torna alla homepage


Auto d'epoca, un abitante del Friuli Venezia Giulia
su tre (33%) è propenso ad acquistarne una


Bolidi che hanno macinato chilometri di strada e di storia. Gioielli della tecnica e del design che dalle origini a oggi hanno segnato il cammino dell’automotive. E insieme, beni molto più che “materiali”, che si caricano di valori e suggestioni dell’immaginario e del vissuto personale di ciascuno. La passione per le auto d’epoca conquista i friulani. E se sono tanti i “semplici” curiosi, uno su tre (33%) si dice addirittura interessato ad acquistarne una nei prossimi tempi.

Lo rileva l’ultima ricerca dell’Osservatorio Sara Assicurazioni.

A guidare gli abitanti del Friuli Venezia Giulia verso i motori d’epoca è anzitutto l’amore per il collezionismo (35%), cui segue un fascino per la loro storicità e rarità (28%), mentre un altro 16% li vede come un modo per mettere a frutto i propri risparmi in un bene unico e di valore.

Se l’estetica e il design (31%) sono considerati gli aspetti più importanti nella scelta, a contare è anche il fatto che l’auto e abbia ancora pezzi originali (28%), mentre un altro 20% vorrebbe, con l’acquisto di una vecchia gloria, poter rivivere e riassaporare il gusto delle epoche passate.

Un sentimento, quello per le auto vintage, che ha anche un prezzo: l’esborso per l’acquisto, infatti, è considerato vincolante da uno su cinque (19%), ma per la maggioranza (64%), considerato anche che la forbice dei prezzi è molto ampia e che quindi l’impegno economico può variare in modo significativo, può essere compensato dalla bellezza di possedere un mezzo ineguagliabile e dalla sua possibile crescita di valore nel tempo.

Se è vero che la passione rende ciechi, i friulani non nascondono, però, di avere anche delle preoccupazioni al riguardo: in primis, il rischio di danni, che possono comportare costi anche importanti (56%) e richiedere pezzi di ricambio non sempre facili da trovare (38%). A essere temuti sono anche furti e atti vandalici (28%) così come la difficoltà di trovare un professionista specializzato in caso di bisogno (21%).

Per questi motivi, molti ritengono utile una polizza assicurativa per questo tipo di veicoli. I vantaggi? Poter scegliere le tutele più idonee al caso (40%), coprire i danni per vari tipi di rischi (28%) e ricavarne un senso generale di sicurezza (22%).

“I veicoli d’epoca sono beni che possono avere grande valore, a cui molti collezionisti e appassionati guardano con interesse, a tutte le età, come evidenzia la ricerca del nostro Osservatorio - commenta Marco Brachini, Direttore Marketing, Brand e Customer Relationship di Sara Assicurazioni – Dall’indagine emerge la consapevolezza che un bene di questo tipo va protetto nel migliore dei modi. Come Compagnia assicuratrice ufficiale dell’ACI, da sempre ci rivolgiamo a collezionisti ed appassionati di motori storici con soluzioni innovative, personalizzabili e altamente tecnologiche per soddisfare le più diverse esigenze di tutela.”

*Indagine CAWI condotta dall’istituto di ricerca Nextplora su di un campione rappresentativo della popolazione italiana per quote d’età, genere ed area geografica.

Sara Assicurazioni

Sara Assicurazioni, prima esempio europeo di joint venture tra un’associazione di consumatori - l’ACI - e una compagnia di assicurazioni, è nata nel 1946 con l’obiettivo di mettere a disposizione degli automobilisti un’ampia gamma di servizi assicurativi. Sara Assicurazioni è ad oggi la compagnia ufficiale dell’Automobile Club d’Italia ed è punto di riferimento per le famiglie italiane e per tutte le esigenze legate alla sicurezza personale, patrimoniale e del tenore di vita. La sua organizzazione commerciale è formata da una struttura che comprende oltre 500 agenzie e circa 1.500 punti vendita. Oltre a Sara Assicurazioni, del Gruppo fa parte Sara Vita, compagnia specializzata nell'area del risparmio, della previdenza e della tutela, con un’offerta articolata anche nell’area degli investimenti.

[home page] [lo staff] [meteo]