Antico Caffè San Marco


torna alla homepage


All'Antico Caffè San Marco la presentazione
del libro "Adriatico amarissimo" di Raoul Pupo


Martedì 19 ottobre alle ore 18.00 all'Antico Caffè San Marco L'Antico Caffè San Marco e il Circolo della Stampa di Trieste presentano il libro di Raoul Pupo "Adriatico amarissimo" (Laterza editore) Dialoga con l'Autore il giornalista Pietro Spirito.

IMPORTANTE!
Per partecipare è OBBLIGATORIA la prenotazione SOLO al numero 040 2035357 o con MESSAGGIO sulla pagina facebook del Caffè San Marco

La "stagione delle fiamme" e la "stagione delle stragi" si succedono al confine orientale nel racconto di un grande storico.
«Chi oggi, venuto da chissà dove, d'estate prende il sole a capo Promontore, al vertice del triangolo istriano, non immagina che neanche settant'anni prima dalla terra alle sue spalle metà della popolazione, quella italiana, ha dovuto prendere la via dell'esilio. Chi naviga fra i mille scogli della Dalmazia non sa che l'isola all'orizzonte, Arbe/Rab, ha ospitato durante la seconda guerra mondiale un campo di concentramento.»
Le terre dell'Adriatico orientale sono state uno dei laboratori della violenza politica del ʼ900: scontri di piazza, incendi, ribellioni militari come quella di D'Annunzio, squadrismo, conati rivoluzionari, stato di polizia, persecuzione delle minoranze, terrorismo, condanne del tribunale speciale fascista, pogrom antiebraici, lotta partigiana, guerra ai civili, stragi, deportazioni, fabbriche della morte come la Risiera di San Sabba, foibe, sradicamento di intere comunità nazionali. Queste esplosioni di violenza sono state spesso studiate con un'ottica parziale, e quasi sempre all'interno di una storia nazionale ben definita – prevalentemente quella italiana o quella jugoslava (slovena e croata) –, scelta questa che non può che originare incomprensioni e deformazioni interpretative. Infatti, è solo applicando contemporaneamente punti di vista diversi che si può sperare di comprendere le dinamiche di un territorio plurale come quello dell'Adriatico orientale, che nel corso del '900 oscillò fra diverse appartenenze statuali. Inoltre, le versioni offerte dalle singole storiografie nazionali non fanno che rafforzare le memorie già a suo tempo divise e rimaste tali generazione dopo generazione. Sono maturi i tempi per tentare di ricostruire una panoramica complessiva delle logiche della violenza che hanno avvelenato – non solo al confine orientale – l'intero Novecento. 

ANTICO CAFFE' E LIBRERIA SAN MARCO
VIA CESARE BATTISTI 18
34125 TRIESTE
TEL 040 0641724


[home page] [lo staff] [meteo]