di U.V.


torna alla homepage


Presentata la stagione 2021 del Festival di Lubiana


Presentata al caffè San Marco di Trieste la stagione 2021 del Festival di Lubiana, a presentarla il direttore Darko Brlek.

Il festival è arrivato alla 69ª edizione, grazie anche al contributo della municipalità di Lubiana che supporta questa iniziativa con ben il 13% del totale del bilancio annuale destinato alla cultura (l’ultima edizione del Festival è costata 4 milioni di euro).

Il Festival di Lubiana annuncia anche quest’anno nomi stranieri e nazionali di fama mondiale nell’ambito del festival estivo che si svolgerà tra giugno e settembre.

L'attività principale del Festival di Lubiana è l'organizzazione e la realizzazione di un festival estivo internazionale con il quale la capitale slovena fa il suo ingresso sulla scena dei luoghi culturali e artistici di importanza mondiale nei mesi estivi.

Ogni estate il Festival di Lubiana contribuisce significativamente al panorama culturale della capitale slovena proponendo un programma di eventi accuratamente selezionati e spaziando in diversi ambiti musicali – spettacoli di balletto, opera e teatro, musical, concerti da camera e sinfonici, la Colonia internazionale di arte figurativa, master class, laboratori per bambini e giovani, il Festival di Lubiana sul Ljubljanica e molto altro ancora. Nel cuore di Lubiana, molti nomi eccezionali al 69° Festival di Lubiana di quest'anno daranno vita a indimenticabili serate estive nel segno della cultura.

In rispetto delle norme anti COVID-19 gli spettacoli più importanti si svolgeranno all'aperto, sarà mantenuta la distanza minima di 1 metro tra i posto, i componenti dello stesso nucleo familiare potranno stare assieme.

IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE

Questo è il programma:

21/06 Notte d'estate – un omaggio a Tadej Hrušovar, Patrik Greblo dirige l'orchestra sinfonica RTV Slovenia (Piazza del Congresso).

28/06 il festival di Lubiana sul Ljubljanica.

01/07 inaugurazione ufficiale del 69° Liubljana Festival con l'orschestar di San Pietroburgo diretta da Valery Gergiev (Piazza del Congresso).

02/07 la Carmen di Bizet con il mezzo-soprano Elina Garanča, orcherstra RTV Slovenia diretta da Karel Mark Chichon (piazza del Congresso).

05/07 Quasi acustica (Atrio Križanke).

07/07 I 700 anni di Dante & le colonne sonore di Nicola Piovani, dirige lo stesso premio Oscar Nicola Piovani con il soprano Annamaria Dell'Oste e la neonata orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia (Piazza del Congresso).

08/07 ritorna Placido Domingo questa volta non come direttore ma come baritono, Jordi Bernacer dirige l'orchestra RTV Slovenia (Piazza del Congresso).

09/07 E il secolo arrossirà. Il caso Kobkek. Per i capolavodi della Slovenia opera teatrale di Andrej Inkret, regia di Matjaž Berger, teatro Anton Podbevšek (Pergola Križanke).

12/07 spettacolo di balletto del coreografo Edward Clug tratto dall'opera teatrale Peer Gynt del drammaturgo norvegese Ibsen (Piazza del Congresso).

12-15/07 Tutti gli uccelli di un'unica specie. Per i capolavodi della Slovenia opera teatrale di Wajdi Mouawad (Chiesa Križevniška).

14/07 Madama Butterfly di Puccini. Stefano Romano dirige l'Opera SNG Maribor (Piazza del Congresso).

15/07 l'Orschestra Filarminica Slovena, diretta da Charles Dutoit con Martha Argerich al pianoforte (Piazza del Congresso).

16/07 Quartetto di tromboni Slokar (Chiesa Križevniška).

19/07 Sogno di una notte di mezza etsate con i piccoli cantori di Vienna diretti da Oliver Stech.(Piazza del Congresso).

20/07 Mahler a Lubiana con il soprano solista Nika Gorič, dirige Marko Letonja (Chiesa Križevniška).

21/07 Marko Hatlak, solista e virtuoso con la sua fisarmonica (Chiesa Križevniška).

22/07 Orchestra da camera di Mosca “Musica viva”, dirige e suona il violoncello Alexander Rudin insieme al violoncellista Bernardo Brizani (Chiesa Križevniška).

25/07 Violetta Egorova al pianoforte (Sala dei Cavallieri Križanke).

26/07 suoni di tromba tuba e pinoforte, con Reinhold Friedrich, Eriko Takezawa, Roland Szentpali e Epifanio Komis (Sala dei Cavallieri Križanke).

27/07 Orchestra SNG Opera & Balletto Lubiana diretta da Domingo Hindoyan, soprano Sonya Yoncheva, tenore Branko Robinšak (Piazza del Congresso).

28/07 Latica Honda-Rosenberg al violino, Božo Paradžik al contrabbasso, Zuzanna Basinska e Annalisa Orlando al pianoforte (Sala dei Cavallieri Križanke).

29/07 Arrivano i russi! Dmitry Sitkovetsky e Lana Trotovšek al violino (Filarmonica Slovena).

30/07 Tango Story con i musicisti del Tanfo kvintet ed i coreografi ballerini Andreja Podlogar e Blaž Bewrtoncelli (Piazza del Congresso).

31/07 Emanuel Abbühl all'oboe e Felix Renggli al flauto, Kimiko Imani e Thomas Haberlah al pianoforte (Sala dei Cavallieri Križanke).

01/08 Claudi Arimany al flauto e Pedro josé Rodriguez al pianoforte (Chiesa Križevniška).

02/08 Francois Benda al clarinetto, Ole Kristian Dahl al fagotto e Elina Gotsouliak al pianoforte (Sala dei Cavallieri Križanke).

03-05/08 Il magico mondo di Harry Potter – La musica di Hans Zimmer & altri – Il signore degli anelli & the Hobbit concert (Piazza del Congresso).

06/08 Guy Ben-Ziony alla viola, Jens-Peter Maintz al violoncello, Keiko Tamura al pianoforte (Sala dei Cavallieri Križanke).

08/08 Orchestra sinfonica RTV Slovenia diretta da Michelangelo Mazza, Anna Netrebko soprano e Yusif Eyvazov tenore (Piazza del Congresso).

09/08 Mojca Zlobko Vajgl all'arpa, Eva-Nina Kozmus al flauto e Karmen Pećar Kortnik al violoncello (Chiesa Križevniška).

10/08 Kreutzer sonat, quartetto d'archi dissonance, Lana Trotovšek al violino e Andrej Petrač al violoncello (Chiesa Križevniška).

11/08 Jonas Kaufmann tenore con l'Orchestra sinfonica RTV Slovenia diretta da Jochen Rieder (Piazza del Congresso).

13/08 Arcadi Volodos al pianoforte (Filarmonica Slovena).

16-20/08 il musical “Chicago” (Piazza del Congresso).

23-24/08 il musical “Lolita”, dopo “Il maestro e Margherita” ritorna il teatro LDM Novaya Scena di San Pietroburgo dall'opera di Nabokov (Piazza del Congresso).

25/08 l'Orchestra sinfonica RTV Slovenia ed il coro della Filarmonica Slovena, dirigi Mario del Rose, José Cura Tenore,Elisa Balbo Soprano, Nuška Drašček mezzo-soprano, Peter Baczò tenore e Marcell Bakonyl basso (Piazza del Congresso).

26/08 Solo1pianeta con l'Orchestra Nazionale Giovanile Slovena & Katalena, dirige Živa Ploj Peršuh (Piazza del Congresso).

27/08 Vlado Kreslin con la Mali bogovi & Beltinška banda (Piazza del Congresso).

30/08 l'opera lirica “L'aurora e la cicala” musiche di Pavel Mihelčič (Chiesa Križevniška).

01/09 Orchestra Reale del Concertgebouw diretta da Daniel Harding, Yefim Bronfmsn al pianoforte (Piazza del Congresso).

02/09 Orchestra Sinfinica RTV Slovenia diretta da Mate Bekavac, Irena Grafenauer al flauto, Štefica Stipančevič soprano, Nuška Drašček mezzo-soprano, Blaž Šef attore (Piazza del Congresso).

06/09 Coro del Friuli Veneziaq Giulia diretto da Ernest Hoetzl, Boris Bizjak al flauto, Christiano Dell'Oste all'organo (Chiesa Parrocchiale di S. Giacomo)

08/09 conclusione del 69° Festival di Lubiana con l'Orchestra Sinfonica della radio ORF di Vienna diretta da Kerem Hasan, Jean-Guihen Queyras al violoncello

Per informazioni e biglietti http://www.ljubljanafestival.si/  

I biglietti si possono anche comprare presso tutte le stazioni di servizio Petrol.

INAUGURAZIONE DELLA 69a EDIZIONE DEL FESTIVAL DI LUBIANA SOTTO LA GUIDA DI VALERY GERGIEV
Il Teatro Mariinsky di San Pietroburgo è una delle istituzioni culturali più importanti della Russia in cui ha sede l’opera, il balletto, l’orchestra e il coro. Gli inizi risalgono agli anni '80 del XVIII secolo e sono strettamente legati all'imperatrice Caterina la Grande che con un decreto istituì un comitato per il teatro e la musica.

Poco dopo venne posta la prima pietra nella piazza dove ancora oggi si erge orgogliosamente il Teatro Mariinsky che vanta lo status di uno dei centri per la musica e le arti dello spettacolo più rinomati al mondo. L'orchestra del Teatro Mariinsky e il direttore Valery Gergiev, che la dirige dal 1988, deliziano da molti anni il pubblico sloveno con indimenticabili esibizioni al Festival di Lubiana. Nel 2017 il presidente Borut Pahor ha conferito l'Ordine d’argento al merito, la più alta decorazione statale nel campo della cultura, a Valery Gergiev che ricopre la carica di Direttore artistico e generale del Teatro Mariinsky dal 1996 ed è classificato tra le personalità più influenti nel mondo. All'apertura del Festival di Lubiana, l'Orchestra di San Pietroburgo eseguirà il poema sinfonico Bela krajina della leggenda della musica classica slovena Marjan Kozina sotto la direzione del carismatico direttore. Sarà suonata anche la tragica Sinfonia Fantastica di Hector Berlioz, un capolavoro che per molti versi preannuncia Wagner.
(primo luglio, Piazza Kongresni trg)

EVENTI PRINCIPALI DELLA 69ª EDIZIONE DEL FESTIVAL DI LUBIANA

ELĪNA GARANČA NEL RUOLO DELLA FOCOSA CARMEN
La famosa mezzosoprano lettone Elīna Garanča canterà nel ruolo della focosa Carmen al Festival di Lubiana in un’esibizione concertistica dell'opera più importante di Bizet. La beniamina dei palcoscenici più famosi del mondo, ha incantato più volte il pubblico sloveno con il suo canto sublime, il carisma da palcoscenico e l'empatia magistrale in vari ruoli e stili musicali. 

