torna alla homepage


UdinEstate 2017: 200 eventi tra concerti, mostre, incontri, teatro e molto altro


Arte, cultura, teatro, cinema, grandi kermesse e tanta, tanta musica. Tutto questo è UdinEstate, il ricco cartellone di appuntamenti organizzato dal Comune di Udine in collaborazione con oltre una trentina di partner tra enti e associazioni. L'edizione 2017 della rassegna, presentata mercoledì 31 maggio, a palazzo D'Aronco, accompagnerà anche quest'anno migliaia di udinesi e turisti durante i mesi estivi e fino a settembre. Tra i quasi 200 appuntamenti in programma a farla da padrone sarà la musica con quattro grandi concerti che animeranno il colle del Castello: da Francesco Renga alla sandanielese Lodovica Comello, dall'intramontabile Fiorella Mannoia al duo che accende le passione dei più giovani, Benji e Fede. Non mancheranno poi le occasioni per gli appassionati di musica classica e dell'operetta. Per tutta l'estate si susseguiranno quasi quotidianamente eventi culturali, laboratori e animazione per bambini, mostre, conferenze e molto altro.

Tra le novità di quest'anno c'è poi una presenza molto più ampia del Teatro Giovanni da Udine, che proporrà per la prima volta una stagione estiva, ma anche il gradito ritorno, dopo la pausa della scorsa edizione, delle “Letture in corte”, il tradizionale e seguitissimo appuntamento con le pagine della grande letteratura ideato e condotto da Angela Felice e Paolo Patui secondo una collaudata formula in tandem.

«Come avviene ormai dal lontano 1979, quando venne programmata la prima edizione di UdinEstate – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell –, anche quest’anno il Comune di Udine offre, in collaborazione con oltre 30 partner tra associazioni ed enti, un ricco calendario di spettacoli e incontri a tutti coloro, cittadini e turisti, che trascorrono l'estate in città. Musica, teatro, letture, mostre, visite guidate, incontri, cinema all'aperto: anche in questa edizione ci saranno tante occasioni sia di svago sia di riflessione per imparare divertendosi e per divertirsi imparando». 

«Una manifestazione che per tre mesi accompagna i cittadini e i sempre crescenti turisti con ogni genere di attività, dai concerti in castello, agli spettacoli musicali, cinematografici e teatrali, alle letture, ai laboratori per i bambini, ai percorsi culturali nei quartieri – è il commento dell'assessore alla Cultura, Federico Pirone –. Un modello assolutamente non scontato in quanto a partecipazione e coinvolgimento che l'amministrazione comunale promuove e coordina con la convinzione che in una città conta soprattutto la dimensione umana, cioè contano le persone, le loro relazioni, i loro sentimenti, il loro divertimento, il loro essere pluralità. Una manifestazione per la quale essere orgogliosi della nostra città». 

Programma 2017. Teatro all’aperto, appuntamenti con la storia, visite guidate, documentari, incontri, mostre, concerti per tutti i gusti e molto altro ancora grazie a un ricco programma di quasi 200 eventi, frutto come sempre del lavoro dei vari uffici comunali coinvolti nell’iniziativa, coordinati dall'assessorato alla Cultura, nonché dell’impegno delle tante associazioni ed enti del territorio. Diverse le sedi scelte per ospitarli, da corte Morpurgo al piazzale del Castello, dalle vie e piazze del centro storico ai giardini e aree verdi della città, dal Visionario al Teatro Nuovo, dalla Casa delle Donne di via Pradamano all'ex Macello, nuova sede del Museo Friulano di Storia Naturale.

Impossibile descrivere qui tutti gli appuntamenti di UdinEstate, una manifestazione che negli anni si è sempre più caratterizzata come un grande contenitore in grado di rispondere a una vasta gamma di gusti e agli interessi di tutte le fasce d'età. Tra gli appuntamenti più importanti di quest'anno non si possono non citare due “eventi negli eventi” come l'Fvg Pride (10 giugno) e la Notte dei Lettori (16 e 17 giugno). Diverse le rassegne, in gran parte consolidate, inserite nel cartellone: dagli immancabili appuntamenti di Udin&Jazz (come sempre proposto da Euritmica dal 30 giugno al 13 luglio con ospiti del calibro di Remo Anzovino e Roy Paci, Bombino, Toquinho e Maria Gadù, solo per citarne alcuni) al Festival delle arti in lingua minoritaria Suns Europe (il 9 giugno in corte Morpurgo); dalle storie raccontate dagli attori di Anà-Thema Teatro (il 22 giugno in Corte Morpurgo con “La Divina Commedia”, il 27 giugno in corte Morpurgo con “Quanti all'operetta”, il 23 e 24 luglio in Castello con “Il castello del Piccolo Principe”) al ritorno della grande lirica con il “Nessun dorma” a cura dell'associazione Società Filarmonia (il 25 e 25 luglio nel piazzale del Castello); da Armonie in corte (dal 29 giugno al 22 agosto in corte Morpugo) al Folkest (il 4 luglio sul piazzale del Castello); dai tanti appuntamenti della rassegna Teatro Sosta Urbana (dal 5 luglio al 30 settembre) al festival dell'Università di Udine che ripropone Conoscenza in festa (29 giugno-1 luglio); dalle tantissime iniziative per bambini organizzate nei musei dalla cooperativa Sistema Museo e nei parchi cittadini dalla sezione Ragazzi della Joppi (dal 17 giugno al 7 settembre) all'attesissimo Tango sotto la Loggia (in piazza Libertà il 22 e 29 luglio, il 4 e 11 agosto); dal 16^ Festival internazionale dei Cori d'Europa (Basilica delle Grazie il 16 luglio) al Festival Mondiale del Folclore Giovanile Fvg (sul piazzale del Castello l'11 luglio), dalle tappe del Ludobus nelle piazze e nelle aree verdi della città (luglio-settembre) fino alla danza con Arearea (parco del Cormor il 5 agosto).

