torna alla homepage


Si chiude l'emozionante edizione
di Piano City Pordenone 2022


L’edizione che forse più di ogni altra ha fatto percepire «un calore e un affetto particolarmente emozionanti da parte del pubblico» così Luigi Rosso presidente del Comitato Piano City Pordenone 2022 commenta la quarta edizione del festival che termina oggi in piazza XX Settembre con l’omaggio a Ennio Morricone a cura del duo Gilda Buttà e Cesare Picco su due pianoforti. Siamo colpiti dall’entusiasmo del pubblico, specialmente da parte dei giovanissimi che hanno non solo partecipato alla manifestazione sedendo tra il pubblico, ma anche impossessandosi i pianoforti liberi disseminati nel centro storico. Li hanno suonati in ogni momento del giorno, colorando di note e gioia, conquistando pubblico e passanti casuali rendendo questo festival a tutti gli effetti una festa per la città e per la musica» prosegue il presidente Rosso.

Il festival, organizzato dal Comitato col sostegno di Comune di Pordenone, Regione Fvg, Fondazione Friuli e moltissimi sponsor privati, è tornato quest’anno alla sua veste originale, quella dei concerti liberi aperti al pubblico senza prenotazione lasciando il pubblico fluire nelle sedi di concerto. Tanta la voglia di musica, è quanto più è emerso dai commenti degli appassionati. «La musica liberamente risuona e allo stesso modo liberamente ci parla. La libertà della musica, di poterla suonare e di poterla ascoltare, è quanto più ci ha commosso quest’anno - commentano i curatori del festival Bruno Cesselli, Lucia Grizzo, Antonella Silvestrini – Siamo grati di avere avuto la fortuna di poter ospitare pianisti di altissimo valore». Sono stati 71 i concerti in cui si sono esibiti quasi cento pianisti (oltre agli orchestrali); più di 150 le candidature di pianisti che in poche settimane si sono proposti per partecipare al festival.

Tante le emozioni, dai giovanissimi ai pianisti emergenti: strepitoso il “Pianoformance” di Massimo Giuntoli che questa mattina ha fatto ridere e sorpreso il pubblico del Convento di San Francesco (appuntamento realizzato in collaborazione con Yamaha). Alle prese con il Disklavier (pianoforte computerizzato in grado di suonare anche in autonomia), Giuntoli lo ha affrontato ingaggiando una battaglia sonora sui tasti, accostandovi flauti di ogni genere, tamburo,persino usando la propria voce come strumento. 

Poeticamente suggestiva anche piazza della Motta nel concerto Omaggio a Leonard Bernstein di sabato sera, quando il trio Cesselli-Andreoni-Ghirardini ha catalizzato centinaia di appassionati, in un allestimento concentrico che ha trasformato la piazza in un’arena in cui ha riverberato di musica.

Emotivamente intenso e suggestivo anche l’Omaggio al grande Maestro Morricone, che questa sera chiude il cartellone della Primavera e cede il passo all’Estate a Pordenone.

Tra le novità di questa quarta edizione del festival (format nato da un’idea del pianista Andreas Kern, già protagonista nel 2019) il gemellaggio con Piano City Madrid che si è concretizzato nel concerto di Viviana Lasaracina. La manifestazione nella città spagnola si è tenuta nelle medesime giornate pordenonesi costituendo un ponte musicale tra le due città.Anche quest’anno il festival rientra nel cartellone della Festa della Musica (tradizionalmente programmata il 21 giugno) del Ministero della Cultura.

COLLABORAZIONI. La quarta edizione di Piano City Pordenone ha visto rafforzarsi le collaborazioni con i concorsi pianistici nazionali e internazionali in primis con il Pia BaschieraTallon, il Diapason d’Oro, l’International Piano CompetitionRadovljica, il concorso internazionale Città di Cervignano. Anche la collaborazione con i conservatori(il Conservatorio Tomadini di Udine, il Conservatorio del Martini di Bologna, il Conservatorio di Graz).

Tutti i concerti del festival sono a ingresso gratuito grazie al generoso contributo dei tanti partner che sostengono l’iniziativa, oltre a Comune, Regione e Fondazione Friuli: Confindustria Alto Adriatico, Teatro Verdi di Pordenone, Consorzio di sviluppo economico locale del Ponte Rosso Tagliamento, Ascom Confcommercio, Consorzio Pordenone Turismo, Ordine degli Architetti di Pordenone, Yamaha, Mobilificio Sangiacomo, Karton, Neos Group, Salamon Immobiliare, Baldino Group, Bcc Pordenonese e Monsile, Supermercati Visotto, Azzurra Group, Baldissar, Martoni, Feregotto Elevatori, Boz Trading, La Degusteria Di Ferronato, Le Troi Chef, Allianz, Carrozzerie Fontana, Mozzon, Mht, Banca Generali Private, Sina, Reale Mutua. Imprescindibile il supporto dei partner tecnici Interlaced, Mp Musica, Park Hotel Pordenone, Visivart, Cartimballo, Regia Comunicazione, Tipolitografia Martin, associazione la cifra.

Si ringraziano Gruppo comunale Protezione Civile, le fotografe Elisa Caldana, Francesca Di Sopra e Valentina Iaccarino; Claps, Alberto Ruggiero, Tommaso Lessio per le riprese.

INFO www.pianocitypordenone.it - FB @PianoCityPordenone


[home page] [lo staff] [meteo]