Sebbene l'elenco dei suoi ruoli sia lungo e con ognuno consolida la sua reputazione, è famosa proprio per il suo ruolo di Carmen e il New York Times l’ha nominata la migliore Carmen di tutti i tempi. Elīna Garanča la interpreta in tutte le sfumature della sua personalità in modo naturale e non artefatto, lontana dagli stereotipi e dai cliché associati a questo personaggio.

Questa volta, il mezzosoprano e gli ottimi cantanti saranno accompagnati dall'Orchestra Sinfonica RTV Slovenia diretta dal direttore d'orchestra britannico Karel Mark Chichon che la regina Elisabetta II ha insignito di un’onorificenza nazionale per meriti nel campo della cultura. Georges Bizet (1838–1875) creò l'opera esotica sull’indomabile Carmen a cavallo tra il 1873 e il 1874, sulla base dell'omonima proposta letteraria di Prosper Mérimée (il libretto fu fornito da Henri Meilhac e Ludovic Halévy). Nel creare la musica per l’opera, che parla delle insidie dei giochi d’amore e finisce tragicamente, ha attinto dalla melodia spagnola da cui proviene anche Carmen.
(2 luglio, Piazza Kongresni trg)

DANTE 700 E LE COLONNE SONORE DI NICOLA PIOVANI
Arriva a Lubiana il famoso compositore cinematografico, pianista e direttore d’orchestra italiano Nicola Piovani. Ha creato le colonne sonore di ben 130 film tra cui Sbatti il mostro in prima pagina (1972), Il profumo della signora in nero (1974), Flavia, la monaca musulmana (1974), Le Orme (1975), Salto nel vuoto (1980), La Notte di San Lorenzo (1982), Kaos (1984) ecc.

Ha inoltre creato le musiche per il famoso film, conosciuto da tutti, di Roberto Benigni La Vita è bella per il quale nel 1999 ha ricevuto il prestigioso Oscar. Nel 2008 è stato anche insignito del titolo di Cavaliere francese dell'Ordine delle Arti e delle Lettere. Sul palco del festival ascolteremo nella prima parte del concerto una canzone scritta dal compositore quest'anno in occasione del 700° anniversario della morte del grande poeta rinascimentale Dante Alighieri, e nella seconda parte la musica tratta dal film La vita è bella.

Sotto la direzione di Piovani si esibirà la neonata Orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia che è stata fondata su iniziativa della regione italiana Friuli Venezia Giulia per raccogliere il patrimonio musicale del territorio. Nella prima parte della serata del concerto si esibirà il soprano Annamaria Dell’Oste che si esibisce regolarmente sui palcoscenici mondiali e collabora con direttori di fama come Roberto Abbado, Zubin Mehta, Riccardo Muti e altri.
(7 luglio, Piazza Kongresni trg)

PLÁCIDO DOMINGO RITORNA SUL PALCO DEL FESTIVAL ESTIVO
Il leggendario Plácido Domingo, che ha brillato come direttore al 67° Festival di Lubiana, salirà ancora una volta sul palco del festival quest'estate, e questa volta offrirà un repertorio di arie d'opera per ruoli di baritono e zarzuela. Il musicista spagnolo vanta il notevole risultato di aver interpretato 151 ruoli, cosa che nessun altro cantante d'opera è riuscito a fare. Ha ricevuto numerose lauree honoris causa, riconoscimenti e Grammy Awards e, come membro di lunga data del gruppo dei Tre Tenori, ha avvicinato la musica lirica alle masse con Luciano Pavarotti e José Carreras. Inoltre, nel 1993 ha fondato il concorso internazionale di canto Operalia, dove i premi sono stati vinti da cantanti lirici come Joseph Calleja, José Cura, Erwin Schrott, Joyce DiDonato, Sonja Jončeva e molti altri a cui la vittoria al concorso ha spalancato le porte al mondo dell’opera. Domingo è anche un direttore d'orchestra di successo, ha diretto più di 500 spettacoli d'opera e concerti con alcune delle migliori orchestre, e come cantante si è concentrato negli ultimi anni principalmente sui ruoli di baritono.Al 69° Festival di Lubiana sarà affiancato dalla nuova star dell’opera, Saioa Hernández, diventata famosa dopo il suo debutto alla Scala di Milano lo scorso anno, e dall’ex membro dell’Opera di Stato di Vienna, Sabina Cvilak, che nel 2007 ha debuttato, grazie a Domingo, al Washington Opera House cui sono seguite esibizioni in numerosi teatri d’opera rinomati in tutto il mondo. Le star dell’opera saranno accompagnate dall’Orchestra sinfonica RTV Slovenija sotto la direzione del direttore spagnolo Jordi Bernàcer che già dal 2012 collabora con il famoso cantante.
(8 luglio, Piazza Kongresni trg)

MARTHA ARGERICH ACCOMPAGNATA DA CHARLES DUTOIT
Un tempo “enfant prodige”, oggi riceve i premi più prestigiosi ed è tra le pianiste più rispettate del secolo, Martha Argerich sin dalla vittoria al famoso concorso Chopin di Varsavia nel 1965 regna sovrana sui palcoscenici.

Nella sua vasta opera ha ricreato molte composizioni virtuosistiche del XIX e XX secolo e l'ampiezza del suo repertorio si estende da Bach a Shostakovich. In collaborazione con le migliori orchestre, è un ospite fisso delle più importanti sale da concerto e festival in Europa, America e Asia. Nel 1999 ha fondato il Concorso internazionale per pianoforte e festival Martha Argerich ed è anche un entusiasta interprete di musica da camera che spesso esegue in collaborazione con i suoi buoni amici musicisti come Ivry Gitlis, Miša Majski, Gidon Kremer e Daniel Barenboim.

Insieme all’Orchestra Filarmonica slovena eseguirà il Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in do maggiore di Sergej Prokofjev, sotto la direzione di Charles Dutoit, direttore svizzero e destinatario del premio onorario nel campo della musica classica che ha segnato l’apertura del 68° Festival di Lubiana.
(15 luglio, Piazza Kongresni trg)

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE
I Piccoli Cantori di Vienna con la loro tradizione corale ed educativa di 500 anni costituiscono un coro di un centinaio di cantanti, dai dieci ai quattordici anni, che sono divisi in quattro gruppi e possono andare in tournée separatamente.
Le basi furono gettate nel 1498 dall'imperatore Massimiliano I, e fino al 1918 i ragazzi cantarono esclusivamente per la corte imperiale, nelle messe, nelle occasioni private e negli eventi di Stato.

Molti musicisti hanno lavorato per loro, come Heinrich Isaac, Johann Joseph Fux, Wolfgang Amadeus Mozart, Antonio Salieri e Anton Bruckner, e anche i compositori Jacobus Gallus e Franz Schubert sono stati membri del coro. Si esibiscono in circa trecento concerti all'anno, di fronte a un pubblico di quasi mezzo milione, e visitano regolarmente quasi tutti i paesi europei, sono spesso in tournée in Asia, Australia e nelle Americhe. Il repertorio del coro comprende una gamma estremamente ampia di musica, che spazia dal medievale al contemporaneo e sperimentale.

Il nucleo è costituito da mottetti e canzoni per un coro di ragazzi e dai loro arrangiamenti di musica tipica viennese, come i valzer e le polke di F. Lehár, J. Lanner e la famiglia Strauss. In linea con la tradizione, stanno ancora commissionando nuovi lavori. Ancora oggi, insieme ai membri della Filarmonica di Vienna e del Coro dell'Opera di Stato di Vienna, preservano la tradizione dei musicisti di corte ed eseguono musica per la messa domenicale nella Cappella di corte di Vienna.
(19 luglio, Piazza Kongresni trg)

MAHLER A LUBIANA
Il programma del concerto Mahler a Lubiana collega le opere dei compositori Hugo Wolf e Gustav Mahler che hanno studiato musica insieme a Vienna e lì hanno anche condiviso una stanza per studenti. La selezione di poesie sui testi di Edouard Mörike, Johann Wolfgang von Göethe e Joseph von Eichendorf, musicati da Hugo Wolf, si rifà sostanzialmente all'idea del movimento conclusivo della Sinfonia n. 4 di Gustav Mahler che parla di una “vita celeste”.

L’Ensemble Dissonance riunisce i musicisti di successo delle principali istituzioni musicali slovene, in questa versione ridotta per l'ensemble da camera di 22 musicisti, preparata da Klaus Simon nel 2007, sotto la direzione del direttore di fama internazionale Marko Letonja eseguirà la Sinfonia n. 4. Nel ruolo di solista si esibirà il soprano Nika Gorič che si è laureata all’Università della musica e dello spettacolo di Graz. Ha continuato i suoi studi alla Royal Academy of Music di Londra, dove lo scorso anno ha conseguito un master e un dottorato in arte. All'inizio di luglio del 2017, ha ricevuto il riconoscimento più prestigioso di questo prestigioso Conservatorio di Londra, ovvero il premio della regina come studente dell’anno.
(20 luglio, Križevniška cerkev)

SONYA YONCHEVA – IL SOPRANO CHE HA IMPRESSIONATO IL FAMOSO PLÁCIDO DOMINGO
Il soprano Sonya Yonchevae il tenore Branko Robinšak delizieranno il pubblico con le loro arie d’opera. Sotto la direzione del direttore Domingo Hindoyan si esibirà con loro l’Orchestra del Teatro dell’opera e del balletto SNG Lubiana.

