torna alla homepage


Friuli Venezia Giulia: parte da qui
la rivoluzione tecnologica del Paese


Pnrr e post pandemia: sono questi secondo molti i driver della digitalizzazione del paese, fenomeno che sembra essere esploso negli ultimi mesi. Tuttavia, secondo gli ultimi dati a disposizione sembra che il Friuli Venezia Giulia sia una regione ad “alto tasso di innovazione” già da diverso tempo. “Una regione fortemente innovativa”: così è infatti stata definita da uno degli ultimi Regional Innovation Scoreboard, ovvero un documento emesso dall’Unione Europea dedicato incentrato su un'analisi comparativa dei risultati dell'innovazione nei Paesi dell'UE, in altri Paesi europei e nei Paesi vicini.

Non solo, il FVG è anche una regione in cui sono presenti molte start-up innovative verso il totale di nuove società di capitali della regione attestandosi a un 5,2% verso una media nazionale pari a 3,1% per un totale di 242 start-up a dicembre 2020. Tali aziende sono orientate per la maggior parte (62%) ai servizi alle imprese con particolare attenzione alla produzione di software e consulenza informatica e attività di R&S, mentre il 30% è più strettamente legato ai settori dell’industria vero e proprio.

Sono anche le aziende “tradizionali” appartenenti cioè al settore secondario e ai servizi commerciali che dimostrano una grande propensione all’innovazione, al di sopra della media nazionale. Sempre secondo gli ultimi dati ISTAT disponibili, già nel 2018 erano oltre tre quarti le imprese con almeno 10 addetti che hanno investito, o comunque utilizzato, almeno una tecnologia digitale. Il 10% delle imprese del FVG con almeno 3 addetti ha messo in vendita beni o servizi su almeno una piattaforma digitale. Tale quota sale al 19% tra le imprese con almeno 500 addetti, mentre rimane invariata per le altre classi dimensionali. Rispetto alla valutazione dei risultati, l’utilizzo di canali digitali ha consentito al 44% delle imprese regionali con almeno 10 addetti un rafforzamento della propria posizione competitiva, al 27% il mantenimento della presenza sul mercato (obiettivo fondamentale soprattutto per le piccole imprese), al 15% un incremento del fatturato di oltre il 10%.

Tra i vari player che si occupano di digitalizzazione delle imprese presenti sul mercato del Friuli Venezia Giulia, Prismi, azienda attiva nel settore del digital marketing, ha sicuramente un punto di vista di osservatore privilegiato in quanto dal 2007 lavora al fianco di oltre un centinaio di piccole e medie imprese per aiutarle a digitalizzare il loro business. 

Tra le aziende seguite nel loro percorso di trasformazione digitale troviamo differenti tipologie di aziende, una di queste è per esempio Centro Revisioni Arsenale, un’officina meccanica specializzata che da qualche mese ha scelto di aprirsi al mondo del web creando un suo sito proprietario, una scheda territoriale di Google e di svolgere attività di SEO per essere trovati più facilmente online.

Prismi attraverso i suoi servizi ha l’obiettivo di porsi come un importante abilitatore tecnologico e motore di innovazione per tutte quelle piccole realtà che normalmente sono le ultime a poter beneficiare di soluzioni più evolute e tecnologicamente avanzate. Un altro esempio di piccola impresa che ha scelto di compiere il passo verso la digitalizzazione è la Casa di riposo Le Magnolie. Situata a Trieste è una struttura che accoglie persone anziane, autosufficienti, parzialmente autosufficienti e non autosufficienti. La loro rivoluzione tecnologica è partita da un sito internet, da un servizio fotografico, da una scheda territoriale di Google e da una prima attività di SEO.


[home page] [lo staff] [meteo]