torna alla homepage


Sismologia: fatti, fantasia e stranezze:
a Trieste una conferenza per ricordare il sismologo
Marco Mucciarelli, noto a livello internazionale


Marco Mucciarelli è stato un geofisico e sismologo riconosciuto a livello internazionale, noto per la sua attività di ricerca che agli aspetti teorici univa importanti ricadute applicative nel settore della sicurezza sismica delle grandi opere e del territorio.

A un anno dalla sua scomparsa, avvenuta prematuramente, l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, di cui Mucciarelli ha per lungo tempo diretto il CRS - Centro di Ricerche Sismologiche, organizza una giornata di approfondimento sulla sismologia, il rischio sismico naturale e antropico e la sua mitigazione, l'interazione tra struttura del suolo e monitoraggio delle costruzioni e l'attività di informazione e comunicazione sui rischi naturali.

L'appuntamento, intitolato “Seismology: facts, fantasy and the just plain weird. In memory of Marco Mucciarelli”, si svolgerà
lunedì 13 novembre 2017, dalle ore 13.30 alle 18.30
al Molo IV di Trieste
P. Franco Vecchio – Trieste

L'incontro fa da apertura al 36° Convegno del Gruppo Nazionale per la Geofisica della Terra Solida (GNGTS), in programma a Trieste dal 14 al 16 novembre 2017. Il GNGTS è il più importante appuntamento nazionale per il confronto sulla Geofisica della terra Solida, disciplina che indaga le proprietà fisiche della componente solida della terra, articolato su tre filoni: Geodinamica, Caratterizzazione Sismica del Territorio e Geofisica Applicata.

Marco Mucciarelli nato a Porretta Terme (Bologna) il 14 gennaio 1960, si è laureato in Fisica all'Università degli Studi di Bologna nel 1983 con una tesi in Sismologia dal titolo “Parametri sismici dell’area italiana”. I suoi principali interessi di ricerca hanno riguardato l'analisi statistica dei dati di sismicità, la stima del pericolo sismico per microzone e aree più grandi, la sismicità indotta dallo stoccaggio, la modellazione sismotettonica e i precursori sismici idrologici e geochimici. Tra il 1979 e il 1984, Marco ha iniziato la sua attività di ricerca presso le Università di Bologna e Siena. Nel 1985 e nel 1986 ha lavorato come ricercatore presso l'Università di Siena, dove è diventato professore di "Geological Data Analysis" fino al 1992. Dal 1987 Marco è stato il capo del gruppo sismologico all'Istituto Sperimentale Modelli e Strutture (poi ISMES S.p.A. del gruppo ENEL). Ha occupato questa posizione fino al 1998, quando è diventato professore ordinario presso l'Università della Basilicata, ruolo che ha mantenuto fino al 2012, quando è stato nominato Direttore del Centro per la Ricerca Sismologica dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale - OGS.

Durante la sua carriera ha partecipato a diversi progetti finanziati dall'UE, come SCENARIO e SEISMOCARE. Mucciarelli è stato anche responsabile degli aspetti scientifici del progetto Stima del Rischio Sismico di Chernobyl (TACIS), che lo ha fatto conoscere come uno scienziato dotato di un talento unico, interessato ad analizzare tutti gli aspetti della sismologia e a stabilire una stretta collaborazione con gli esperti di altre discipline. Ha inoltre agito come coordinatore del progetto FAUST e ha partecipato a molti altri progetti internazionali. In particolare, come direttore del progetto NATO per la Scienza e la Pace "Valutazione dell'amplificazione sismica di sito e della vulnerabilità degli edifici nelle ex Repubbliche jugoslave di Macedonia, Croazia e Slovenia", ha facilitato il networking internazionale tra diverse comunità sismologiche nell'UE.

Dal 2000 al 2007, Marco ha coordinato studi di microzonazione in più di 50 comuni delle regioni Marche e Basilicata dell'Italia e dal 2005 al 2007 ha coordinato il progetto "Scenari di scuotimento e di attesa in aree di interesse prioritario e / o strategico" nel quadro di "Progetti Sismologici e Vulcanologici di interesse per il Dipartimento della Protezione Civile".

Marco ha pubblicato più di 100 articoli in riviste e processi internazionali e oltre 80 articoli in riviste, libri e atti nazionali.


[home page] [lo staff] [meteo]