torna alla homepage


Confcooperative: tutti i numeri Fvg dell'instabilità


S’intitola “MutaMenti 2022. Friuli Venezia Giulia e Veneto: la sindrome del piano inclinato”, la seconda edizione del progetto di ricerca voluto da Bcc Pordenonese e Monsile, con il supporto di Fondo Sviluppo Fvg. Daniele Marini (professore di Sociologia dei processi economici all’Università di Padova), ha coordinato una trentina di ricercatori, professionisti, imprenditori, giornalisti per produrre una fotografia dell’evoluzione delle prospettive delle due regioni, comparate con l’Italia. Un’analisi completa (dall’economia alla demografia; dall’occupazione alla crescita; dall’istruzione ai flussi migratori) che intende essere uno strumento utile a quanti il territorio lo vivono e contribuiscono a farlo vivere.

Su iniziativa di Confcooperative Fvg, i risultati del lavoro di ricerca (edito da Marsilio), verrà illustrato nella mattinata di giovedì 2 febbraio, a partire dalle ore 10.00, nella Sala convegni della Cantina di Rauscedo, a Codroipo (via Zompicchia 10). Dopo i saluti di Antonio Zamberlan, presidente della Bcc Pordenonese e Monsile e un’introduzione di Marini, sono in programma gli interventi di Chiara Gargiulo (Università di Padova), Monica Cominato (Università di Vicenza), Maurizio Rasera (di Veneto Lavoro) e Gianluca Toschi (Università di Padova). A seguire, una tavola rotonda coordinata dalla giornalista Elena Del Giudice, con: Alessia Rosolen (Assessore regionale al Lavoro), Daniele Castagnaviz (presidente regionale di Confcooperative), Walter Lorenzon (Associazione regionale delle Bcc) e Cristiana Compagno (Università di Udine).

In conclusione sono previsti gli interventi del presidente della Regione, Massimiliano Fedriga e di Maurizio Gardini, presidente nazionale di Confcooperative.

«Il piano inclinato rappresenta la nuova normalità dello sviluppo della società e dell’economia caratterizzata dall’instabilità, dove l’eccezionalità diventa normalità – spiega Marini -. Una situazione che genera disorientamento, ma può offrire nuove opportunità. Consapevolezza, qualità, ed ecosistemi territoriali sono i criteri da assumere per lo sviluppo futuro».

[home page] [lo staff] [meteo]