torna alla homepage


Per "I lunedì dell'Ariston" rassegna di 5 film di Rainer Werner Fassbinder a quarant’anni dalla scomparsa


A quarant’anni dalla scomparsa di Rainer Werner Fassbinder, uno dei più geniali e prolifici registi del Ventesimo Secolo, la rassegna “I lunedì dell’Ariston” organizzata da La Cappella Underground presenta una selezione di cinque dei suoi film più rappresentativi - in edizione restaurata dalla R.W. Fassbinder Foundation – e un inedito documentario biografico: i titoli, in programma dal 20 giugno al 18 luglio in versione originale sottotitolata, sono “L’amore è più freddo della morte” (Liebe ist kälter als der Tod, 1969), “Le lacrime amare di Petra Von Kant” (Die bitteren Tränen der Petra von Kant, 1972), “La paura mangia l’anima” (Angst essen Seele auf, 1973), “Effi Briest” (Fontane Effi Briest, 1974), “Il matrimonio di Maria Braun” (Die Ehe der Maria Braun, 1978) e il documentario “Fassbinder” (2015) di Annekatrin Hendel.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la distribuzione italiana Viggo e promossa a Trieste con la collaborazione di CulturArteffetto Tedesco.

Nessun regista è stato più controverso, scandaloso, prolifico e ossessionato dal cinema di Rainer Werner Fassbinder. Morto tragicamente, il 10 giugno del 1982, a soli 37 anni, Fassbinder aveva
rivoluzionato il teatro e lasciato un totale di 44 film e serie televisive diretti e, spesso, autoprodotti. Nessuno, prima o dopo di lui, è stato in grado di narrare la società tedesca in modo così duro
e veritiero attraverso personaggi indimenticabili, comunque capaci di emozionare, toccare l’animo umano, offrire una possibilità. La rassegna offre un tributo a un regista scomodo, volutamente dimenticato, per concedere al suo cinema la possibilità di rivivere sul grande schermo attraverso cinque significative opere che, raccontando la società e la storia tedesca, hanno profondamente mutato il racconto cinematografico.

La rassegna si apre con “L’amore è più freddo della morte” (Liebe ist kälter als der Tod, Germania, 1969, 89’), il 20 giugno alle ore 17.00 e 21.00, film d’esordio di R.W. Fassbinder in cui il regista tedesco gioca con alcuni dei suoi miti cinematografici, lasciando trapelare sprazzi delle tematiche che verranno.

“Le lacrime amare di Petra Von Kant” (Die bitteren Tränen der Petra von Kant, Germania, 1972, 125’), in programma il 27 giugno alle ore 18.30 e 21.00, è il più doloroso e forse il più perfetto film di Fassbinder: claustrofobico, retto da interpretazioni impeccabili, da una regia fortemente teatrale e da una fotografia esemplare.

“La paura mangia l’anima” (Angst essen Seele auf, Germania, 1973, 94’), in palinsesto il 4 luglio alle ore 17.00 e 21.00, è un film sul razzismo quotidiano e sulla normalità, sull’amore e sulla felicità, costruito attorno alla storia di Emmi, una sessantenne vedova e con figli sposati, e del suo incontro con Alì, un marocchino immigrato per lavoro in Germania.

“Effi Briest” (Fontane Effi Briest, Germania, 1974, 141’), in data 11 luglio alle ore 18.00 e 21.00, lungometraggio fedele all’omonimo romanzo di Theodor Fontane, è girato in uno splendido bianco e nero che restituisce nitido il ritratto di una società cupa ed opprimente dove non è più possibile vivere l’amore.

“Il matrimonio di Maria Braun” (Die Ehe der Maria Braun, Germania, 1978, 121’), ultimo titolo in cartellone il 18 luglio alle 18.30 e 21.00, è uno dei migliori film di Fassbinder, denso di avvenimenti e di personaggi, pieno di drammaticità e di sarcasmo, una ricca parabola sul “miracolo” tedesco, con una memorabile Hanna Schygulla.

L’inedito documentario biografico “Fassbinder” (Germania, 2015, 96’) di Annekatrin Hendel sarà presentato in due date, il 20 giugno e il 4 luglio alle ore 19.00: l’opera offre un nuovo approccio al fenomeno Fassbinder consentendogli di raccontare la propria storia attraverso il collegamento di elementi autobiografici dei suoi film con opere scritte inedite e interviste; la storia di un giovane studente con grandi ambizioni artistiche che, con il suo stile di vita scandaloso e una furiosa energia, ha profondamente segnato e trasformato il paesaggio culturale tedesco ed internazionale, ricostruita attraverso interviste alle sue “donne”, Hanna Schygulla, Irm Hermann e Margit Carstensen, ad amici e sostenitori come Harry Baer, Thomas Schühly, Günter Rohrbach, Volker Schlöndorff e Juliane Lorenz.

Trailer: https://vimeo.com/viggosrl 

Informazioni sul sito web www.aristoncinematrieste.it e sulla pagina facebook cinema.ariston.trieste

Info:
La Cappella Underground
Piazza Duca degli Abruzzi n.3 - 34132 Trieste
tel 040 3220551 - fax +39 040 9673002
info@lacappellaunderground.org www.lacappellaunderground.org


[home page] [lo staff] [meteo]