tratto da


torna alla homepage


Inevitabile: il tema Mittelfest 2023


Inevitabile: è questo il tema dell’edizione 2023 di Mittelfest, scelto dal direttore artistico Giacomo Pedini, una parola che evoca l’inestinguibile contrapposizione tra destino e possibilità di scelta, tra immutabilità e libero arbitrio. Qualsiasi fatto si rivela come un momento inevitabile di un’unica e lunga storia. Allora, vuol dire che le scelte che compiamo non sono tali  perché determinate da un destino già dato?

Questo tema/dilemma da sviluppare tra musica classica e contemporanea, teatro, danza, marionette di figura, arte circense e arte virtuale nel Mittelfest 2023 è stato presentato alla stampa da Giacomo Pedini,  insieme al presidente di Mittelfest Roberto Corciulo e all’Assessore regionale alla cultura Tiziana Gibelli: con loro, al tavolo dei relatori, il sindaco di Cividale del Friuli Daniela Bernardi e l’esperto di teatro contemporaneo Roberto Canziani che ha illustrato il progetto Mittelbabel.

“Il tema di Mittelfest deve essere qualcosa capace di aprire immaginari, di evocare innumerevoli possibilità di racconto e di rappresentazione” – spiega Pedini. “Dopo gli Imprevisti della passata edizione, il 2023 del festival si porrà l’annosa domanda su quale sia il margine dato alla scelta del singolo, quella capace di cambiare l’andamento di un meccanismo che sembra immutabile. Un dubbio sempre più attuale nel tempo in cui viviamo, nel quale non è dato sapere se, nel bene o nel male, il punto d’arrivo che ci attende sia o non sia inevitabile”.

È invece un viaggio nel passato di Mittelfest il progetto Mittelbabel che è stato presentato  dal suo ideatore e curatore, Roberto Canziani. Mittelbabel è l’archivio e la memoria storica di Mittelfest, una piattaforma digitale realizzata dallo studio Zeranta che permette la libera fruizione in rete dei documenti di 30 anni di festival. “Un nome che richiama proprio la Torre di Babele e le tante lingue che hanno attraversato Mittelfest in tre decenni di storia. Testi, locandine, programmi, foto, video saranno liberamente consultabili da tutti: un progetto destinato ad ampliarsi e ad aggiornarsi nel tempo edizione dopo edizione, e messo a disposizione della comunità e del territorio. Durante la conferenza stampa, sarà presentata, a cura di Zeranta, una campionatura dell’archivio Mittelbabel, già in via di realizzazione.

Il legame con il territorio resta infatti uno dei pilastri del festival che, dopo aver costruito nuove relazioni con i principali attori istituzionali, culturali, economici della regione, conferma anche per l’edizione 2023 una stretta sinergia con la città di Cividale del Friuli a partire dal Comune e dal sistema dei musei comunali e poi con il Museo Archeologico Nazionale, con la Parrocchia di Santa Maria Assunta e il Museo Cristiano, con il Convitto Nazionale Paolo Diacono, con la Somsi e con il Curtil di Firmine.

L’assessore regionale alla cultura Tiziana Gibelli,, nel ringraziare  tutto il team di Mittelfest e il sindaco di Cividale per il cambio di passo che il festival ha saputo intraprendere e consolidare in questi ultimi anni, ha ripreso il tema di quest’anno per dire che è proprio inevitabile, quindi, pensare all’appuntamento di GO!2025 perché è un traguardo troppo importante per tutta la Regione, un evento che dura 365 giorni.  Per Cividale è un’opportunità da cogliere. L’edizione 2023 di Mittelfest sarà quindi ancor più proiettata verso il 2025.

Per il Sindaco di Cividale Daniela Bernardi Mittelfest è stato capace di lavorare in questi ultimi 2 anni in maniera eccellente e davvero collaborativa con la città e con le realtà locali, creando un grande valore aggiunto.

L’internazionalità che Mittelfest ha saputo costruire con Cividale ha trasformato la nostra città nella capitale del festival di tutta Europa.

“Il nostro legame con il territorio è sempre più saldo e radicato, ma, allo stesso tempo, Mittelfest è capace di varcare i confini regionali creando importanti connessioni internazionali che rafforzano la posizione centrale di Cividale e del Fvg nella cultura e nello spettacolo dal vivo mondiale – sottolinea il presidente Roberto Corciulo – Basti pensare che Cividale, proprio grazie al supporto e al lavoro in prima linea di Mittelfest, è la prima città italiana ad essere entrata nell’Effe Seals di Efa (European Festivals Association), il network delle località europee che integrano strettamente il proprio sviluppo e la propria immagine alla cultura dei festival.

In più, si avvicina l’appuntamento con GO!2025, la cui progettazione condivisa è realtà già dal cartellone di Mittelfest 2022: dopo aver portato Mittelyoung a Gorizia la scorsa primavera, quest’anno saremo a Nova Gorica”.

La terza edizione di Mittelyoung, infatti, il pre-festival che dal 18 al 21 maggio 2023 porterà sul palco il meglio della nuova gioventù artistica europea under30, si sposterà per la prima giornata di spettacoli da Cividale nella Sala Piccola del SNG Nova Gorica.

Un altro impegno di Mittelfest è trasformare il festival in un evento che si estenda nei luoghi e nel tempo e che quindi duri lungo il corso dell’anno: ne è esempio la turnée di Europeana, diretto e interpretato da Lino Guanciale, una coproduzione Wrong Child Production e Mittelfest2021 e in collaborazione con Festival Ljubljana. Lo spettacolo girerà l’Italia a partire dal Teatro Verdi di Gorizia, passando per Il Rossetti di Trieste, per arrivare poi, tra gli altri, al Piccolo Teatro di Milano e al Teatro Comunale di Ferrara.


[home page] [lo staff] [meteo]