Comune di Trieste


torna alla homepage


Presentato il programma di "Trieste Estate 2024":
oltre 100 giorni di intrattenimento tra produzioni internazionali e festival di quartiere


Nella mattinata di giovedì 16 maggio è stata presentata in Sala Luttazzi nel Magazzino 26 di Porto Vecchio-Porto Vivo la ventunesima edizione della rassegna “Trieste Estate”.

Dal 6 giugno al 18 settembre Trieste Estate animerà la città con oltre 260 spettacoli (30 in più rispetto all’anno scorso), di cui circa 200 gratuiti. Il cartellone è estremamente vario, dalla musica classica e lirica all’operetta, passando per il jazz, il pop e il rock, ma anche teatro di prosa, cabaret, spettacoli circensi e per bambini, senza tralasciare il cinema, la cultura e la danza. Un totale di 21 cicli di eventi, tra festival e rassegne. Saranno 40 le location tra piazze e teatri, dal centro cittadino fino a toccare i giardini e le piazze dei rioni, con gli oltre 80 spettacoli della rassegna “Fuoricentro”.

La rassegna estiva è organizzata dal Comune di Trieste, la direzione artistica per la musica è affidata a Gabriele Centis, quella per il teatro di prosa a Lino Marrazzo, in sinergia con il Teatro degli Sterpi e Hangar Teatri, Vigna PR e Good Vibrations.

Il budget complessivo per l’organizzazione di “Trieste Estate 2024” ammonta a un milione di euro e copre sia gli oneri per la parte artistica che gli oneri tecnici quali allestimento dei palchi e sorveglianza, generando così un indotto. Il finanziamento deriva in parte da risorse del bilancio comunale e in parte dal gettito dell’imposta di soggiorno. L’importo allocato dal tavolo tecnico del turismo per la rassegna è di 240mila euro.

Il programma

L’offerta musicale di “Trieste Estate” abbraccia una grande varietà di generi, anche in collaborazione con i teatri della città, a partire dal Festival dell’Operetta, che avrà inizio il 20 giugno al Rossetti fino all’attesa Turandot di Puccini al castello di San Giusto, una grande produzione del teatro lirico Giuseppe Verdi in tre rappresentazioni (10, 12 e 13 luglio), cui seguiranno i Carmina Burana e la Nona Sinfonia di Beethoven.

Il “cuore pulsante” di Trieste Estate, ovvero il grande palco di piazza Verdi, ospiterà poi le star del jazz mondiale con la rassegna Triestelovesjazz, a partire dalla US Navy Band (in collaborazione con il consolato Usa), Rachel Z, Omar Hakim e Jonathan Toscano, Adam Holzmann & The Big Band Theory, e i Kennedy Administration. Non mancheranno musica folk, etnica e brasiliana, oltre ai tributi alle grandi colonne sonore di Hollywood e del mondo Disney. Anche il Museo Sartorio ospiterà una ricca offerta di concerti dal taglio cameristico, e ospiterà anche alcuni eventi della 50esima Settimana Sociale della CEI (Conferenza Episcopale Italiana), che si aprirà il 3 luglio alla presenza del Presidente della Repubblica, per proseguire il 4 con un grande concerto in piazza Unità d’Italia con le esibizioni di Roberto Vecchioni, Riccardo Cocciante, Simone Cristicchi, Malika Ayane e Amara e culminare con la visita di Papa Francesco del 7 luglio.

La rassegna al Castello di San Giusto, curata da Vigna PR e Good Vibrations Entertainment, proporrà altri grandi nomi tra cui i 40 Fingers, il guitar quartet che sta avendo successo in tutto il mondo, Carmen Consoli, una delle più importanti e amate voci della musica italiana, Perpetuum Jazzile, una delle orchestre vocali più blasonate al mondo e il cantautore irlandese, Glen Hansard, il poeta del folk che ha vinto il Premio Oscar nel 2008, oltre al concerto omaggio a Lucio Dalla e la serata dedicata ai Queen. Il mese di settembre vedrà protagonista la Società dei concerti con il festival “Il faro della musica”, che si aprirà con un momento musicale in piazza Unità d’Italia il giorno 5, con brani di Vivaldi, Mozart e Piazzolla.

Il cartellone del teatro di prosa offre un raffinato e vario programma che si comporrà di più rassegne teatrali. Si partirà con Let’s Play - Tre teatri al Sartorio, la rassegna che anche quest’anno unirà in una prolifica collaborazione il Miela, la Contrada e il Teatro Stabile Sloveno, e che il 6 giugno presenterà il primo evento di Trieste Estate, una coproduzione tra i tre teatri: “Trieste è il mare - Trst je morje”. Grande attesa anche per il “Macbeth” in un allestimento originale del Miela, un omaggio ad Anita Pittoni, “Gocce di sale” del Teatro Stabile Sloveno, “La Sovrana”, dal romanzo di Alan Bennett, la commedia “Le fuggitive” con Ariella Reggio, l’adattamento del romanzo di Ivo Andric “Most”, nell’ambito del Festival del Litorale, una pièce teatrale dedicata a Eleonora Duse e lo spettacolo in onore dei 100 anni dalla nascita di Franco Basaglia “Ti regalerò una rosa”. Torna, alla sua terza edizione, il Festival di teatro per ragazzi / Dadadù 2024 organizzato dall’associazione Zatrocarama.

