torna alla homepage


Nelle farmacie italiane si impara ad ascoltare
il cuore con la settimana "Cardio Check Up"


In Italia, tra le malattie croniche, sono le cardiometaboliche ad essere le più frequenti, con il 27% di incidenza sulla popolazione; mentre le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nella nostra penisola e, ogni anno, uccidono 18 milioni di persone nel mondo. Spesso, inoltre, i sintomi vengono sottovalutati e ci si dimentica che la prevenzione - grazie ad un corretto stile di vita, una sana alimentazione e un equilibrato programma di integrazione - gioca un ruolo chiave. Anche alla luce di questo scenario, nasce “Cardio Check Up”, un’iniziativa attiva fino al 15 maggio nel network FARMACIE SPECIALIZZATE di tutt’Italia.

Recandosi in farmacia, sarà possibile iniziare un percorso personalizzato di autoanalisi per prevenire i disturbi cardiovascolari, oltre a ricevere uno sconto del 30% sugli integratori Omega-3 Farmacisti Preparatori. Il farmacista analizzerà lo stato di salute dei pazienti con l’aiuto di diversi servizi, quali holter pressorio, elettrocardiogramma, autoanalisi, pulsossimetro e ossigenazione nel sangue, questionario del rischio cardiovascolare e BODYPLAN®, ovvero un’analisi della composizione corporea. Al termine della seduta, in base ai risultati, verrà fornito un vero e proprio programma di consulenza specializzata con alcune linee guida personalizzate per la prevenzione e il benessere cardiovascolare.

Le FARMACIE SPECIALIZZATE sono sempre attente alla prevenzione cardiovascolare. Di seguito qualche utile consiglio per prendersi cura del proprio cuore in forma preventiva in qualsiasi momento.

Muoversi 30 minuti al giorno – Una regolare attività fisica è associata ad una riduzione dello sviluppo di malattie cardiache: quando ci alleniamo, anche il cuore lavora meglio, aumentando la quantità di sangue espulso a ogni battito. Bastano 30 minuti di movimento quotidiani: corsa, pesi, nuoto, tennis e ciclismo sono gli sport più indicati per un cuore forte e sano.

La dieta che strizza l’occhio al colesterolo – Il colesterolo è una molecola che il corpo autoproduce e che viene parzialmente assunta con l’alimentazione; se aumenta a dismisura può costituire un rischio, specialmente se il rapporto tra colesterolo buono (HDL) e quello cattivo (LDL) si sbilancia. Cosa fare? Curare la nostra dieta è un primo passo. Bisognerebbe evitare di assumere troppi zuccheri dopo le 18 perché, non venendo bruciati, favoriscono i picchi di insulina che aumentano la produzione del colesterolo: no quindi a pane, pasta, riso, pizza e focaccia per cena e, in generale, evitare insaccati, burro, latticini e merende industriali. Formaggi stagionati e carne bianca sono consentiti - con moderazione - così come l’uovo e i crostacei, che inibiscono la formazione del colesterolo endogeno. Promossi invece gli oli vegetali come condimento a crudo.

Lo zucchero occulto – Lo zucchero dovrebbe dunque essere assunto in modo equilibrato, anche per controllare la glicemia, un elemento che può incidere sulla salute cardiovascolare. Non è sempre semplice sapere quanto ne ingeriamo in un giorno solo: ad esempio, una lattina di aranciata (da 330 ml) contiene 33-35 grammi di zuccheri, che equivalgono a circa sette zollette di zucchero, quindici caramelle dure o una ventina di biscotti secchi. I succhi di frutta, anche se riportano la dicitura senza zuccheri aggiunti, contengono comunque saccarosio, fruttosio e glucosio (zuccheri naturali della frutta) e forniscono circa 70 chilocalorie per bicchiere (200 cl).

