torna alla homepage


Festival Viktor Ullmann: due eventi a Trieste e Gorizia

Mercoledì 17 ottobre nell'ambito del progetto "Terezin 17/10. Desiderio di Musica/Desiderio di Vita" IV anno

Due grandi eventi a ingresso libero, alla Stazione Ferroviaria di Trieste in collaborazione con la Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia Direzione Regionale alle ore 12.00 e nella Sinagoga di Gorizia in collaborazione con l’Associazione Italia Israele di Gorizia alle 21.00, sono in programma mercoledì 17 ottobre 2018 nell'ambito del Festival Viktor Ullmann 2018-19, la sola rassegna che si occupa della tematica legata al rapporto tra la musica e alla Shoah.

Organizzato dall’Associazione Musica Libera di Trieste, il Festival Ullmann è infatti l’unico festival in Europa dedicato alla musica concentrazionaria (così definita perché composta nei campi di concentramento e nei ghetti), alla musica degenerata (la musica proibita nella Germania nazista e nell’Italia fascista perché ritenuta decadente e dannosa) e alla musica d’esilio. L’intento del festival è riscoprire quelle pagine musicali per far rivivere il genio creativo dei loro compositori e riflettere sulla Shoah da un diverso punto di osservazione.

I due appuntamenti si tengono nell'ambito del progetto "Terezin 17/10. Desiderio di Musica/Desiderio di Vita" IV anno, coordinato da Associazione Casa della musica di Como in collaborazione con Associazione Figli della Shoah che prevede iniziative in tutta Italia per ricordare attraverso manifestazioni, concerti e conferenze a tema, la deportazione, avvenuta il 17 ottobre 1944, di tutti i musicisti dal campo di detenzione di Terezin ad Auschwitz.

Il soprano Ilaria Zanetti, accompagnata al panoforte da Pierpaolo Levi, eseguirà musiche di Viktor Ullmann, l'autore-simbolo a cui è intitolata la rassegna.

Il Festival Viktor Ullmann si svolge con il contribuito di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e Le Fondazioni Casali e in collaborazione con la Comunità Ebraica di Trieste.

Ilaria Zanetti
Nata a Trieste e diplomatasi brillantemente al Conservatorio Tartini della sua città, è finalista all'Undicesima Edizione del Concorso Interna Rosetum di Milano, nel 2003 vince il ruolo di Susanna ne Le nozze di Figaro di W. A. Mozart al concorso per ruoli lirici Rome Festival e nel 2005 l’XI Concorso Internazionale Seghizzi, risultando miglior interprete dello Stabat Mater di L. Boccherini.
Nel frattempo si laurea in Fisica presso l’Università degli Studi di Trieste.
Ha cantato nei seguenti teatri: Teatro Regio di Torino, Teatro Alighieri di Ravenna, Fondazione Arena di Verona, Teatro Bonci di Cesena, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Pavarotti di Modena, Teatro Goldoni di Livorno, Teatro Sociale di Como, Teatro Olimpico di Vicenza, Teatro degli Arcimboldi e Teatro dal Verme di Milano, Teatro Giuseppe Verdi di Trieste.
Presente anche all'Estero, ha cantato al Teatro Guaira di Curitiba (Brasile), al Palais des Congrès ad Ajaccio, al Festival Opera Fringe in DownPatrick (Irlanda del Nord), all'Opéra Berlioz/Le Corum a Montpellier (nell'ambito del Festival RadioFrance-Montpellier).
Specialista del repertorio mozartiano e buffo, ha cantato i ruoli di Susanna (Le nozze di Figaro), Despina (Così fan tutte), Zerlina (Don Giovanni), Eugenia (Il filosofo di campagna di Galuppi), Serpilla (Il giocatore di Cherubini), Berta (Il Barbiere di Siviglia), Sofia ne (Il signor Bruschino), Annetta (Crispino e la comare), Norina (don Pasquale), Elisetta (Il matrimonio segreto), Lucieta (I quatro rusteghi).
E' stata anche Nella in Gianni Schicchi e Olga Kromow ne La Vedova Allegra.
Ha collezionato inoltre esperienze nell'ambito della musica barocca (Bellezza nell'Oratorio Il trionfo del Tempo e del Disinganno di G. F. Haendel; Euridice e La Musica ne L'Orfeo di C. Monteverdi; Lieschen nella KaffeeKantate di J. S. Bach) e contemporaneo (Seconda Orsolina in Die Teufel von Loudun di K. Penderecki, Evelina in Da Capo di G. G. Luporini, Rosina in Opera Bestiale A. Tarabella, Das Augenlicht di Webern nella prima esecuzione assoluta nella versione a quattro voci soliste, Mrs. Gobineau in The Medium di Menotti).
Vanta anche esperienza come attrice di prosa nella tournée di “To be or non to be” di M. L. Compatangelo e nella produzione “L'inventore del Cavallo” di A. Campanile dello Stabile del Friuli Venezia Giulia.
Ha inciso per Brilliant Classics L'Incoronazione di Poppea nei ruoli di Valletto e Amore, e L'Orfeo nel ruolo di Prima Ninfa.

Pierpaolo Levi
si è diplomato al Conservatorio “C. Monteverdi” di Bolzano e all’Accademia Filarmonica di Bologna sotto la guida della professoressa Nives Caetani Buzzai. Si è perfezionato con i maestri Caporali, Marzorati e Montanari. Affermatosi in numerosissimi concorsi, nel 1989 ha vinto in Ungheria il primo premio al master internazionale per concertisti dedicato a "Franz Liszt” tenuto da G. Cziffra. 
Nel 1991 ha vinto il primo premio al concorso “Rendano” di Roma; da allora ha intrapreso una carriera concertistica che lo ha portato ad esibirsi in Europa ed in Asia. E’ apprezzato esecutore di musica contemporanea, per il Festival Ullmann ha eseguito l’integrale delle sonate di Viktor Ullmann.

Informazioni sul sito www.musicalibera.it


[home page] [lo staff] [meteo]