Per il soprano Sonya Yoncheva, che è riuscita a sfondare rapidamente tra le star dell’opera attualmente più famose, sarà la prima volta in Slovenia. È ospite regolare del Metropolitan Opera e di molti dei più grandi teatri d’opera del mondo, dopo una serie di debutti spettacolari, è oggi una delle cantanti più ricercate della sua generazione e conosciuta a livello internazionale per i ruoli principali dell'opera. Nel corso degli anni ha vinto numerosi concorsi musicali, tra cui l’Operalia 2010, un concorso per giovani cantanti lirici istituito da Plácido Domingo, e lo scorso anno ha debuttato con l'Orchestra Filarmonica di Berlino sotto la direzione di Zubin Mehta.

I critici l'hanno definita migliore interprete di Violetta ne La Traviata di Verdi dopo Maria Callas. Oltre alla sua voce emozionante, si distingue anche per la sua beneficenza, lo scorso anno, ad esempio, in collaborazione con il prestigioso marchio Rolex, ha eseguito una serie di concerti, il cui ricavato era destinato ai musicisti colpiti dalla pandemia di Covid-19. Anche il tenore Branko Robinšak, fuoriclasse del Teatro dell’opera e del balletto SNG Lubiana, vanta una carriera di successo. Nella sua ricca carriera da solista, l'artista sloveno ha interpretato molti ruoli e interpretazioni illustri e si è esibito su vari palcoscenici di opera e concerti in tutto il mondo. Nel 2011 ha ricevuto per il suo lavoro anche il premio della Fondazione Prešeren.
(27 luglio, Piazza Kongresni trg)

RITORNANO I SOLISTI ANNA NETREBKO E YUSIF EYVAZOV
Il soprano russo Anna Netrebko regna sui più grandi palcoscenici del mondo da quando è stata scoperta dal famoso maestro Valerij Gergiev. Ha debuttato nel ruolo di Susanna nelle Nozze di Figaro, ha entusiasmato nei più importanti ruoli operistici e in tournée in tutte le più importanti sale da concerto.

Il suo entusiasmo e la sua diligenza l'hanno portata alla maturità vocale che attualmente le consente un'ottima interpretazione delle eroine di Verdi e di Wagner, oltre a fare frequenti incursioni nelle opere del tardo romanticismo. Il New York Times ha scritto anni fa che la sua presenza scenica era qualcosa di speciale, è stata anche il primo personaggio del mondo della musica classica ad essere incluso nella lista delle cento personalità più influenti nel mondo della rivista Time.

È una delle soliste più in vista della rinomata casa discografica Deutsche Grammophon e, con il suo carisma e i contenuti che pubblica sui social network, è diventata anche un'importante influencer musicale dei nostri tempi. Sarà affiancata sul palco dal tenore azero Yusif Eyvazov, uno dei tenori più desiderabili e ricercati della sua generazione. Dopo aver completato gli studi in Italia, è passato di successo in successo interpretando ruoli nei più prestigiosi teatri d'opera e nei festival di tutto il mondo.

Questa sera il duo lirico sarà accompagnato dall’Orchestra sinfonica RTV Slovenija diretta dal maestro Michelangelo Mazza che ha debuttato come regista lirico al Teatro São Paulo in Brasile. Il suo successo internazionale lo ha portato al famoso duo lirico stellare con cui collabora strettamente già da diversi anni.
(8 agosto, Piazza Kongresni trg)

JONAS KAUFMANN AFFASCINERÀ DI NUOVO IL PUBBLICO
L’affascinante tenore Jonas Kaufmann torna nella capitale slovena dopo il suo debutto al Festival di Lubiana dello scorso anno che ha entusiasmato il pubblico. Il cantante tedesco è famoso per la sua eccellente tecnica, viene spesso definito il "re dei tenori" o affiancato al tenore Fritz Wunderlich, anche lui tedesco.

Inoltre, Kaufmann è molto apprezzato per la sua capacità di immergersi completamente nel personaggio che interpreta. Si trova a suo agio sia nei ruoli del repertorio operistico tedesco, francese e italiano, che esibendosi nei Lieder tedeschi. Dopo aver completato i suoi studi a Monaco, ha presto iniziato ad esibirsi in importanti teatri d'opera e festival. Nel 1999 è stato in tournée per la prima volta al Festival di Salisburgo e nel 2001 è diventato membro del Teatro dell’Opera di Zurigo che gli ha spalancato le porte del mondo. Sono seguite le migliori esibizioni nei più blasonati teatri d’opera e sale in tutto il mondo: nel 2001 si è esibito per la prima volta a Chicago, nel 2004 alla Royal Opera House di Londra e nel 2006 ha debuttato al Metropolitan Opera come Alfredo nella Traviata di Verdi. Collabora spesso con direttori di fama mondiale come Claudio Abbado, Sir Simon Rattle, James Levine, Riccardo Muti, Christian Thielemann.

Al concerto di quest'anno, la star dell'opera sarà ancora una volta accompagnata dall’Orchestra sinfonica RTV Slovenija diretta da Jochen Rieder. Il direttore d'orchestra tedesco ha una lunga e intensa amicizia musicale con Kaufmann, che li ha portati in un viaggio concertistico dal Barbican Centre di Londra al Teatro dell’opera di Sydney, l'Art Center di Seul, la Carnegie Hall di New York e prosegue con tanti successi internazionali.
(11 agosto, Piazza Kongresni trg)

SOTTO LE DITA DI ARKADIJ VOLODOS
Il virtuosismo illimitato, combinato con un incredibile senso del ritmo, del colore e della poesia rende l'artista russo Arkadij Volodos un narratore di storie intense e mondi infiniti. Prima si è dedicato alla musica come cantante e direttore d'orchestra, poi ha optato per il pianoforte.

Ha iniziato a studiarlo più seriamente all'età di quindici anni al Conservatorio nella nativa San Pietroburgo e al Conservatorio di Mosca, e il suo percorso di studi lo ha portato anche a Parigi e Madrid. Ha fatto il suo debutto a New York nel 1996 e da allora si è esibito in tutto il mondo con recital e come solista con le orchestre più rinomate del mondo, come le Filarmoniche di Berlino, New York e Monaco, l’Orchestra filarmonica d’Israele, la Philharmonia di Londra, l’Orchestra reale del Concertgebouw, la Cappella di Stato sassone di Dresda, l’Orchestra Gewandhaus di Leipzig, la Tonhalle di Zurigo, le Orchestre sinfoniche di Boston e Chicago, sotto la direzione di eminenti direttori tra cui Myung-Whun Chung, Lorin Maazel, Valery Gergiev, James Levine, Zubin Mehta, Seiji Ozawa, Jukka-Pakaka, Christoph Eschenbach, Semyon Bychkov, Riccardo Chailly. Ha registrato diversi dischi ottenendo ottime recensioni. Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi premi e nella sua opera musicale prevalgono i recital per pianoforte. Con esibizioni regolari sui palchi dei più grandi teatri di musica e festival, è sicuramente uno dei pianisti più rispettati e ricercati al mondo.
(13 agosto, Piazza Kongresni trg)

UNO SPETTACOLO DI BROADWAY SUL MONDO JAZZ DI CHICAGO
Chicago è uno dei musical di maggior successo di Broadway che, dopo la prima al 46th Street Theatre nel 1975, ha visto innumerevoli repliche e nuove produzioni. È basato sull'omonimo dramma della giornalista Maurine Dallas Wattkins, ispirata dalle storie dei criminali di cui parlava nel suo editoriale. La musica e i testi sono stati scritti da John Kander e Fred Ebb, e la performance originale è stata diretta e coreografata da Bob Fosse, un famoso coreografo di Broadway noto per musical come Sweet Charity, Cabaret, All That Jazz.

Le esibizioni di oggi si basano sulla rinascita del musical nel 1996 con la coreografia di Ann Reinking sull'esempio di Fosse. La storia è uno spettacolo brillante sul mondo jazz di Chicago, pieno di intrighi, amore, inganni, tradimenti, rivalità e amicizia. I protagonisti sono l'ingenua Roxie Hart, che non vuole nient’altro che diventare famosa come ballerina, e la già affermata star del cabaret Velma Kelly, che si ritrovano in Tribunale per l'omicidio dei loro amanti. Con l'aiuto dell'intelligente avvocato Billy Flynn cercano di sfuggire alla pena di morte e, dal momento dell’arresto fino alla fine del processo, offrono una serie di divertenti numeri di canto e ballo come All That Jazz, Hot Honey Rag, Razzle Dazzle.
(16 agosto – 20 agosto, Piazza del Congresso)

UN MUSICAL RUSSO DALLE DIMENSIONI CINEMATOGRAFICHE
Dopo il clamoroso debutto con lo spettacolare Il maestro e Margherita e l’anticonvenzionale Evgenij Onegin, il Teatro LDM Novaya Scena di San Pietroburgo torna in Slovenia con un brillante capolavoro di sensualità, amore distruttivo ed erotismo.

Il musical Lolita ha poco in comune con il controverso romanzo omonimo di Vladimir Nabokov che racconta una storia d'amore perversa e tragica tra un uomo di mezza età e la sua figliastra minorenne. Comune alla storia originale rimane solo l'amore, che può distruggerci e condurci nell'oscurità e nell’orrore. Il musical è il risultato di una coproduzione internazionale composta da star di musical russi, un maestoso ensemble di balletto con coreografie impressionanti, costumi seducenti e uno sfondo interattivo innovativo con effetti visivi speciali.

La storia è ambientata negli ultimi giorni di sole dell'età dell'oro della Russia prima dello scoppio della rivoluzione che ha portato al crollo della monarchia russa. Lolita è un simbolo di purezza, un frutto proibito, il paradiso promesso, sopra il quale si erge una volta di fuoco infernale. È un amore terrificante che porta alla morte.
(23 e 24 agosto, Piazza Kongresni trg)

JOSÉ CURA E OSPITI
José Cura con le sue intense interpretazioni si esibisce sui palchi dei più prestigiosi teatri musicali. Dopo aver studiato composizione e direzione d'orchestra a Rosario, si è trasferito a Buenos Aires e ha perfezionato la sua voce al Teatro Colón, affermandosi come tenore di fama internazionale. È noto per i suoi eccellenti concerti e le interpretazioni di personaggi dell'opera, in particolare i protagonisti delle opere di Verdi.