Sale: attenzione ai nascondigli – Anche l’introito giornaliero di sale dovrebbe essere limitato: 5-6 grammi sono la misura ideale. Questo anche per tenere sotto controllo la pressione arteriosa che, se elevata, diventa uno tra i fattori di rischio cardiovascolare. Bisogna quindi fare attenzione al sale nascosto negli alimenti: formaggi, salumi, cibi in scatola, prodotti da forno, olive, capperi... Davanti allo scaffale, è bene controllare le etichette nutrizionali: se un alimento ha un contenuto superiore a 120 mg di sodio per 100 grammi meglio posarlo e cercare altrove. Ricordarsi, infine, che il sale ha tanti “nomignoli”: sodio (o Na), cloruro di sodio, bicarbonato di sodio, fosfato monosodico, glutammato monosodico, benzoato di sodio, citrato di sodio.

Omega 3: alleati del cuore - Gli Omega 3 sono acidi grassi essenziali che contribuiscono alla normale funzione cardiaca, mantengono il cuore forte e sano e sostengono le funzionalità del cervello. Possono essere assunti con l’alimentazione, grazie al pesce azzurro, come sgombro e acciughe, o grasso, come salmone o anguilla; ma anche alghe, olio ai semi di lino, noci e alcuni cereali come il germe di grano o di avena. Se la dieta non basta, il consiglio è di assumerlo con un programma personalizzato di integrazione dalle migliori fonti e con un grado di purezza ottimale. Un esempio di successo è il riso rosso fermentato che, tradizionalmente usato come colorante naturale nei cibi e come conservante per carne e pesce, ha un effetto benefico nei casi di ipercolesterolemie lievi grazie alla Monacolina K, una sostanza che mantiene a norma i livelli di colesterolo.

Per trovare la propria farmacia di fiducia della rete FARMACIE SPECIALIZZATE basta andare sullo store locator del sito www.farmaciespecializzate.it.  

Per ulteriori informazioni: www.farmaciespecializzate.it 

FARMACIE SPECIALIZZATE

Il network Farmacie Specializzate è costituito da un gruppo di farmacisti che operano in prima linea nel consiglio, nella selezione e nella proposta di prodotti e servizi distintivi dedicati alla cura della persona nell’ambito della prevenzione, dello screening e della promozione dei corretti stili di vita. Nata nel 2013, la rete raggruppa oltre 660 esercizi clienti di Unifarco, di cui trattano in modo completo le referenze, distribuiti sull’intero territorio nazionale. Più specificamente, si tratta di farmacie che, per rispondere in modo completo alle esigenze di salute e wellness di tutti, oltre le competenze di base si sono volute dotare di specializzazioni in quattro importanti aree – Detox, Aging, Cardio, Dermo – predisponendo per ognuna di esse un percorso mirato di miglioramento e mantenimento del benessere, finalizzato a rispondere alle principali motivazioni di accesso quotidiano in farmacia: patologie cardiovascolari, problematiche legate alla barriera intestinale e a quella cutanea, prevenzione e cura dell’invecchiamento. E lo fanno mettendo in campo passione, competenza, formazione, impegno, ricerca e risorse.

UNIFARCO

Nata nel 1982 ai piedi del Parco delle Dolomiti bellunesi (Santa Giustina), Unifarco è una Società per Azioni fondata e formata da farmacisti che propone prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up efficaci, sicuri e a un giusto prezzo. Unifarco si rivolge esclusivamente al canale farmacia: attualmente fornisce oltre 5.000 farmacisti europei (di cui oltre 2.700 in Italia). È gestita dai 4 soci fondatori con oltre 350 soci farmacisti. Ha attualmente oltre 430 dipendenti in azienda e 140 collaboratori sul territorio (formatori, informatori, agenti, beauty consultant, ecc).

Nel 2020 il Gruppo Unifarco ha avuto un fatturato di 116 milioni di euro.

Ha filiali in Germania e Spagna e reti di vendita sviluppate in Francia, Austria e Svizzera.


[home page] [lo staff] [meteo]