torna alla homepage


Anche l'ASUITs partecipa alla
"III Giornata della Prevenzione AOOI
Diagnosi precoce dei tumori del cavo orale"


La Clinica Otorinolaringoiatria dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste, diretta dal Prof. Giancarlo Tirelli, parteciperà come è consuetudine alla "III Giornata della Prevenzione AOOI Diagnosi precoce dei tumori del cavo orale" promossa dall’Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani (AOOI). 

Nella settimana dal 18 al 22 settembre 2017 si svolgeranno presso i Poliambulatori ORL dell’Ospedale di Cattinara (stanza 45A dalle 8.30 alle 9.30) visite gratuite di screening per il tumore del cavo orale prenotabili allo 040 399 4785.Ulteriori informazioni sul sito http://aooi.it/3a-giornata-della-prevenzione-aooi/modulo-di-adesione/

I carcinomi del distretto testa-collo, che interessano naso, cavo orale, ghiandole salivari, faringe e laringe, rappresentano patologie in continuo aumento. Sono 49.670 i nuovi casi previsti per il 2017 negli Stati Uniti, mentre i casi attesi per il 2016 in Italia sono stati 9.300. La prevalenza di tali tumori è maggiore nel nord che nel sud Italia.

Se in passato questi tumori colpivano principalmente pazienti di età superiore a 60 anni, forti fumatori e bevitori, negli ultimi anni si assiste ad un cambiamento nella loro epidemiologia. Infatti con l’aumento dei tumori, prevalentemente orofaringei, causati dallo human papilloma virus (HPV), virus trasmesso attraverso il contatto sessuale e responsabile del tumore della cervice uterina, è aumentata l’incidenza di questi tumori fra pazienti giovani non fumatori e non bevitori. Questa tendenza, dapprima evidenziata negli Stati Uniti (dal 16% nel 1980 al 73% nel 2000), attualmente si verifica anche nel nostro paese.

La difficoltà principale di queste patologie è che, a differenza di altri tumori, non danno sintomi che possano allarmare il paziente, se non in fase molto avanzata. Questo fatto costituisce un problema se consideriamo che i distretti anatomici interessati svolgono funzioni fondamentali nella vita quotidiana come respirare e mangiare, o nella vita di relazione come parlare.

La terapia dei carcinomi delle vie aeree e digestive superiori può avvalersi, in base all’estensione della malattia, sia di un approccio chirurgico che della radioterapia associata o meno alla chemioterapia.

La chirurgia oncologica del distretto testa-collo ha subito notevoli evoluzioni negli ultimi anni. In passato infatti gli interventi chirurgici prevedevano approcci molto demolitivi, che impattavano negativamente sulla funzionalità e l’estetica, con conseguenze negative sulla qualità di vita dei pazienti. Recenti progressi invece hanno permesso un passaggio dalla tradizionale chirurgia demolitiva ad una nuova chirurgia mininvasiva che si avvale dell’approccio transorale: la naturale apertura della bocca viene usata per avere accesso al tumore ed asportarlo senza necessità di approcci esterni. Se necessario anche con l’utilizzo del Robot Chirurgico.

Come si può intuire, gli esiti estetici e funzionali sono molto più ridotti, con tempi di degenza più brevi e conseguente risparmio di costi sanitari.

Per poter garantire tali approcci mini invasivi è però importante una diagnosi precoce.

Educare i pazienti su quali siano i fattori di rischio e raccomandare visite otorinolaringoiatriche periodiche nel caso tali fattori fossero presenti sono azioni di primaria importanza.


[home page] [lo staff] [meteo]