È famoso per il suo tenore espressivo e deciso in cui si riflettono le tonalità di un baritono scuro, inoltre è anche un compositore e un direttore d’orchestra di successo. In questo concerto si esibirà in collaborazione con l’Orchestra sinfonica e il Coro giovanile della RTV Slovenija, il Coro della Filarmonica slovena e i solisti internazionali Elisa Balbo, Nuška Drašček, Pétér Balczó e Marcell Bakonyi sotto la direzione del direttore argentino Mario De Rosa. Già da giovane compositore ha ricevuto per le sue composizioni molti primi premi in rinomati concorsi. Attualmente è direttore ospite di molte orchestre prestigiose e le sue composizioni segnano regolarmente il programma musicale nella sua nativa Argentina.
(25 agosto, Piazza Kongresni trg)

L’ORCHESTRA REALE DEL CONCERTGEBOUW DIRETTA DA DANIEL HARDING
L’Orchestra reale del Concertgebouw di Amsterdam torna per la quarta volta al Festival di Lubiana, questa volta sotto la direzione del direttore britannico Daniel Harding. Una delle migliori orchestre musicali entusiasma i critici di tutto il mondo, l'equilibrio e l'eccellenza delle singole sezioni la rendono un messaggero dell’estasi da concerto. La reputazione dell'orchestra, attiva già da 133 anni, è stata consolidata da molti direttori famosi, da Willem Kes, Willem Mengelberg, Bernard Haitink a Riccardo Chailly, Mariss Jansons e Daniel Gatti, ed è composta da 120 musicisti provenienti da più di 25 paesi.

L'orchestra è ospitata nella sala concerti del Concertgebouw, progettata dall'architetto A. L. van Gendt e vanta un'acustica eccezionale. All'orchestra, che esegue numerosi concerti ogni anno sia sui palcoscenici nazionali che sui più importanti palcoscenici del mondo, si accompagnerà questa volta come solista il pianista Yefim Bronfman con il concerto per pianoforte di Beethoven n. 3 in do minore. L'artista uzbeko è emigrato con la sua famiglia in Israele all'età di 15 anni e nel 1989 è diventato cittadino americano. Nel 1975 ha iniziato la sua carriera internazionale a Montreal sotto la direzione di Zubin Mehta, seguita tre anni dopo dai suoi primi concerti con la Filarmonica di New York. Da allora, Yefim si è esibito con importanti orchestre internazionali e ha collaborato con molti importanti artisti. Sotto la direzione del direttore Daniel Harding, il programma includerà anche la magnifica Settima Sinfonia di Bruckner, l'opera sinfonica più popolare dedicata al mecenate di Wagner, il re Ludovico II di Baviera. Daniel Harding ha iniziato la sua carriera di direttore come assistente di Sir Simon Rattle all’Orchestra Filarmonica di Birmingham e in seguito ha perfezionato le sue abilità come assistente di Claudio Abbado alla Filarmonica di Berlino.
(1° settembre, Piazza Kongresni trg)

IRENA GRAFENAUER E MATE BEKAVAC
La flautista Irena Grafenauer si esibisce con le migliori orchestre e i direttori d’orchestra dei nostri giorni.

Già all'età di 20 anni ha ottenuto un notevole successo: come prima donna della storia, è diventata solista dell’Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese. Ha tenuto concerti con quest’ultima per dieci anni, per poi proseguire la sua carriera artistica indipendente a causa del crescente numero di esibizioni da solista e da camera.

Come solista si è esibita con le migliori orchestre, tra cui la Filarmonica di Berlino, l'Accademia di St. Martin in the Fields, la Chamber Orchestra of Europe, e acclamati direttori come Karl Böhm, Daniel Barenboim, Bernard Haitink e Wolfgang Sawallisch. Tra il 1987 e il 2016 è stata professore ordinario di flauto presso la prestigiosa Università Mozarteum di Salisburgo, dove ha aperto la strada a molti musicisti sloveni con le sue eccezionali conoscenze. La sua discografia comprende 30 dischi ed è l'unica flautista al mondo ad aver registrato una serie esclusiva di dieci dischi per la Philips.

Si esibirà insieme allo straordinario clarinettista, direttore d'orchestra, direttore artistico e compositore Mate Bekavac che dirigerà l’Orchestra sinfonica RTV Slovenia. Bekavac è noto per le sue interpretazioni approfondite e impetuose e la sua audace curiosità lo spinge a scoprire nuove possibilità di espressione. Le sue performance sono fantasiose, autentiche e sempre collegate in un insieme omogeneo. Agli eccezionali artisti si uniranno i solisti Štefica Stipančević, Nuška Drašček e Blaž Šef, nonché il Komorni zbor Dekor.
(2 settembre, Piazza Kongresni trg)

L’INNOVATIVA ORCHESTRA FILARMONICA DEL MAR BALTICO
L’Orchestra Filarmonica del Mar Baltico riunisce musicisti creativi e di talento provenienti da dieci paesi nordici che stanno scoprendo nuove dimensioni della musica. Ogni concerto è uno spettacolo unico di suoni, luci, arte visiva e tecnologia, sotto la direzione del responsabile artistico e direttore d'orchestra estone Kristjan Järvi che va oltre il quadro tradizionale della musica classica.

Seguono le sue idee pionieristiche che questi concepisce nel ruolo di direttore, produttore, compositore e arrangiatore, e le loro esibizioni rappresentano il percorso di nuove scoperte musicali. I musicisti eseguono l'intero programma a memoria e creano così un'esperienza artistica unica, sono anche noti per i loro programmi innovativi. L'orchestra suona in rinomati festival e nelle più prestigiose sale da concerto d'Europa e non solo, tra cui il Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, la Filarmonica di Berlino, l'Opera di Dubai. Collabora con artisti mondiali come Julia Fischer, Jonas Kaufmann, Kurt Masur e Gidon Kremer, e gruppi pop come i Bastille.

Al concerto di quest'anno dell'Orchestra Filarmonica del Mar Baltico, il programma si concentra sul cigno, considerato una creatura reale. Il maestoso uccello bianco si può incontrare spesso sulla costa baltica, soprattutto al tramonto. Nel Romanticismo, il cigno era considerato un simbolo di fedeltà, purezza ed eleganza.
(6 settembre, Piazza Kongresni trg)

EVENTI TRADIZIONALI ALLA 69ª EDIZIONE DEL FESTIVAL DI LUBIANA

NOTTE D’ESTATE ALL’INIZIO DELL’ESTATE
Il tradizionale concerto gala di quest'anno, dedicato all'inizio dell'estate, sarà quest’anno all’insegna dell'eccezionale musicista, compositore e cantante sloveno Tadej Hrušovar. Ha iniziato la sua carriera musicale nel popolare ensemble The Fellows di Celje e nel 1966 è entrato a far parte del gruppo Bele vrane.

Dopo la loro dissoluzione, ha fondato nel 1975 il gruppo Pepel in kri che già nell’anno della loro formazione ha rappresentato la Jugoslavia all'Eurovision con uno dei più grandi successi della musica slovena, la canzone Dan ljubezni. È stato il primo redattore della trasmissione Pop Delavnice che ha scoperto nuovi talenti e incoraggiato la creatività musicale slovena, e negli ultimi anni ha lavorato come produttore nel programma musicale di Radio Slovenia. Tadej Hrušovar, per gli amici Dejvi, ha lasciato una vasta opera musicale. Ha scritto più di quattrocento canzoni che hanno lasciato un segno indelebile nella storia della musica slovena. Tra le più conosciute ci sono Pesem za dinar, Dekle iz Zlate ladjice, Po bitki so generali vsi, Enakonočje, Ljudje pomladi, Ljubljanski grad, Sonce pomladi, Dan ljubezni e molte altre ancora. Al concerto potremo anche ascoltare i successi di Hrušovar scritti per altri - per i gruppi Hazard e Pop Design, Ditka Haberl, Helena Blagne, Moni Kovačič e Oto Pestner. La RTV Slovenia ha organizzato per la prima volta l'evento estivo Poletna noč su iniziativa di Jure Robežnik, per dedicarlo alla memoria di Majda Sepe, e ha proseguito con la commemorazione degli anniversari dei grandi nomi della canzone slovena – compositori, cantautori, cantanti. Il concerto gala Poletna noč, coprodotto ogni anno da RTV Slovenija e dal Festival di Lubiana, è diventato già un evento tradizionale che riporta alla luce le gemme della musica popolare slovena.
(21 giugno, Piazza Kongresni trg)

SKORAJ AKUSTIKA (QUASI ACUSTICA)
Tomaž Domicelj sorprende sempre invitando uno o due ospiti, e questa volta non sarà diverso. Primož Grašič, due decenni più giovane di Tomaž, con il suo virtuosismo alla chitarra e l’improvvisazione, aggiungerà alle composizioni e alle interpretazioni di Domicelj una nuova dimensione che origina dalle migliaia di concerti che Grašič ha tenuto in Europa e in America. Tomaž non appartiene invero ai massimi artisti jazz che stanno ancora delineando il percorso musicale di Primož, ma i due allegri musicisti sono amici personali e di famiglia dai tempi in cui Grašič stava appena iniziando a strimpellare seriamente. Hanno anche familiarità con le collaborazioni viste nel senso più ampio del termine, sia che si tratti di svariate partecipazioni a concerti radiofonici o registrazioni e spettacoli con la Big Band e altre orchestre della RTV Slovenia.

