torna alla homepage


Pasolini100: presentato il progetto del Collettivo Terzo Teatro di Gorizia, dedicato al centenario di Pasolini


Con una nutrita serie di appuntamenti dal forte impatto multidisciplinare, proposti in numerose località della Regione (Gorizia, Pordenone, Casarsa, Udine, Sedegliano, San Canzian D’Isonzo e Grado) il Collettivo Terzo Teatro di Gorizia offre il suo personalissimo omaggio al centenario di Pier Paolo Pasolini nella rassegna itinerante Pasolini100, presentato a Gorizia nel corso di una conferenza stampa.

Da mercoledì 4 maggio, fino alla fine del 2022, il progetto offrirà un ampio spaccato dell’attività artistica dell’intellettuale friulano, dal Pasolini autore di teatro, al suo lavoro di regista, scrittore, poeta, giornalista e financo pittore. Oltre al supporto del Comune di Pordenone, del Teatro Verdi di Pordenone e del Comune di Casarsa della Delizia, indissolubilmente legati alla figura del grande intellettuale, il progetto vanta numerose partnership, proprio per raccontare la figura di Pasolini a 360 gradi.

L’Associazione “Sergio Amidei” di Gorizia fornirà collaborazione sul Pasolini cineasta, mentre il Pasolini giornalista, fustigatore del costume degli anni ’60 e ’70, sarà ricordata dall’Associazione Leali delle Notizie. Una qualificata consulenza scientifica arriva dall’Università degli Studi di Udine, mentre la Scuola di Danza Ceron di Udine e con l’ASD Ballet School di Pordenone realizzeranno laboratori sui romanzi “Ragazzi di vita” e “Una vita violenta”. Spicca anche la collaborazione con il Centro Studi PPP di Casarsa.

Il primo appuntamento è fissato per mercoledì 4 maggio: alle 20.45 al Kulturni Dom di Gorizia lo spettacolo “I turcs tal Friûl” firmato da TsF-Teatri Stabil Furlan. Opera in un atto, prima in lingua friulana di Pasolini, è tra i testi teatrali in marilenghe più significativi del Novecento, quello che ha avuto la maggiore eco fuori dai confini regionali. In scena Massimo Somaglino e Fabiano Fantini con Luca Altavilla, Daniele Fior, Renato Rinaldi, autore anche delle musiche, Paolo Mutti, Caterina Comingio, Caterina Bernardi e Aida Talliente. Proiezioni video di Carlo Della Vedova.

Sabato 7 maggio a Sedegliano in programma “Suspîr di me mari ta ‘na rosa”, di Fabiano Fantini e Aida Talliente, tratto da “La meglio gioventù” di Pasolini e da “Il film dei miei ricordi” di Susanna Colussi.

Il 7 giugno a San Canzian d'Isonzo il talk show con il giornalista Flavio Vidoni e l'attore Giorgio Amodeo, “Gli scritti corsari”. A inizio luglio Elisabetta Ceron firma la direzione artistica di uno spettacolo con le coreografie di Nastia Bremeč, Michal Rynia e Salvatore Gagliardi e la regia di Somaglino: debutto a Udine con replica a Pordenone.

Tra gli eventi estivi a Grado il reading “L’amore impossibile tra Maria Callas e PP Pasolini” di e con l’attore Giorgio Amodeo e Cinzia Borsatti, replica il 22 settembre al Ridotto del Verdi di Pordenone. Atteso a Casarsa “Ennio Morricone. La musica per Pasolini”, concerto con la tromba solista di Mauro Maur. Due gli eventi conclusivi, a partire dallo spettacolo di Sonia Dorigo e Piera Rossi “Pulsioni inconfessabili. Da Orgia ad Affabulazione”. Un nuovo allestimento teatrale di “Uccellacci e uccellini” è, invece, la proposta produttiva itinerante del Terzo Teatro, firmata dalla regia di Mauro Fontanini. Non mancheranno eventi nel segno della pasoliniana passione per il calcio.


[home page] [lo staff] [meteo]