Comune di Gorizia


torna alla homepage


Gorizia, Il libro delle 18.03:
presentata l'edizione autunnale


Un'edizione autunnale tutta al femminile, dalle autrici alle giornaliste, dalle traduttrici alle lettrici, dalle attrici alle musiciste, quella de “Il libro delle 18.03” presentata il 19 settembre al Museo di Santa Chiara a Gorizia.

Paolo Polli, storico animatore dell'iniziativa, insieme a Pietro Comelli, responsabile della redazione di Gorizia e Monfalcone del quotidiano il Piccolo, è entrato nel vivo del programma che partirà giovedì 3 ottobre nella Sala culturale Apt per estendersi fino al 31 ottobre.

Nella stessa giornata inaugurale è stato presentato anche l'ultimo libro di Betina Lilian Prenz, “Morte con lode”. L’autrice, docente a Scienze internazionali e diplomatiche a Gorizia, è figlia di Juan Octavio Prenz, noto scrittore e poeta argentino, insignito con il Premio Nonino nel 2019.

L’edizione gode del Patrocinio del Comune di Gorizia e di quello di Nova Gorica, presenti con gli assessori alla Cultura, e vuole essere anche un piccolo contributo allo sforzo dei due comuni nella corsa congiunta a Capitale Europea della Cultura 2015.

La prossima stagione prevede altre cinque presentazioni in sala alle 18.03, una domenica mattina ormai abituale a Villa Codelli e tre uscite tematiche in bus sul territorio.

In sala Apt, giovedì 3 ottobre, la prima ospite sarà Ilaria Tuti con il suo ultimo romanzo, “Ninfa dormiente”, presentato dalla giornalista e responsabile della Cultura de Il Piccolo, Arianna Boria. La storia, complessa e avvincente, ruota attorno a un assassinio commesso nel 1945 in val di Resia e ad una protagonista, Teresa Battaglia che indaga tra le violenze sepolte nel tempo.

Giovedì 10 ottobre, in sala Apt, due traduttrici, giornaliste e viaggiatrici, Francesca Cosi e Alessandra Repossi, racconteranno, in una conversazione con la giornalista Lilli Goriup, “Dove iniziano i Balcani”, un compendio per rispondere a domande vecchie e nuove su una terra vicina e non sempre conosciuta.

Domenica 13 ottobre appuntamento speciale alle 11.03 a Villa Codelli (Mossa) dove la scrittrice Antonella Sbuelz parlerà di Microstorie, introdotta dal sindaco di Mossa Emanuela Russian.

Giovedì 17 ottobre ci si sposta a Palazzo De Grazia. Qui l'insegnante e scrittrice napoletana Viola Ardone presenterà, insieme alla giornalista Emanuela Masseria, “Il treno dei bambini”, romanzo ambientato nel 1946. Migliaia di bambini del Sud in quel periodo di distruzione e povertà vengono mandate per un anno in delle famiglie del Nord. Un'idea, quest'ultima, del Partito Comunista per aiutare le famiglie in difficoltà. L'incontro include un preludio musicale della giovane arpista Paola Gregoric, grazie alla collaborazione con l’Istituto che ha sede proprio a Palazzo De Grazia e diretto dal maestro Liviero.

Giovedì 24 ottobre si torna in sala Apt per “L'età straniera” di Marina Mander, scrittrice già finalista nella dozzina del Premio Strega 2019. Converserà con l'autrice la giornalista Elena Placitelli.

Si chiude giovedì 31 ottobre nell'Auditorium Formedil, in via Montesanto 131/42, con Bronjia Žakelji e il suo romanzo, “Il Bianco si lava a novanta”, Premio Krasnik 2019 quale miglior libro sloveno.

La voce candida e ironica dell'autrice racconta di una perdita che rivoluziona una vita intera in questo suo primo lavoro, pubblicato nel 2018 e ristampato già cinque volte, (settembre 2019 per la pubblicazione in italiano). A presentare l'autrice sarà Vesna Humar, giornalista del quotidiano Primorske Novice e ad introdurre sarà Giulia Castellan, direttore di Formedil e della Cassa Edile di Gorizia.

Le tre uscite in bus partiranno sempre di sabato alle 10.03 dal polo intermodale di Gorizia (nei pressi della stazione ferroviaria). Il 5 ottobre si andrà alla scoperta de “Il tempo delle migrazioni all’Isola della Cona”, il 19 de “La magia di Trieste”, tra musica, letture e una passeggiata sulla Napoleonica e il 26 de “I sentieri della Grande guerra”, nel parco tematico del Carso monfalconese accompagnati da storici, speleo e due attrici/lettrici del Collettivo Terzo teatro di Gorizia.

L'associazione Il libro delle 18. 03, durante questa e la prossima edizione della rassegna, vuole dare il suo contributo allo sforzo che Gorizia e Nova Gorica stanno facendo per diventare, nel 2025, Capitale Europea della Cultura. A tal fine il sodalizio ha chiesto e ottenuto il patrocinio del Comune di Nova Gorica e, in alcune parti della locandina, ha voluto utilizzare la lingua slovena.


[home page] [lo staff] [meteo]