Skoraj akustika sarà la prima collaborazione ufficiale di alcune ore di due icone musicali slovene: il cantautore, paroliere, traduttore, chitarrista e suonatore di armonica a bocca Tomaž Domicelj e il miglior chitarrista, arrangiatore, compositore, produttore e gigante dello studio di registrazione, Primož Grašič. Acque tranquille e romanticamente fluenti e occasionali fuochi d'artificio tempestosi, così come ogni sorta di sfumature naturali e spontanee di concerti intervallate dalla musica, si sentiranno suonare da almeno una mezza dozzina di chitarre acustiche e quest'anno anche elettriche di entrambi i maestri. I testi di Domicelj, sia le canzoni che i discorsi, rendono ancora più attuali e arricchiscono gli eventi nazionali e mondiali e le loro ripercussioni.
(5 luglio, Atrio)

CELEBRIAMO IL TRENTESIMO ANNIVERSARIO
La storia di Vlado Kreslin e del Festival di Lubiana continua a scriversi già da tre decenni con concerti esauriti e una svariata gamma di ospiti. Nel 1991 è salito per la prima volta sul palco estivo del Festival di Križanke con i musicisti del Prekmurje della leggendaria Beltinška banda.
Vlado Kreslin è un beniamino del pubblico. È considerato uno degli autori musicali sloveni più popolari e prolifici. Con la sua devozione alla musica, l'intreccio giocoso di generi, i versi che ammiccano alla poesia e la collaborazione con vari musicisti, ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica slovena e la sua unicità ha valicato i confini. Grazie alla sua straordinaria comprensione, soprattutto della musica popolare, ha innescato una vera rinascita della musica etno slovena con la Beltinška banda e numerose altre collaborazioni, avvicinandola con un tocco personale a tutte le generazioni. Molte delle sue canzoni sono diventate evergreen e molte hanno ispirato altri autori.
(27 agosto, Piazza Kongresni trg)

I CAPOLAVORI DELLA PRODUZIONE SLOVENA
IN STOLETJE BO ZARDELO (E IL SECOLO ARROSSIRÀ)

La messa in scena di “In stoletje bo zardelo” (E il secolo arrossirà) è basata su una monografia di Andrej Inkret. È una biografia complessa, un esempio socialista di una storia melodrammatica sul cofondatore di un movimento di resistenza e allo stesso tempo di costituzione. In previsione del contesto sociale e di classe emergente, i suoi compagni di lotte – i compagni – lo percepiscono e lo condannano come un’infrazione, come qualcosa di non conforme, come un piantagrane ideologico ed etico, un outsider...

La storia si complica quando il protagonista, pur in presenza di importanti incarichi statali ricoperti (Ministro per la Slovenia nel governo DFJ, vicepresidente del Presidio dell'Assemblea popolare della Repubblica di Slovenia e membro del Comitato principale del Fronte di Liberazione della Slovenia), è attivo come artista, che con l’arte articola i dilemmi etici del periodo bellico eroico – anche le questioni degli scontri di guerra, comprese le liquidazioni. Le questioni sono etiche e religiose e soprattutto politiche. Il caso Kocbek è la storia di un intellettuale, partigiano, antifascista e anticlericale che è rimasto fedele fino alla fine ai suoi compagni, il collettivo noi. È anche una storia di appartenenza, che attraverso il dramma di passare dalla consapevolezza di sé, passa a sperimentare e sopravvivere un altro verbo fondamentale sloveno, distruggere...
(9 luglio, Pergolato Križanke)

SPETTACOLO DI BALLETTO DI EDWARD CLUG
L'ultima opera teatrale del drammaturgo norvegese Henrik Ibsen, Peer Gynt, basata su racconti popolari norvegesi, fu messa in scena per la prima volta nel 1876 a Kristiania (ora Oslo) in collaborazione con l'allora affermato compositore Edvard Grieg, che scrisse un’idonea base musicale per la rappresentazione. Alcuni movimenti furono successivamente rielaborati da Grieg in due suite per orchestra (Nell’antro del re della montagna e Il mattino) che si annoverano tra le opere più apprezzate della musica classica.

Alla prima i critici descrissero l’opera come una satira dell'egoismo norvegese, della limitatezza e dell'autosufficienza, e l'egoismo del personaggio del titolo può anche essere visto alla luce di oggi. Anche adesso il mondo sembra essere invaso da "onniscienti" che incitano all'odio, alla xenofobia, diffondono menzogne, cercano di sfruttare al meglio gli eventi di crisi che hanno creato e sottomettono chiunque ostacoli il loro cammino. Il coreografo Edward Clug, esplorando la storia satirica di Ibsen e l'immagine romantica che Grieg ha dipinto con la sua musica, ha ricreato una nuova interpretazione di questa opera classica drammatica e l'ha trasformata in balletto. La storia segue la sequenza cronologica degli eventi descritti da Ibsen e, oltre ai movimenti che Grieg ha scritto per mettere in scena lo spettacolo, Clug ha utilizzato anche le altre opere musicali di Grieg - concerti, brani da camera e solisti come il Quartetto per archi in Sol minore, op. 27, il Concerto per pianoforte e orchestra in La minore, op. 16, e La Holberg Suite, op. 40, per ottenere uno sviluppo dinamico e coerente della narrativa della danza. Il mondo di Ibsen e Grieg, unito in un nuovo insieme, crea un paesaggio che offre una nuova esperienza teatrale.
(12 luglio, Piazza Kongresni trg)

TUTTI GLI UCCELLI DI UN’UNICA SPECIE
L’entusiasmante testo drammatico di Wajdi Mouawad Tutti gli uccelli di un’unica specie che ha raggiunto fama mondiale la scorsa stagione. Un autore canadese di origini libanesi che vive in Francia, espone l’Altro come idea assoluta in una saga familiare di una famiglia ebrea con radici internazionali. Dal profondo della storia emerge la figura di un diplomatico musulmano che viene catturato e consegnato al Papa in dono e costretto a convertirsi al cattolicesimo.

Gli eventi nella biblioteca dell’Università di New York, dove un giovane genetista incontra una dottoranda in storia, ci portano in un lampo a un attacco terroristico a Gerusalemme: Wahida indaga sulla vita di un diplomatico arabo di 500 anni fa, mentre Eitan che con la sua famiglia vive a Berlino, cerca la nonna smarrita. Tutti gli uccelli di un’unica specie è un thriller, un enigma politico attuale e una storia d’amore carica di emozioni che, in un quadro metaforico dell’umanità vista come un pianeta popolato da uccelli, cerca di andare oltre nell’interrogare la coscienza riguardo la responsabilità delle atrocità della guerra. Ivica Buljan si occupa di regia teatrale dal 1995 e fa il regista sia in Slovenia che nella natia Croazia e in numerosi paesi europei. Ha più volte ricevuto premi teatrali internazionali per il suo lavoro: ha vinto al festival Borštnikovo srečanje, il premio della Fondazione Prešeren ed è stato insignito del titolo francese di Cavaliere dell’ordine delle Arti e delle Lettere. Dal 2019 è direttore del Teatro nazionale croato di Zagabria.
(12, 13, 14 e 15 luglio, Križevniška cerkev)

LA FAMOSA OPERA MADAMA BUTTERFLY
Madama Butterfly, la tragica storia d'amore tra la geisha Cio-Cio-San e il tenente americano Pinkerton, è oggi una delle opere più famose del celebre compositore. Puccini è stato ispirato dalla messa in scena della tragedia di David Belasco Madame Butterfly: La Tragedia del Giappone, basata su un racconto di John Luther Long.

Gli autori del libretto sono i noti collaboratori di Puccini, i librettisti Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, con i quali ha creato anche gli altri suoi classici dell'opera Manon Lescaut, La Bohème e la Tosca. La prima versione della Madama Butterfly fu concepita in due atti e fu rappresentata nel 1904 alla Scala di Milano ma non fu accolta positivamente alla prima. Tuttavia, il compositore non rinunciò al lavoro. Divise il secondo atto originale in due parti, apportò alcune correzioni armonico-melodiche alle arie, a cui seguì lo stesso anno una rappresentazione a Brescia e l'opera ebbe un grande successo. Successivamente andò in scena a Buenos Aires, Londra, Parigi, New York e Sydney e presto diventò una delle opere classiche del tesoro dell'opera. Dopo una pausa di oltre un decennio la Madama Butterfly vivrà una nuova rappresentazione nella produzione del Teatro Nazionale Sloveno dell’Opera e del Balletto di Maribor e diretta dal regista italiano e creatore teatrale Piero Francesco Maestrini.
(14 luglio, Piazza Kongresni trg)

TANGO STORY
Tango story è nata nel 2012 nell’ambito della Capitale europea della cultura Maribor 2012 – Ptuj in collaborazione con il violinista di fama mondiale Stefan Milenković. Questa storia sul tango con musiche e balli, incredibilmente personale e magicamente virtuosa, ha riscosso un grande successo in tutta Europa e sul suolo americano.

La storia della sensuale danza argentina, elevata dall'oscurità dei nightclub, delle locande e dei bordelli del porto dal compositore Astor Piazzolla e da molti altri maestri del jazz come Carlos Gardel, ritorna questa volta nell'ipnotico spettacolo dei musicisti di fama internazionale del Tango kvintet. Molte sfumature di tango, dalla vecchia guardia fino alla nuova guardia del tango classico moderno, saranno rivelate nella performance di danza di Andreja Podlogar e Blaž Bertoncelj. I più importanti ballerini e coreografi sloveni di tango argentino, che hanno vinto il titolo di campioni del mondo nel 1998, ci trascineranno in un vortice di intensa sensualità. L'evento sarà completato dal canto e dalla poesia della carismatica mezzosoprano Irena Yebuah Tiran e del famoso attore Pavle Ravnohrib.
(30 luglio, Piazza Kongresni trg)

CONCERTI DI MUSICA DA CAMERA DA NON PERDERE
QUARTETTO DI TROMBONI SLOKAR

Il gruppo è stato fondato nel 1973 dal trombonista sloveno Branimir Slokar. Il quartetto ha creato un repertorio invidiabile nella lunga carriera pluriennale di concerti di successo in tutto il mondo che spazia dalle prime composizioni barocche alle novità dei compositori contemporanei. 

