torna alla homepage


Le voci dell'inchiesta: ecco i film in collaborazione con l'Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia

11 - 15 aprile 2018

Giovedì 12 aprile ore 16.15
THEATRE OF WAR
Anteprima nazionale

di Lola Arias (Argentina 2018, 82’)
Berlinale 2018

La guerra rivive, sorprendentemente, in tutta la sua tragicità in un film che supera i confini dello schermo: il racconto diretto dei veterani della guerra delle Falkland travolge, lascia riaffiorare e ricompone i traumi del passato.

Tre inglesi e tre argentini, veterani della Guerra delle Falkland (per gli inglesi) Malvinas (per gli argentini), accettano, trentacinque anni dopo i fatti, di trascorrere insieme alcuni mesi per raccontarsi e rappresentarsi davanti alla telecamera di Lola Arias.

Ex soldati diventano attori, la spontaneità diventa recitazione, luoghi reali si trasformano in palcoscenico. Una piscina, un cantiere edile, una caserma, diventano spazi neutri, luoghi della memoria.

Ma il film è più di una rappresentazione teatrale: è un progetto artistico-catartico, costruito per superare vecchi traumi segregati nel passato.

Un “Teatro di guerra” che esplora la sottile linea che separa vincitori e vinti: «Una guerra durata solo due mesi è ancora presente, ogni giorno, per loro».

Venerdì 13 aprile ore 16.00
THE CONGO TRIBUNAL

Zurich film prize / Locarno International Film Festival: Menzione d’onore della Settimana della Critica
Shortlist per il German Film Award, Miglior documentario 2017

di Milo Rau (Svizzera/Germania, 2017, 100’)

Un tribunale “di finzione” innesca l’unico tentativo in vent’anni di guerra civile di affermare concetti come Giustizia, Diritto, Responsabilità in questa terra dilaniata.

Un esperimento visivo, di regia, di società: fra documentario e finzione, il cinema può modificare la realtà.

La terribile guerra civile in Congo ha trasformato un’area grande quanto l’Europa Occidentale nell’inferno in terra. Chiamata “Terza Guerra Mondiale” per il coinvolgimento diretto o indiretto di tutte le superpotenze, finora ha ucciso circa sei milioni di persone.

Il regista organizza, per la prima volta nella storia di questa guerra e nel mezzo della zona del conflitto, un simbolico processo, che coinvolge i protagonisti reali di questo disastro. Testimoni, politici, multinazionali, lobbies si susseguono sul palco/banco degli imputati rappresentando se stessi, riportando, seppur in una cornice d’artificio, la tremenda realtà di un conflitto globale che fa pagare tutto il conto per il benessere del “primo mondo” a questi luoghi maledetti dalla propria abbondanza.

[home page] [lo staff] [meteo]