Al via anche la seconda edizione di “Trieste Estate Fuoricentro”, a cura del Teatro degli Sterpi / Hangar Teatri, che porterà intrattenimento e cultura nei rioni triestini. Apre le danze il 15 giugno a Roiano un concerto di cumbia con i Los Ekekos, corredato da uno spettacolo di circo, e la rassegna si concluderà l’11 agosto con il gruppo locale Afrobič e i salernitani C’ammafunk in campo San Giacomo. E ancora, il Circo Madera a Borgo San Sergio, lo spettacolo di fuoco "Ritual de fuego" del gruppo Quetzalcoatl a Barcola e il monologo sulla ex ferriera di Servola "Punto di fusione", di e con Diana Höbel. Grazie a una collaborazione con il Rossetti saranno realizzati spettacoli di marionette con i Piccoli di Podrecca.

Oltre alla musica e al teatro non mancheranno cinema, cultura e conferenze. Tornano il grande cinema al Giardino Pubblico de Tommasini con i cortometraggi di “Shorts International Film Festival” dell’associazione Maremetraggio e la rassegna “Cinemanordest”, a cura della Casa del Cinema. Al Museo Sartorio, il 6 settembre, il cronista sportivo per eccellenza Dan Peterson terrà la conferenza “Vincere e giocare”, mentre in agosto torna a grande richiesta il ciclo di incontri “Archeologia di sera” al museo Winckelmann.

QUATTRO APPUNTAMENTI DEL "FESTIVAL INTERNAZIONALE AVE NINCHI - TEATRO NEI DIALETTI DEL TRIVENETO E DELL'ISTRIA PER TRIESTE ESTATE 2024

Il "Festival Internazionale Ave Ninchi - Teatro nei Dialetti del Triveneto e dell'Istria" avrà luogo, ad ingresso gratuito, i giorni 22-23 giugno e 19-20 luglio con inizio alle ore 21 presso Borgo San Mauro/Sistiana nell'area sportiva fronte la chiesa, nell’ambito di “Come sere d’estate del Comune di Duino Aurisina - DNA Festival internazionale delle arti” del Comune di Duino Aurisina, e dal primo al 4 agosto presso il Giardino del Museo Sartorio nell’ambito della rassegna Trieste Estate 2024 del Comune di Trieste.

Di seguito gli appuntamenti in programma a Trieste, nel Giardino del Museo Sartorio (inizio spettacoli ore 21):

- giovedì 1 agosto

Compagnia de L’Armonia APS – F.I.T.A.

El destin xe ne la man…!

Commedia tratta da Pietro Doria Grasso, adattamento in dialetto triestino di Monica Parmegiani, regia di Riccardo Fortuna.

Quando la tua vita, che credi ormai distrutta, si incrocia con una combriccola di strane persone, tutto cambia totalmente, da un momento all'altro! Con grande umorismo i personaggi entreranno in una spirale di situazioni sempre più incredibili. In questa commedia non tutto è come sembra, fino al sorprendente colpo di scena finale che ovviamente... non sveleremo!

- venerdì 2 agosto

Compagnia Tutto fa broduei APS – F.I.T.A.

Che scandalo!

Commedia musicale tratta da "La rosa gialla" di Camillo Vittici, adattamento in dialetto e regia di Stefano Volo & Valentina Bruni.

Trieste, autunno del 1967 sullo sfondo di una corte come tante che affollano i nostri ricordi da bambini. Lucia, la portinaia, si ritrova ad essere giudicata quotidianamente dalle donne del palazzo per essere una ragazza madre. Stufa della situazione decide di zittirle confessando che il figlio l’ha avuto da uno degli uomini che abitano lì... magari proprio da uno dei loro mariti! Scatta così la disperata e ossessiva ricerca del colpevole tra dubbi, equivoci e pettegolezzi. I TUTTO FA BRODUEI vi faranno rivivere la magica atmosfera dei favolosi anni 60, tra canzoni diventate iconiche e una società in bilico tra la tradizione e il cambiamento.

- sabato 3 agosto

Compagnia Teatro Veneto “Città di Este” – F.I.T.A.

Quel piccolo campo

Commedia in tre atti di Peppino De Filippo, versione veneta della Compagnia, regia di Viviana Larcati.

Quel piccolo campo racconta, con tratti tragicomici, il mondo contadino nei suoi aspetti più arcaici, ma con guizzi di fantasia e burla da sovvertire le premesse. Spicca per originalità il protagonista: il rude Rocco Barbati, ateo convinto, scapolo, indipendente nelle opinioni e nei comportamenti. Rocco vive con la sorella Francesca, estremamente religiosa... Una eredità, un podere, la fortuna, la sfortuna… ed una misteriosa cassetta piena di monete d’oro. E come per ogni farsa che si rispetti, qui comincia l’avventura…

- domenica 4 agosto

Compagnia dei Giovani Aps – F.I.T.A.

Mama mia… che pupoli!

Commedia tratta da “Twist" di Clive Exton, adattamento in dialetto triestino di Agostino Tommasi, regia di Julian Sgherla.

Nella sua casa vacanze, un marito organizza regolarmente dei misteriosi incontri all’insaputa della moglie… detta così, sembrerebbe un caso di tradimento coniugale come nella più classica delle tradizioni del vaudeville o della commedia degli equivoci. Ma stavolta, ad essere tradita non sarà sua moglie bensì… sua mamma! La Compagnia dei Giovani ritorna anche quest'anno con una commedia spassosa e piena di ritmo che vedrà il nostro protagonista cercare disperatamente di cavarsela, mentre una serie di stravaganti personaggi gli renderà la vita molto difficile. Ce la farà alla fine a salvare la situazione senza... “far pupoli”?


[home page] [lo staff] [meteo]