I quattro trombonisti dediti alla musica, oltre a Branimir Slokar ci sono anche György Gyivicsán dell’Ungheria, Wassil Christov della Bulgaria e il trombonista tedesco Edgar Manyak, entusiasmano il pubblico con il loro suono omogeneo, la perfezione tecnica e la musicalità. I numerosi inviti a concerti, le recensioni eccellenti, la discografia sontuosa, le registrazioni radiofoniche e televisive dimostrano il loro immenso potere creativo. Si unirà al gruppo Kristijan Kranjčan, pluripremiato percussionista, violoncellista, compositore e regista. Il musicista, che proviene da una famosa famiglia musicale slovena, ha partecipato a 25 CD e tenuto concerti in più di 25 paesi. I musicisti ci porteranno alla scoperta del trombone: dai suoi esordi nel Rinascimento ai giorni nostri, con composizioni che l'hanno annoverato tra i quartetti di tromboni più interessanti dei giorni nostri.
(16 luglio, Križevniška cerkev)

IL SUONO GIOCOSO DELLA FISARMONICA
Marko Hatlak, un virtuoso della fisarmonica, è conosciuto come solista e membro di vari gruppi che ricrea un repertorio che spazia dal barocco e dal classico al tango e al folk. Ha studiato alla famosa Scuola di Musica Franz Liszt di Weimar e nel 2008 ha completato i suoi studi post-laurea a Würzburg. All'inizio della sua carriera, quando si esibiva come solista con repertori seri di composizioni barocche e contemporanee, la musica folk e il tango erano per lui un contrappeso creativo (Terrafolk, FUNtango). Ora mette sempre più in primo piano la sua energia creativa. Nel gruppo Marko Hatlak BAND, che esegue musica funk, latina e rock, si presenta anche nel ruolo di cantante e compositore. Ciascuno dei suoi progetti, sia che si esibisca con Stefan Milenkovich, Vlatko Stefanovski, Iztok Mlakar, Sabina Cvilak, Nuška Drašček o Marko Črnčec, è qualcosa di straordinario e unico nel suo genere. Ai concerti da solista cerca di presentare diversi generi; dal barocco a Mozart, nel mezzo aggiunge le sue composizioni e, se l'opportunità lo consente, anche altri generi. Nel 2019 ha scritto Živo srebro za harmoniko in orkester e l’ha eseguita con l’Orchestra sinfonica RTV Slovenija. Si è anche esibito come solista con le Orchestre Filarmoniche di Mosca e Jena.
(21 luglio, Križevniška cerkev)

ORCHESTRA DA CAMERA DI MOSCA “MUSICA VIVA”
L’Orchestra da camera di Mosca “Musica Viva” è stata fondata nel 1978 dal violinista e direttore Viktor Kornachev che ha riunito nove giovani musicisti, neolaureati alle accademie di Mosca. Dopo dieci anni di lavoro entusiasta e maturazione professionale, la direzione è stata assunta da Aleksander Rudin, violoncellista di fama internazionale che ha consolidato il suo nome in patria e all'estero in collaborazione con importanti musicisti (Mikhail Pletnev, Elisa Virsaladze, Nikolai Lugansky, Natalia Gutman, Sir Roger Norrington, Dmitry Kitayenko...).

Musica Viva, sotto la direzione di Rudin, diplomato in violoncello, pianoforte e direzione d'orchestra al Conservatorio di Mosca, è cresciuta fino a diventare un ensemble distinto e annoverato tra le più nobili orchestre da camera russe dei giorni nostri. Nel corso dei decenni, ha rafforzato la sua fama con interpretazioni artistiche di composizioni in cicli di concerti attentamente realizzati con opere famose ed emozionanti rarità di molti periodi stilistici. Nelle ultime stagioni ha dimostrato ancora una volta al pubblico e ai tecnici del settore di essere tra i migliori ensemble russi grazie a una clamorosa serie di concerti organizzata nella sala da camera dell'International Art Center di Mosca.Il violoncellista Bernardo Brizani è un'affermata personalità musicale che si presenta anche all'estero con grande successo. Dopo aver conseguito il master presso l'Accademia di musica di Lubiana, è diventato accademico presso l'Orchestra Sinfonica di Bamberga. Ha ricevuto numerosi premi e nel 2012 anche il Premio Prešeren per studenti.
(22 luglio, Križevniška cerkev)

AMBASCIATRICE DELLA TRADIZIONE MUSICALE CLASSICA RUSSA
Violetta Egorova è una pianista russa profondamente dedita, il cui lavoro va oltre il magnifico strumento che suona. Si è affermata come ambasciatrice della tradizione musicale classica russa e si impegna a farla sentire, rispettare e apprezzare ovunque si esibisca.

Al Conservatorio di musica “P. I. Čajkovskij” ha sviluppato una tecnica pianistica insuperabile e un'espressività poetica con Lev Naumov, il "padrino della scuola pianistica russa”. Già durante gli studi ha registrato per varie case discografiche e ha vinto i primi premi in concorsi pianistici come Gina Bachauer (Salt Lake City, USA) e Gian Battista Viotti (Vercelli, Italia). Suona con tutte le più importanti orchestre sinfoniche russe e molte altre di fama internazionale. Ha tenuto recital nelle più importanti sale di Russia, Monaco, Svizzera, Francia, Italia, Austria, Turchia, Cina, Giappone e USA.
A Lubiana renderà omaggio a due compositori che hanno segnato il corso della storia nel campo della musica per pianoforte. La loro musica è in modo diverso una sintesi di bravura: la maestria di Schubert si esprime in una musica spiccatamente interiorizzata che tocca profondamente il mondo interiore dell'ascoltatore, mentre la "performance musicale" di Liszt incanta e stupisce con la sua brillantezza diretta e il virtuosismo veemente.
(25 luglio, la Sala dei Cavalieri)

SUONI DI TROMBA, TUBA E PIANOFORTE
Reinhold Friedrich, trombettista tedesco e professore all’Istituto di alta formazione musicale di Karlsruhe, sin dalla fondazione del Lucerne Festival Orchestra sotto la direzione di Claudio Abbado è prima tromba solista dell'orchestra ed inoltre direttore artistico del Lucerne Festival Brass Ensemble. Strettamente collegato a Lucerna è anche il tubista, compositore e arrangiatore ungherese Roland Szentpáli, professore di musica da camera presso il liceo musicale locale.

È anche il principale tubista dell'Orchestra Sinfonica della Filarmonica di Stato Ungherese. A queste grandi personalità musicali si affianca il pianista siciliano Epifanio Comis che ha completato gli studi al Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini con il massimo dei voti e la lode. Attualmente insegna pianoforte al Conservatorio Vincenzo Bellini e all'Accademia Pianistica Siciliana. Tutti e tre gli eccellenti musicisti hanno ricevuto numerosi premi e si esibiscono in Europa, Stati Uniti e Asia sotto la direzione di celebri direttori in luoghi famosi.L'accompagnamento al pianoforte di Friedrich e Szentpáli sarà curato dalla pianista giapponese Eriko Takezawa che ha studiato in Germania e lavora all’Istituto di alta formazione musicale di Karlsruhe e dalla pianista ungherese Dalma Cseh. Ha studiato presso l'Accademia Musicale Franz Liszt di Budapest e ora lavora nella stessa struttura.
(26 luglio, la Sala dei Cavalieri)

LATICA HONDA-ROSENBERG E BOŽO PARADŽIK 
Latica Honda-Rosenberg si è affermata molto presto nel mondo dei concerti, come una delle più giovani della sua generazione. Ha studiato alla Hochschule für Musik di Detmold, all’Escuela Superior de Música Reina Sofía di Madrid e all'Università di Musica di Lubecca.

La medaglia d'argento al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1998 le ha aperto la strada alla sua carriera internazionale. Oltre a tenere concerti in tutto il mondo, dal 2003 insegna violino all'Università di Musica di Friburgo e dal 2009 anche all'Università delle Arti di Berlino. Sarà accompagnata da Zuzanna Basinska, pianista polacca, vincitrice di numerosi concorsi pianistici internazionali e destinataria di premi onorari nazionali in Polonia, che insegna all'Università delle Arti di Berlino e Stettino. Božo Paradžik si è diplomato all'Accademia di Musica di Praga.

Dopo il diploma ha suonato in posizioni di primo piano in diverse orchestre affermate sotto la direzione dei più importanti direttori d’orchestra. Dopo il 2000, quando ha pubblicato il suo album di debutto da solista alla EMI, ha avviato un'impressionante carriera da solista. Dal 2003 è assistente professore di contrabbasso alla Hochschule für Musik di Friburgo e dal 2010 alla Hochschule Luzern - Musik a Lucerna, suo luogo di residenza. I suoi video su youtube hanno un totale di oltre 3,5 milioni di visualizzazioni.
(28 luglio, Sala dei Cavalieri, Križanke)

ARRIVANO I RUSSI!
Il programma Arrivano i russi! comprende sia composizioni di compositori russi del XX secolo, che fanno parte del repertorio consolidato delle formazioni da camera di tutto il mondo, sia arrangiamenti di alcune composizioni estremamente interessanti, originariamente scritte per pianoforte.

Il concerto, che prende il titolo dalla celebre commedia di guerra americana a lieto fine, inizierà con il Concerto in re, uno dei capolavori dell'opera per orchestra d'archi di Igor Stravinsky.

Agli ottimi musicisti del gruppo Ensemble Dissonance, composto da membri dell’omonimo quartetto d’archi e musicisti della Filarmonica slovena e dell’Orchestra sinfonica RTV Slovenija, si affiancheranno poi per il virtuoso Concerto Grosso n. 1 di Alfred Schnittke i protagonisti della serata: le star del violino di fama internazionale, Dmitry Sitkovetsky e Lana Trotovšek.

Il concerto sarà completato dalle composizioni di due importanti compositori russi: Sergej Prokofiev (arrangiato da Rudolf Barshay) e Dmitry Shostakovich. L'esperienza sarà inoltre arricchita dai preludi tratti dalle Canzoni della Bukovina di Leonid Desyatnikov (arrangiati da Dmitry Sitkovetsky).
(29 luglio, Filarmonica slovena)

OBOE E FLAUTO ACCOMPAGNATI DAL PIANOFORTE
Dopo gli studi presso l'Accademia di musica di Basilea, Felix Renggli ha ricoperto gli incarichi di flautista solista in diverse orchestre (Festival di Lucerna, Tonhalle di Zurigo, città di San Gallo, Chamber Orchestra of Europe e Camerata Berna).

Come solista e musicista da camera, si esibisce in tutta Europa, Sud America e Stati Uniti e in Asia. Lavora come docente presso il Conservatorio di musica della Svizzera italiana a Lugano. Sarà accompagnato dal pianista Thomas Haberlah che è professore all'Accademia di musica di Hannover e spesso fa da accompagnatore durante i festival internazionali e i masterclass. Suona sia da solista sia come membro di formazioni da camera in Europa e in Asia.

Emanuel Abbühl è professore all'Università di Musica di Mannheim e all'Accademia di Musica di Basilea. È anche membro onorario della Reale accademia di musica di Londra. Per molti anni è stato il primo oboe dell’Orchestra sinfonica di Basilea, dell’Orchestra filarmonica di Rotterdam e dell’Orchestra sinfonica di Londra.

