di Agatha Christie “DIECI PICCOLI INDIANI... e non rimase nessuno” (PROSA - Sala Assicurazioni Generali) dal 7 al 7 aprile 2019. Vi sono molte commedie, anzi gialli e sono stati tratti da questo romanzo, commedie che dall' 1939, anno della pubblicazione del libro, hanno tentato di avvicinarsi a questo insuperabile romanzo giallo, Anche la stessa Christie nel 1943 la cercò di adattare con un finale positivo ma sicuramente non rispecchiava la perfezione del romanzo, Visto il cast, la regia la traduzione di Edoardo Erba siamo sicuri che quando... e non rimase nessuno, saranno applausi a scena aperta.

Un altro evento proESOF in DANZA il 10 aprile 2019 la COMPANY WAYNE McGREGOR presenta “AUTOBIOGRAPHY”. Diciamo subito che è una delle idee più divertenti, simpatiche, istruttive che la danza possa offrire fino ad ora, Il coreografo McGregor si è fatto sequenziale suo DNA, sappiamo che la biologia archeologica, cioè quella dei nostri antenati ce la portiamo addosso in ogni cellula da qui comunque nasce ogni singolo individuo con le sue caratteristiche quindi il nostro DNA è la nostra autobiografia, se poi possiamo sequenziarla in un balletto è un'idea superlativa.

Dal 10 al 18 aprile 2019 (EVENTI SPECIALI- Sala Bartoli) andrà in scena per la regia di Franco Pero' ed è una produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia “GUERRA” di Carlo Goldoni con Filippo Botfgi, Romina Colbasso, Emanuele Gortunati, Ester Galazzi, Andrea Germani, Adriano Giraldi e Mauro Malinverno ( attori ospiti )vorremmo dire non c'è nulla sotto il sole e ci pare adeguato, e infatti Franco Però è riuscito a dipingere con eventi del settecento La più grossa verità sulle miserie della guerra c'è sempre qualcuno che si arricchisce, Se molti pensano a Carlo Goldoni come”Alla bottega del caffè”, “La locandiera” ed altre commedie, dovrebbe ricredersi, La guerra è uno spaccato in cui Goldoni riesce a cogliere le altezze e le miserabili caduta dell'uomo in guerra con assonanze incredibili con il mondo in cui viviamo, Ma ciò poteva forse perché noi non ce ne accorgiamo o non abbiamo la sensazione di quello che una guerra anche se di guerre ce ne sono molte anche in questo momento, non è abbiamo la percezione perché non ne abbiamo vissute di persona nemmeno una, Goldoni si e qui è il genio dello scrittore veneto, comprendere, capire, da un senso anche alle nefandezze della vita le più atroci, EVENTI SPECIALI, “Museo della Guerra per la Pace” Diego Henriquez” dal 10 al 18 aprile 2019 “SARAJEVO IL 28 GIUGNO”, in collaborazione con il Comune di Trieste, di Gilberto Forti, produzione del Teatro Stabile di Trieste, musiche di Johann Strauss figlio e Franz Schubert. Anche per quest'anno viene riproposto negli spazi del museo Henriquez l'opera tratta dal romanzo di Gilberto Forti, da un'idea di Paolo Rumiiz, con gli attori della compagnia dello Stabile facendo ritratto da diversi punti di vista e di osservazione l'attentato di Sarajevo, ma con diverse testimonianze facendone un quadro ben strutturato de tristemente famoso ha tentato all'arciduca Ferdinando, dal 16 al 17 aprile 2019 per EVENTI SPECIALI, basta dire attore, imitatore, comico, raffinato, pungente, sarcastico, vero, inimitabile e stiamo parlando di ANGELO PINTUS la cui comicità e satira così diversa e in qualche modo alternativa a tante altre lo rende unico nel suo genere, Pintus ci presenta il suo nuovo recital DESTINATI ALL'ESTINZIONE”.

Basta il titolo “LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO” e già ci viene in mente omonimo film di questo spettacolo ne parliamo già a questo link.

Interessantissime gradito ritorno di Glauco Mauri a Trieste dal 2 al 12 maggio 2019 (ALTRI PERCORSI - Sala Assicurazioni Generali) con ”EN ATTENDANT B3ECKETT”he ci intratterrà con un percorso multimediale da lui ideato con Roberto Sturno la collaborazione di Andrea Baracco. Interpretato dallo stesso Mauri e Sturno. Ed è proprio glauco Mauri a poterci far scoprire Beckett essendo stato lui nel 1961 ad interpretare “L' ultimo nastro di Krap” e quindi darci strumenti per comprendere meglio il mondo di Beckett con il suo fascino e la sua forza..Potremo deliziarci anche di”Atto senza parole”, passi di radiodrammi non molto conosciuti poesie punti brani dei suoi romanzi e scritti di suoi pensieri. Vogliamo far notare che Samuele Beckett sempre stata persona schiva e riservata ha girato solo un documentario sulla sua vita diretto da Sean O'Mordhae che per la prima volta a Trieste viene proiettato.

