torna alla homepage


Si chiude il progetto benefico
"Cernobyl' - 30 anni dopo" di Daniele Peluso


E così siamo giunti al termine. Un viaggio lungo quasi 3 mesi durante i quali tanta gente di buon cuore ha contribuito a rendere speciale un lavoro che speciale già lo era.

Il progetto Chernobyl di Daniele Peluso si è concluso un paio di giorni fa con la vendita dell'ultima copia del libro "Cernobyl' - 30 anni dopo", dopo che sono andate vendute all'asta anche tutte le foto "Polaroid" che Daniele ha selezionato tra le tantissime che ha scattato nel suo viaggio a Cernobyl del 2016.

Tutto è iniziato a dicembre quando all'Antico Caffè San Marco è stata inaugurata la mostra con le foto di Daniele Peluso alla quale ha fatto seguito un'asta durante la quale sono state vendute tutte le foto esposte. In quella serata è iniziata anche la vendita del libro che Daniele ha scritto per ricordare il suo viaggio nei luoghi devastati dal disastro nucleare del 1986.

Ed è così che, pochi giorni fa appunto, con la vendita dell'ultima delle 250 copie del libro, il progetto "Cernobyl' - 30 anni dopo" si può dire concluso. Dalla vendita delle foto e dei libri sono stati raccolti 3.200 euro (a franco delle spese).

Per la conclusione del progetto, Daniele ha voluto festeggiare con amici, compagni di squadra, colleghi e supporter vari all'Osteria Da Marino in via del Ponte a Trieste, noto covo di rugbysti (razza dura ma dal cuore enorme, i Signori del terzo tempo).

Durante la serata c'è stata la consegna ufficiale dei due assegni da 1.600 euro alle due associazioni scelte dall'autore e cioè l'Agmen-FVG e l'ASTRO - Associazione triestina ospedaliera per il sorriso dei bambini ONLUS che si occupano di bambini "meno fortunati".

Tanti i sorrisi, tanta la commozione, un brindisi e soprattutto una promessa da parte di Daniele: "Si parte per un nuovo progetto!" hanno chiuso la serata.


[home page] [lo staff] [meteo]