La sua carriera concertistica lo ha portato in molte sale da concerto di fama internazionale. Sarà accompagnato dalla pianista giapponese Kimiko Imani che ha completato i suoi studi di pianoforte alla Hochschule für Musik di Detmold. Dopo la laurea ha iniziato a collaborare con rinomati solisti ed è diventata una pianista ricercata nel campo della musica da camera. Insegna all'Università delle Arti di Berlino e all'Accademia di musica Hanns Eisler di Berlino.
(31 luglio, Sala dei Cavalieri, Križanke)

FLAUTO ROMANTICO
Claudi Arimany è considerato il flautista catalano più illustre con una reputazione internazionale. Ha instaurato un legame importante con il flautista francese Jean-Pierre Rampal con cui si è esibito in molti paesi del mondo e hanno anche registrato molto insieme.

Il leggendario flautista francese ha scorto in Claudi Arimany un musicista eccezionale e ha scritto di lui che è uno dei migliori flautisti di questa generazione. Di lui ammira la sua musicalità, l’eccezionale sensibilità artistica e l’acuto senso della bellezza. Come solista, Arimany si è esibito con le più importanti orchestre europee e americane, tra cui l’Orchestra da camera inglese, l’Orchestra da camera della Filarmonica di Berlino, i Virtuosi della Filarmonica di New York, il violoncellista Mischa Maisky e altri.

La sua discografia comprende circa 40 album registrati per varie etichette (Sony Classical...). Insieme a Pedro José Rodríguez, uno dei pianisti più importanti dei Paesi Baschi, integrato nella vita musicale di Pamplona, suoneranno composizioni per flauto raramente eseguite che risalgono al periodo romantico. Alcune di queste sono dei veri e propri virtuosismi che richiedono l'autenticità, la passione e la bravura tecnica che entrambi i musicisti possiedono.
(1 agosto, Križevniška cerkev)

DAL BRASILE ALLA NORVEGIA
Il clarinettista François Benda proviene da una famiglia di musicisti in Brasile. Ha studiato clarinetto, composizione e direzione d'orchestra a Graz e Ginevra, dove ha anche debuttato come solista nel 1988. Nel 1991 ha ricevuto il Premio Internazionale per le arti dello spettacolo a Roma, e oggi si esibisce nelle sale più prestigiose del mondo, come la Filarmonica di Berlino, il Musikverein di Vienna e il Concertgebouw di Amsterdam, e come solista con le principali orchestre.

È impiegato presso l'Università delle arti di Berlino e insegna anche all'Accademia di musica di Basilea. Il fagottista norvegese Ole Kristian Dahl ha iniziato a studiare fagotto all'età di sedici anni presso l'Università di Stavanger in Norvegia. Dal 2008 è docente di fagotto presso l’Università statale della musica di Mannheim. Dal 2017 insegna al Royal College of Music di Londra in qualità di professore distaccato. Dal 2016 è il primo fagottista dell'Orchestra Sinfonica Nazionale Svedese a Göteborg. Ha ottenuto il suo primo lavoro come fagottista solista nel 1998 presso l’Orchestra Filarmonica Malese di Kuala Lumpur; a quel tempo studiava ancora al Conservatorio di musica in Svizzera. Dopo aver completato gli studi in Svizzera, ha proseguito alla Hochschule für Musik di Hannover. La pianista lettone Elina Gotsouliak, riconosciuta come una delle pianiste più promettenti e versatili della sua generazione, ha studiato all'Accademia di musica di Riga e ha continuato gli studi a Basilea con Rudolf Bachbinder. La pluripremiata pianista, che è anche un’eccellente clavicembalista, insegna all'Accademia di musica di Basilea dal 2010.
(6 agosto, Sala dei Cavalieri, Križanke)

GUY BEN-ZIONY E JENS-PETER MAINTZ
Il violista israeliano Guy Ben-Ziony ha studiato all'Università di Musica e Teatro di Lipsia e si è laureato con lode. Dopo aver incontrato Gidon Kremer all’Accademia di Kronberg, ha iniziato ad esibirsi in festival in tutta Europa, con musicisti come Lisa Batiashvili, Christian Tetzlaff, Alexander Lonquich e Menachem Pressler. Ha insegnato per 12 anni all'Università di musica e teatro di Lipsia.

Nella stagione 2017/18 è stato professore distaccato presso la Jacobs School of Music di Bloomington nell’Indiana. Oltre al lavoro solista, si esibisce spesso come prima viola di orchestre famose. Sarà accompagnato dal pianista Naaman Wagner, che si esibisce intensamente come solista o musicista da camera in Israele, oltre che in Europa e in Asia. Fervente interprete di musica contemporanea, è membro del 21st Century Ensemble. Il violoncellista tedesco Jens-Peter Maintz gode di un’ottima reputazione come solista, musicista da camera e bravo docente. Come solista, si è esibito sotto la direzione di Vladimir Ashkenazi, Herbert Blomstedt, Dmitry Kitayenko, con l'Orchestra Sinfonica tedesca di Berlino, le Orchestre sinfoniche della Radio di Stoccarda e di Tokyo e molte altre eminenti orchestre. Dal 2006 è il primo violoncellista dell’Orchestra del Festival di Lucerna. Dal 2004 è professore all'Università delle Arti di Berlino e dal 2017 alla Escuela Superior de Música Reina Sofia di Madrid.

Sarà accompagnato al pianoforte da Keiko Tamura, pianista giapponese, diplomata alla Scuola di musica di Lubecca e vincitrice del Concorso Tchaikovsky di Mosca per il miglior accompagnamento pianistico.
(2 agosto, Sala dei Cavalieri, Križanke)

TRIO INSOLITO DI GIOVANI MUSICISTE
Ogni strumento di questo insolito trio, composto da arpa, flauto e violoncello, è qualcosa di comune nel contesto dell'elementarità orchestrale. Tuttavia, se li uniamo in un ensemble da camera, difficilmente si potrebbe trovare nella storia della musica una composizione originale per quest’ultimo.

Tre musiciste slovene affermate si sono unite nel 2014, hanno iniziato a creare insieme e da allora si presentano con successo al pubblico. Le loro sinergie musicali sono completate da una sonorità esclusiva nella sua particolarità, così come lo sono le sue componenti. La flautista Eva-Nina Kozmus ha richiamato l'attenzione su di sé vincendo l'Eurovision Song Contest 2010 per giovani musicisti a Vienna come prima donna slovena a vincere questo prestigioso titolo. La violoncellista Karmen Pečar Koritnik è diventata la vincitrice del prestigioso concorso per violoncello dr. Luisa Sigalla in Cile.

Mojca Zlobko Vajgl è conosciuta come la nostra arpista principale con una carriera internazionale. Le musiciste hanno scelto una varietà di opere e arrangiamenti che nel loro trio risuonano autenticamente in termini di maestria compositiva ed espressività, o semplicemente in base alle sensazioni giuste.
(9 agosto, Križevniška cerkev)

SENTIMENTALE SONATA A KREUTZER
Il concerto dal titolo Sonata a Kreutzer ricorda il 2020, anno giubilare di Ludwig van Beethoven e Hugo Wolf, più modesto e meno solenne a causa della pandemia. Con questo programma il Quartetto d’archi Dissonance vuole sottolineare ancora una volta il significato storico e la grandezza di questi importanti compositori romantici.

Oltre alle due composizioni originali di Hugo Wolf per il quartetto d'archi, i musicisti eseguiranno anche il Concerto per violino e quartetto d'archi, originariamente scritto per violino e pianoforte. Nella seconda parte della serata verrà eseguita la celebre sonata a Kreutzer, meglio conosciuta nelle versioni per violino e pianoforte. Meno noto, tuttavia, è che lo stesso Beethoven scrisse questa composizione anche per il quintetto d'archi. I membri dei Dissonance saranno raggiunti alla Sonata di Kreutzer, come nell'esecuzione del Concerto per violino di Hugo Wolf, dalla violinista Lana Trotovšek, vincitrice quest'anno del premio della Fondazione Prešeren.

La scorsa stagione al Festival di Lubiana, l'eccellente violinista, insieme alla pianista Maria Canyigueral, ha entusiasmato il pubblico per tre serate consecutive, dove hanno eseguito brillantemente tutte e dieci le sonate di Beethoven per violino e pianoforte.
(10 agosto, Križevniška cerkev)

SAMO1PLANET (SOLO1PIANETA)
L’Orchestra nazionale giovanile slovena è un progetto, uno spazio e una storia che collega l'intera Slovenia. Offre ai giovani musicisti dai 12 ai 19 anni l'opportunità di sviluppare e rafforzare i ponti musicali e culturali.

L'orchestra è dedicata alla socializzazione e alla creatività musicale, all'entusiasmo per l'arte della musica e l'arte in generale, sollecita legami di amicizia e progressi musicali. Sotto la direzione della direttrice d’orchestra Živa Ploj Peršuh, in collaborazione con il gruppo Katalena, faranno in modo che il patrimonio musicale sloveno prenda vita con nuova energia. Il gruppo varia tra musica popolare e folk, tradizionale e popolare, ed è da molti anni una delle band etno più riconoscibili del nostro paese.

Traggono ispirazione dall'eredità delle canzoni popolari slovene, le presentano sotto una luce completamente nuova con approcci nuovi e convincono anche l'ascoltatore più esigente.
(26 agosto, Piazza Kongresni trg)

L’AURORA E LA CICALA
Il testo dell'opera lirica è stato scritto dal famoso poeta sloveno Milan Dekleva, la musica da Pavel Mihelčič, compositore, saggista, critico musicale e professore emerito in pensione dell'Accademia di musica di Lubiana. L’aurora e la cicala è basato sulla storia mitologica greca dell'amore tra la dea Eos e il principe troiano Titono che in modo poetico apre l'eterna questione dell'immortalità e del passaggio, nella parabola dell'origine e del potere titanico della musica.