Come anticipato, inoltre, molti i concerti con grandi artisti come Francesco Renga (proposto da Azalea, in Castello il 14 luglio), Lodovica Comello (proposto da Azalea, in Castello il 21 luglio), Fiorella Mannoia (per Onde mediterranee in Castello il 27 luglio), Benji e Fede (proposto da Azalea, in Castello il 29 luglio). Tra le novità di quest'anno va ricordato anche Project X (il 15 luglio sul piazzale del Castello), un evento legato alla musica elettronica sperimentale leggera che conterrà anche un omaggio al recentemente scomparso Robert Miles. Confermatissima come location di punta della rassegna, corte Morpurgo ritroverà in questa edizione anche le amate “Letture in corte” del duo composto da Angela Felice e Paolo Patui, che in tre appuntamenti (7, 14 e 21 giugno) approfondirà tre fasi storiche fondamentali della storia italiana e internazionale: il Risorgimento, la Resistenza e il Sessantotto.

Un'altra conferma viene dalla partecipazione dell'Accademia Teatrale “Nico Pepe”, che riproporrà dal 17 al 22 luglio il SAFest, Summer Academies Festival, incontro di scuole di teatro europee durante il quale le diverse accademie scambieranno esperienze pedagogiche e didattiche, coinvolgendo anche il territorio, attraverso l’apertura al pubblico di alcuni momenti di spettacolo e di laboratorio. Intrattenimento ed eventi non mancheranno nemmeno al Visionario, che per tutta l'estate metterà in campo un ricco programma di concerti, dj set e proiezioni cinematografiche. 

Per gli amanti dell'arte UdinEstate offrirà come di consueto numerose visite guidate alle collezioni permanenti dei Civici Musei e alle grandi mostre attualmente allestite nelle sedi museali della città, tra le quali ricordiamo “Paradoxa. Arte dalla Cina attuale” (a Casa Cavazzini fino al 27 agosto) e “L'offensiva di carta. La Grande Guerra illustrata, dalla collezione Luxardo al fumetto contemporaneo” (in Castello fino al 7 gennaio 2018). Nella nuova sede di via Sabbadini, inoltre, il museo friulano di Storia naturale proporrà una serie di incontri di approfondimento sul tema della biodiversità.

UdinEstate nei quartieri. Come sempre, UdinEstate non sarà solo un grande contenitore che animerà il centro storico. Grazie al ricco programma messo a punto dalle circoscrizioni e raccolto sotto il cappello di “Ovunq(è)Estate”, infatti, saranno molti gli appuntamenti tra teatro, concerti, proiezioni sotto le stelle proposti nei vari quartieri cittadini. «Proponiamo anche quest'anno una programmazione ricca, destinata alle tante famiglie che trascorreranno il periodo estivo a Udine – sottolinea l'assessora al Decentramento, Antonella Nonino –. Un’opportunità per fruire nei quartieri della città di tante iniziative che permettano la socializzazione e l’incontro, grazie soprattutto alle tante associazioni e realtà del territorio».

Gli altri grandi eventi. All'interno del cartellone di UdinEstate, poi, tornano, immancabili, i due grandi appuntamenti che ogni anno richiamano complessivamente centinaia di migliaia di appassionati. Parliamo della Notte Bianca (1° luglio), in concomitanza con la partenza dei saldi estivi, e di Friuli Doc, la più grande rassegna enogastronomica della regione in calendario dal 7 al 10 settembre.

«Al di là degli eventi che l'amministrazione organizza in autonomia, come la Notte Bianca e Friuli Doc – spiega l'assessore alle Attività produttive e turistiche, Alessandro Venanzi –, punteremo su tutta una serie di eventi che rafforzano la partnership tra Comune di Udine e tessuto commerciale udinese, come a esempio i mercoledì del Sarpi e tutte le iniziative inserite nel programma Visionario d'Estate».

