torna alla homepage


In tre mesi migliaia di presenze al M.A.D.A.
di Cividale del Friuli: il temporary-lab al femminile proseguirà fino all’Epifania


Continua l’esperienza del temporary lab di Largo Boiani a Cividale del Friuli che, in tre mesi, ha ospitato più di 40 eventi e workshop dedicati alla creatività al femminile e valorizzato le opere di 32 artiste oltre alle 13 artigiane e designer dell’area shop. Soddisfatta l’assessore Zappulla: “proseguiamo fino all’Epifania, creando occupazione al femminile e vivacizzando la città”.

Più di 3.500 presenze in tre mesi, 32 artiste coinvolte, 12 laboratori per bambini, 18 workshop per un totale di oltre 40 eventi dedicati alla creatività al femminile. È un bilancio di successo quello del M.A.D.A. temporary lab, acronimo per Mani Arte Donna Artigianato, nato a Cividale nel mese di giugno grazie alle abili mani delle artiste che hanno dato corpo a un’idea dell’assessore alla cultura e alle pari opportunità della città ducale Angela Zappulla e dell’Associazione culturale Noi dell’arte, nata per rispondere a diverse esigenze. È l’assessore stessa a ricordarle: “in primis il bisogno di dare un supporto alle donne, soprattutto in questo caso ad artiste, designer e artigiane che non avevano o potevano sostenersi in autonomia contribuendo alla creazione di occupazione al femminile”. Anche la scelta del luogo dove si colloca il M.A.D.A. non è casuale: “Si trova - aggiunge l’assessore - in un locale vuoto e sfitto da molto tempo, in una corte denominata Lorenzo Brosadola, ex San Francesco, un angolo di Cividale oggi votato all’arte, anche grazie alla presenza del Civi Design Market, che è apprezzato dai cividalesi e dai turisti”.

Il temporary lab, dunque, non chiuderà. “A giugno - prosegue l’assessore Zappulla - siamo partite con grande entusiasmo e convinzione; oggi è con grande soddisfazione che apprendo che le artiste, colto l’aiuto del Comune e il supporto del Soroptimist Club cittadino, desiderano proseguire e affrontare da sole la sfida verso l’autonomia conseguente ad un progetto vincente”. Molto soddisfatte anche le 13 artiste e artigiane che hanno gestito lo spazio di Largo Boiani 27: in coro sottolineano come questa sia una preziosa opportunità per presentare le loro creazioni nel campo della ceramica, del tessile, del bijoux, ma anche per far nascere nuove contaminazioni artistiche e creare opportunità lavorative. 

“In pochi mesi - spiegano - sono nate anche preziose sinergie e collaborazioni tra noi, alcune delle creazioni che oggi sono esposte uniscono le nostre competenze e creatività e evidenziano come il M.A.D.A. sia uno spazio laboratoriale molto vivo”. Continuerà, infatti, anche il programma di workshop ed eventi con un’importante ricaduta culturale sulla città. “Ci rivolgiamo sì al turista che visita Cividale del Friuli e può così scoprire un angolo pedonale sconosciuto ai più - conclude Antonella Pizzolongo, presidente di Noi… dell’arte - ma desideriamo coinvolgere anche i cividalesi che possono acquistare prodotti artigianali a km 0, rigorosamente fatti a mano, e imparare alcuni dei segreti del mestiere, avvicinandosi a tecniche artigianali che fanno parte del nostro patrimonio culturale”.

Dopo qualche giorno di chiusura per rinnovare l’allestimento, a partire da giovedì 5 settembre sarà possibile visitare e frequentare il M.A.D.A. temporary lab fino al 6 gennaio 2020

I brand e le creative dell’esposizione permanente sono Bottoni e non solo di Laura Piani, Crea-azione di Francesca Petricich, Cuatrogatos di Alessandra Spizzo, Gioie di Carta di Daniela Taverna, Hasu Lab Design di Monica Missoni, Janecolori di Jana Kullmann, Mandulis di Manuela Chiappo, Micrò di Chiara Lovo, Sezione R di Cristina Regazzo, Storie d’inchiostro di Michela Fedele, Terre di Creta di Camilla Bortolin e Tessitura Ballom di Silvia Nonini. Per informazioni sul programma, gli eventi e gli orari di apertura: facebook/MADAtemporarylab e 347.1733342


[home page] [lo staff] [meteo]