La musica nell'opera è sottile, quasi a chiarire lo spazio in cui il suono si addensa e si assottiglia. La dea Eos, la divina personificazione dell'Alba, è rappresentata dal suono superbo del corno, a volte solista, che si avvicina al mezzosoprano. Il suono minuscolo di un flauto o di un ottavino, si riflette, invece, in un tenore in dissolvenza di Titono, che riesce a malapena ad affermarsi rispetto a una voce femminile decisa. Sebbene lei sembri dominare la personalità maschile, lui ammira la sua femminilità. La musica è una guida agli eventi, spesso avvolta nell'erotismo capriccioso, a volte gentile e delicatamente melodiosa. L’Aurora è nel cielo – desiderio, realtà, divinità. Sulla terra, l'uomo Titono ha una forte personalità ma sta invecchiando. Al vecchio morente non resta altra scelta che il destino di una minuscola cicala rinsecchita.
(30 e 31 agosto, Križevniška cerkev)

LA NOTA ITALIANA DEL CORO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Dopo 20 anni di attività, il Coro del Friuli - Venezia Giulia vanta più di 400 concerti e centinaia di produzioni diverse dalla musica rinascimentale a quella contemporanea, dal jazz al pop. Sin dagli inizi è diretto da Cristiano Dell'Oste. Sotto la sua direzione si esibisce nelle più prestigiose sale da concerto e festival in Italia e in Europa.

Collabora con musicisti e orchestre affermati, come Capella Savaria, con le orchestre sinfoniche della Filarmonica Slovena, di Padova e del Veneto, del Friuli-Venezia Giulia e La Fenice, e molte altre. È stato diretto da più di 80 direttori, tra cui Riccardo Muti, Gustav Leonhardt, Ton Koopman, Uroš Lajovic. Per molto tempo ha collaborato con il soprano Emma Kirkby, il trombettista jazz Kenny Wheeler ha dedicato l'oratorio al coro e lo ha eseguito con lui, clamoroso è stato il concerto con il tenore Andrea Bocelli. Dal 2016 scrive una storia di concerti di successo con il violoncellista Mario Brunello.

Sarà diretto al Festival di Lubiana da Ernest Hoetzl, un rinomato direttore d'orchestra austriaco, direttore della Gioventù Musicale della Carinzia e destinatario della Croce d'Onore e Medaglia al Merito austriaca che ha diretto, tra l’altro, i Sinfonici di Berlino, l’Orchestra sinfonica della Radio di Praga, l’Orchestra sinfonica Tchaikovsky di Mosca, l’Orchestra sinfonica di Tokyo e altre. Il concerto, che presenterà opere del compositore italiano contemporaneo Cristiano Carrara accanto ai mottetti di Bach e ai salmi di Mendelssohn, vedrà la partecipazione del noto flautista sloveno Boris Bizjak e del direttore artistico del coro Cristiano Dell'Oste che questa volta sederà all'organo.
(7 settembre, Chiesa di San Giacomo)

CONCLUSIONE DELLA 69ª EDIZIONE DEL FESTIVAL DI LUBIANA
L’Orchestra sinfonica della radio ORF di Vienna concluderà la 69ª edizione del Festival di Lubiana con anteprime di composizioni di affermati compositori contemporanei e la favolosa suite sinfonica di Nikolai Rimsky – Korsakov Sheherazade.

Al concerto ci sarà una prima mondiale della novità della compositrice austriaca Julia Purgina. Per la prima volta in Slovenia, ascolteremo anche il Concerto per violoncello e orchestra del compositore locale Vito Žuraj.L'orchestra austriaca di fama mondiale si distingue per la sua tradizione orchestrale viennese dei tempi d’oro. È nota per il suo programma audace e ponderato, che intreccia il repertorio del XIX secolo con opere contemporanee e rarità di tutti i periodi stilistici.

Spesso colloca le canzoni del romanticismo in contesti intelligenti e inaspettati. L'orchestra si esibisce regolarmente in due prestigiosi cicli di abbonamento a Vienna, vale a dire l’Associazione concertistica viennese e il Musikverein. È anche strettamente associata al Festival di Salisburgo e a molti dei festival più importanti dell'Austria.

I direttori più importanti collaborano con quest’ultima, e questa volta il testimone sarà preso dal direttore d'orchestra britannico della generazione più giovane, Kerem Hasan, che ha attirato l'attenzione internazionale nel 2017 vincendo al prestigioso concorso di direzione Nestlé e il premio di Salisburgo per i giovani direttori. Il solista sarà l'ottimo violoncellista francese Jean-Guihen Queyras che si esibisce con le orchestre più importanti a livello internazionale in sedi altisonanti in Europa e negli Stati Uniti.
(8 settembre, Piazza Kongresni trg)

ALTRI EVENTI DELLA 69ª EDIZIONE DEL FESTIVAL DI LUBIANA

IL FESTIVAL DI LUBIANA SUL LJUBLJANICA
Per la sesta volta consecutiva nell'ambito del Festival di Lubiana, alla fine di giugno, promettenti studenti del Conservatorio di musica e balletto di Lubiana e studenti dell'Accademia di musica di Lubiana eseguiranno musica sui battelli turistici sul fiume Ljubljanica.

La scoperta degli angoli nascosti del pittoresco lungofiume della città non è mai stata più intensa e indimenticabile come in questi quattro giorni da quando il Festival di Lubiana organizza concerti da camera sul Ljubljanica.

Imbarcatevi con noi su un battello e scoprite la variegata storia del fiume con musica appositamente selezionata e spettacoli emozionanti intrisi di zelo giovanile.
(28 giugno – 1° luglio, battelli turistici sul Ljubljanica)

MASTER CLASS
Anche nell’ambito della 69ª edizione di quest’anno del Festival di Lubiana saranno organizzati i Master class in cui giovani musicisti sloveni e stranieri hanno l’opportunità di un’ulteriore istruzione e formazione. Il direttore artistico dei Master class Branimir Slokar invita ogni anno a partecipare i migliori musicisti e professori di fama internazionale. Quest'anno gli aspiranti artisti saranno istruiti da ben dodici professori insieme agli accompagnatori: Latica Honda-Rosenberg, Guy Ben-Ziony, Jens-Peter Maintz, Božo Paradžik, Emanuel Abbühl, Felix Renggli,François Benda, Ole Kristian Dahl, Reinhold Friedrich, Dany Bonvin, Roland Szentpali e Epifanio Comis. Al termine dei corsi, i giovani musicisti presenteranno concerti da solista.
(26 luglio – 7 agosto, Accademia della musica)

COLONIA ARTISTICA
Il programma di accompagnamento della 69ª edizione del Festival di Lubiana includerà quest’anno la 24ª edizione della colonia artistica internazionale che si svolgerà a luglio a Križanke, sotto l’esperta guida di Tomo Vran. Si svolgeranno anche laboratori artistici tematici gratuiti per bambini, la cosiddetta Piccola colonia artistica, i bambini potranno frequentarla senza alcuna conoscenza preliminare poiché saranno guidati attraverso l’intero processo creativo da pedagoghi professionisti adeguatamente qualificati.
(12 luglio – 16 luglio, Križanke)

MOSTRE
A giugno la chiesa Križevniška cerkev a Lubiana ospiterà l’installazione transmediale di Eva Petrič dal titolo Postkoronsko sonce, v nihanju (Sole post-corona, in oscillazione). L'installazione ambientale, costituita da un assemblaggio di pizzi trovati e riciclati, sculture in plexiglass, suoni e luci, riflette la percezione dell'artista del mondo e dell'umanità che si è trovata in un crocevia di passaggio nel periodo post-corona.
(2 giugno – 30 giugno, Križevniška cerkev)

Una selezione di opere scultoree dell’artista sloveno Vasja (Vasilij) Žbona per la prima presentazione a Lubiana comprende le opere del periodo tra il 1994 e il 2009. Le opere sono realizzate nel suo materiale preferito, il legno, che gli ha offerto ampie possibilità di approccio e produzione, così come in marmo e bronzo.
(7 settembre – 30 settembre, Križevniška cerkev)

Grazie per il vostro sincero interesse al programma del Festival di Lubiana. 
Il Festival di Lubiana si riserva i diritti di modificare il programma.

Maggiori informazioni su ljubljanafestival.si. 

Informazioni / Pubbliche relazioni 
Maruša Šinkovič 
Tel.: +386 (0)1 241 60 18 
marusa.sinkovic@ljubljanafestival.si
  

ljubljanafestival.si 
www.facebook.com/ljubljanafestival  
www.instagram.com/ljubljanafestival  
www.youtube.com/user/TheFestivalLjubljana  

Il Festival di Lubiana è stato fondato dal Comune di Lubiana, che lo sostiene anche finanziariamente: 

Sponsor principale: Zavarovalnica Sava, d. d. 
Sponsor della 69ª edizione del Festival di Lubiana: JP Voka Snaga, d. o. o., Spar Slovenija, d. o. o., Energetika Ljubljana, d. o. o., Petrol, d. d., NLB, d. d., Nova KMB, d. d., Krka, d. d., Riko, d. o. o.,Zavarovalnica Triglav, d. d., Trimo d. o. o., Mercator, d. d., Lekarna Ljubljana, Javna razsvetljava, d. d., SŽ-Potniški promet, d. o. o.
Sponsor dei singoli eventi: Zavarovalnica Sava, d. d., Delo, d. o. o., Spar Slovenija, d. o. o., Petrol, d. d., Nova KMB, d. d., Krka d. d., Trimo d. o. o., Mercator, d. d., UniCredit Banka Slovenije, d. d., Plinovodi, d. o. o. Ljubljana, Terme Dobrna d. d., Technobell d. o. o. Koper, BTC, d. d., Interenergo d. o. o
Media sponsor principale: Delo, d. o. o. 
Altri media sponsor: Dnevnik, d. d., Europlakat, d. o. o., Časnik Finance, d. o. o., Radio 1, Radio Center 
Partner del Festival di Lubiana 2021: RTV Slovenija, Slovenska filharmonija, Austria Trend Hotels, Radisson Blu Plaza Hotel, Ljubljana, SNG Opera in balet Ljubljana, Silič uglaševanje Klavirjev, d. o. o., SNG Maribor, Mini Teater, UL Akademija za glasbo, Teta Frida 
Amici del Festival di Lubiana: NP consulting, d. o. o., Intral, d. o. o. 
Trasporti ferroviari: SŽ-Potniški promet, d. o. o.
Vini ufficiali: Vinakoper, d. o. o. 

Il Festival di Lubiana è stato fondato dal Comune Città di Lubiana. Membro dell’Associazione dei festival europei EFA dal 1977.


[home page] [lo staff] [meteo]