Sport. Anche lo sport la farà da padrone con diverse iniziative all'insegna del benessere fisico e degli stili di vita sani. Non mancheranno i grandi eventi sportivi, a cominciare dalla 9^ edizione di Udine Roller Fest (4 giugno) e dalla 37^ edizione di panchina verde (17 giugno), per poi proseguire con, tra gli altri, il torneo di burraco (24 giugno), la ciclostorica (23-25 giugno) e la 18^ edizione del Triathlon Sprint Città di Udine (16 luglio). C'è grande attesa, inoltre, per le gare di Coppa del mondo di basket femminile Under 19 (22-30 luglio), che inaugureranno il rinnovato palasport Carnera.

«Oltre a proporre un ricco calendario di eventi per tutti gli appassionati di sport – sottolinea l'assessora all'Educazione, Sport e Stili di Vita, Raffaella Basana –, confermiamo l'impegno del Comune nella promozione della pratica dell’attività motoria sia dei giovani, sia delle persone anziane. La pratica ludicomotoria e sportiva non solo ha lo scopo di mantenere chi la svolge in buona salute, ma offre la possibilità di integrarsi, di socializzare, di imparare a rispettare le regole e a condividere momenti di gioia e di riscatto».

Il progetto grafico del materiale promozionale della rassegna è stato ideato e realizzato dal gruppo di lavoro della scuola di grafica ".LAB" del Centro Soldarietà Giovani "G. Micesio", formato da Sonja Monaca, Silvia Iesse, Sara Caselotto, Eva Bertinelli, Leonardo Grendene, con il coordinamento del direttore didattico Oscar Serafin. La rassegna è realizzata con il contributo della Regione, della Fondazione Friuli e di AcegasApsAmga, società del gruppo Hera.

A GRANDE RICHIESTA TORNANO LE "LETTURE IN CORTE"

Atteso ritorno per UdinEstate 2017 degli appuntamenti di “Letture in corte”, il fortunato progetto in tandem tra gli ideatori Angela Felice e Paolo Patui che per sette estati ha richiamato un foltissimo pubblico nello spazio all’aperto di palazzo Morpurgo e che ora, dopo una pausa di due anni, viene rispolverato e rinnovato. La formula resta la stessa del passato - Paolo che legge e commenta, Angela che contrappunta e puntualizza, alcuni esperti che dibattono - ma con la variante che i libri oggetto di indagine di questa nuova edizione si presteranno anche ad un’agile riflessione sui fatti che hanno provocato svolte epocali nella storia moderna e contemporanea dell’Italia, con echi particolari in Friuli. Tre dunque le serate in programma per tre mercoledì di seguito, tutti alle 21 e sempre nel giardino di corte Morpurgo, a cura dell'associazione Modo e del Teatro Club Udine.

Si parte mercoledì 7 giugno con un focus sulle lotte del Risorgimento e sui loro riflessi nel nostro territorio, temi sui quali si soffermerà uno degli ospiti della serata, lo storico Enrico Folisi. Il cuore della serata, e oggetto di lettura, verrà però soprattutto dal dramma in tre atti “La sua gloria”, scritto nel 1938 da un giovanissimo Pier Paolo Pasolini, allora studente sedicenne del liceo classico Galvani di Bologna. Una vera chicca teatrale, di cui si erano perse le tracce prima del fortunato ritrovamento nel 1996 negli archivi polverosi della scuola bolognese e con il quale il giovane Pier Paolo vinse il primo premio nella sezione “drammaturgia” dei Ludi Juveniles, che appunto aveva per tema l’illustrazione di un episodio del Risorgimento. 

Non senza contrapporsi polemicamente al dramma dannunziano “La Gloria”, il testo pasoliniano era liberamente ispirato alle “Mie prigioni” di Silvio Pellico e alla figura del carbonaro Antonio Solera, processato in piazza San Marco a Venezia nel 1821 e poi incarcerato nello Spielberg. In quel protagonista, in realtà, il giovane autore trasfigurò molta parte di se stesso, e vi costruì il ritratto di un poeta inquieto, scisso tra i due desideri della gloria letteraria e patriottica: un binomio tra poesia e impegno che si colloca presto nel cuore della sensibilità pasoliniana e che peraltro, sempre negli anni giovanili, ricompare sdoppiato anche nello scontro tra i due fratelli Colùs al centro del dramma friulano del 1944 “I Turcs tal Friúl, il contemplativo Pauli e il ribelli Meni”. Nella sua gloria la modifica più misteriosa e intrigante è però anche quella del nome del protagonista Solera, che Pasolini mutò in Guido, il nome del fratello allora tredicenne, poi trucidato a seguito della strage di Porzûs. Tanti aspetti autobiografici, esistenziali, culturali rendono dunque prezioso questo testo precoce e, sia pur nella sua acerbità, quasi programmatico, come provvederà a illustrare l’altro ospite illustre della serata, Stefano Casi, grande esperto dell’opera pasoliniana, soprattutto teatrale.

Per informazioni sul calendario completo è possibile consultare il sito internet del Comune di Udine (www.comune.udine.gov.it o www.udinecultura.it) o contattare l'ufficio Attività culturali del Comune ai numeri 0432 127 3716-714.


[home page] [lo staff] [meteo]