Il 7 maggio per il percorso DANZA (Sala Assicurazioni Generali) ritorno pure i ballerini de “ LES BALLETS TROCKADERO DE MONTE CARLO” torneranno a Trieste dopo molte esibizioni di quell'ultima nel 2015, Questa compagnia di soli uomini fondata già del 1974 nel off-off di Broadway, che con le loro coreografie tra il classico e moderno sapranno ancora una volta conquistare il pubblico anche ridendo sulle simpatiche gag che si inseriscono nella trama delle coreografia.

Dal 9 al 12 maggio 2019 per MUSICA & EVENTI (Sala Assicurazionei Generali) Lillo, attore, comico compulsivo e propositivo sia da solista che con suo mitico compagno Greg ci proporrà ”SCHOOL OF ROCK” con le musiche di Andrew Lloyd Webber le liriche di Glenn Slater l'adattamento in italiano di Massimo Romeo Piparo ed è proprio lui con il suo istinto che abbiamo potuto assistere in italiano ai musical più famosi come “Jesus Christ Superstar”, “Evita”, “Billy Elliot” ed ora con ”School of the rock” tratto dal film di Richard Linklater del 2003 con le musiche di Webber. Ritroveremo lo scatenatissimo Lillo che interpreta come nel film stesso il personaggio del professor Dewey Finn.

Dal 23 al 26 maggio 2019 arrivano gli inimitabili e straordinari percussionisti, anche attori, acrobati, ballerini degli STOMP (MUSICAL & EVENTI-Sala Assicurazioni Generali). Trieste li conosceva bene essendo venuti già quattro volte e aveva trionfato e fatto sold out al 2Rossetti” . Conclusione, caos, oggetti alla rinfusa, qualsiasi cosa che possa mettere un rumore in mano agli STOMP diventa ritmo irrefrenabile, ed ogni cosa prende una musicalità ritmica che trasporta il pubblico anche perché non ha limiti di alcun genere di convenzione musicale e di potrete trovare un tutt'uno tra danza musica teatro e ironia.

Qui il video della conferenza stampa

Alcune novità di rilievo riguardano in questa stagione le formule d’abbonamento.

Accanto alle formule consolidate, nasce il nuovo “abbonamento a 15 stelle”, permette di ritirare un solo biglietto per ciascuno spettacolo, di scegliere in tutti i “cartelloni” dello Stabile con un prezzo vantaggioso (€ 162). Per gli abbonati “con le stelle” che la scorsa stagione non avessero “speso” tutte le proprie stelle, è previsto uno sconto di € 5 per ogni stella non spesa, sul prezzo del nuovo abbonamento (fino a un massimo di € 25).

Con la Stagione 2018-2019 vengono varati anche nuovi abbonamenti a turno libero, acquistabili e gestibili sia online che presso i punti vendita dello Stabile: saranno modulati sia nella versione “Intero” che “Under26”. Le nuove formule sono “6 spettacoli a scelta” nel cartellone Prosa, “12 spettacoli a scelta” nei cartelloni Prosa e Altri Percorsi, “4 spettacoli a scelta” nel cartellone Musical, “4 spettacoli a scelta” nel cartellone Danza ed infine l’inedito abbonamento “ProESOF” che prevede l’adesione ai 4 spettacoli di teatro-scienza.

La formula dell’“abbonamento Famiglia” è stata migliorata e conta su un’offerta ampia: “Peter Pan”, “Stomp” fra i musical, lo spettacolo degli Oblivion e “Dieci piccoli indiani” nella prosa, “Cenerentola on Ice” nella danza sono solo alcuni dei titoli dedicati anche al pubblico “in erba”.

Ricordiamo che il sito www.ilrossetti.it, recentemente rinnovato, è fonte di informazioni aggiornate e raccoglie contenuti multimediali, oltre a fornire servizi innovativi e la possibilità di accedere direttamente all’acquisto e alla prenotazione.

La campagna abbonamenti sarà aperta da giovedì 6 settembre, giorno in cui ci si potrà rivolgere per informazioni, acquisti e prenotazioni in tutti i punti vendita dello Stabile regionale.

La conferma degli abbonamenti a turno fisso va effettuata entro venerdì 28settembre: i posti non confermati verranno messi in vendita a partire da lunedì 1 ottobre.

Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.

Le atmosfere musicali della conferenza stampa sono a cura del fisarmonicista Mitja Tull.

La Stagione 2018-2019 del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia va in scena grazie al sostegno della Fondazione CRTrieste, e di Assicurazioni Generali.

Si ringraziano tutti i Soci, in particolare il Comune di Trieste e la Regione Friuli Venezia Giulia.
Si ringraziano per il contributo all’attività altri sponsor che con il loro prezioso apporto aiutano il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia a offrire arte, cultura, pensiero e divertimento di qualità. 


[home page] [lo staff] [meteo]