torna alla homepage


87° cartellone della Società dei Concerti di Trieste al via

Quattordici prestigiose proposte concertistiche in scena dal 13 ottobre 2018 al 19 giugno 2019 al Teatro Verdi di Trieste.

La Stagione 2018/19 della Società dei Concerti di Trieste si preannuncia ricchissima di grandi protagonisti della scena concertistica internazionale ed è caratterizzata da una grande varietà di formazioni diverse.

La storia illustre che contraddistingue la SdC impone di mantenere alto il profilo degli artisti ospiti e nello stesso tempo di guardare alle nuove generazioni di musicisti. I concerti in programma al Verdi assumono quindi un valore di eccellenza all’interno di una strategia culturale più incisiva e variegata. 

La grande novità di quest’anno è che la stagione si presenta come concertistica e non propone più soltanto musica da camera. Inoltre una nuova iniziativa affiancherà il cartellone principale: quattro appuntamenti al Ridotto del Verdi dal titolo “Lieve”, uno sguardo su una nuova, interessantissima generazione di musicisti che contrappone alla giovane età un percorso già molto definito in termini di scelte interpretative e di repertorio.

Proseguiranno, oltre ai concerti in collaborazione con la Fazioli “Winner’s”, anche gli appuntamenti del progetto “VERSO ESOf”, l’iniziativa che porta la musica in diversi luoghi di lavoro, d’impresa e di scienza. Il ciclo di eventi della Società dei Concerti "VERSO ESOf” è una delle prime attività satellitari in collaborazione con proESOF, che apre la serie di appuntamenti e incontri che avranno il loro culmine nel grande evento scientifico culturale di ESOF 2020.

La stagione partirà ufficialmente il 13 ottobre con l’Orchestra della Toscana, affiancata dalla stella nascente Emmanuel Tjeknavorian al violino, un concerto che si preannuncia un grande evento parte delle iniziative in programma per Barcolana 50. Sarà quindi la volta l’8 novembre dell’Accademia D’Archi Arrigoni con Marco Rizzi al violino e Domenico Mason a dirigere l’orchestra.

A seguire il 21 novembre un altro organico allargato, l’ottetto d’archi costituito dai quartetti Gringolts e Meta4 e il 3 dicembre il sestetto d’archi Philar-Monisches Capriccio Berlin.

Dal 23 gennaio 2019 grandi pianisti si succederanno sul bellissimo nuovo pianoforte Fazioli del Teatro Verdi, come Alexander Gadjiev che recupera il concerto cancellato l’anno scorso e per la prima volta a Trieste, il 20 marzo, il canadese Marc André Hamelin, uno degli interpreti più originali del nostro tempo. Debutterà invece a febbraio uno dei violoncellisti più interessanti di oggi, Nicolas Altstaedt, affiancato dal pianista Alexander Lonquich, e ancora il ritorno della leggenda del violoncello David Geringas, in un programma di trio. Ospite di assoluto prestigio è Angelika Kirchschlager, una delle voci più acclamate del liederismo mondiale, che ci regalerà un’immersione nel cuore della poetica romantica tedesca. In programma anche un coro femminile italiano, sul modello di quello formato da Clara Schumann, e il gruppo vocale della Glasbena Matica, il Coro Vikra, che dialogheranno in un colorito e raro programma. Concluderà la stagione il giovane Filippo Gorini, rivelazione del Concorso Beethoven di Bonn e una delle figure più interessanti delle nuove generazioni di interpreti.

Un evento speciale anticipa questa nuova stagione il 21 settembre: l’anteprima del festival Wunderkammer nella Chiesa Evangelica Luterana dove si esibiranno a cappella i De Labyrintho, l'unione di alcuni dei più validi interpreti italiani del repertorio vocale rinascimentale, sotto la direzione di Walter Testolin. Tutte le informazioni su www.societadeiconcerti.it 

Dal 3 settembre fino al 12 ottobre è possibile tesserarsi e acquistare i biglietti al Point SdC presso La Feltrinelli Libri e Musica via Mazzini, 39 e su vivaticket. I possessori della Card Feltrinelli avranno diritto a convenzioni e sconti.


[home page] [lo staff] [meteo]