Comune di Trieste


torna alla homepage


L'Assessore comunale ai Servizi funebri e cimiteriali Michele Lobianco ha annunciato la realizzazione di 51 nuovi loculi ossari/cinerari nel cimitero di Servola


Martedì mattina 31 gennaio 2023 al Cimitero di Servola l'Assessore comunale ai Servizi funebri e cimiteriali Michele Lobianco, insieme ad Andrea de Walderstein direttore del Servizio Mobilità e Traffico del Comune di Trieste e di Massimo Carratù responsabile Gestione Tecnica Clienti AcegasApsAmga, ha annunciato la realizzazione di 51 nuovi loculi ossari/cinerari nel cimitero di Servola che si aggiungeranno a quelli precedenti (96 realizzati nel 2002 e 51 nel 2004), raggiungendo così un totale di quasi 200 spazi, destinati all’utilizzo degli abitanti del rione.

“Il cimitero di Servola è uno degli 11 cimiteri sub urbani della nostra città e attraverso le sue tombe racconta la storia di questo rione – ha detto l’assessore Michele Lobianco -. La realizzazione dei loculi ossari cinerari nel cimitero di Servola sono una risposta di sensibilità valoriale a chi perde il proprio caro e desidera che i suoi resti rimangano nel luogo dove ha vissuto una vita intera, identificando e riconoscendo anche nell’al di là il luogo identitario della propria terra di appartenenza”.

“L'amministrazione comunale, che io rappresento – ha concluso l'assessore Michele Lobianco - ha raccolto questa richiesta e ha messo in campo tutto ciò che era necessario per dare soddisfazione alla richiesta”.

Il Comune, insieme alla multiutility AcegasApsAmga, che gestisce i cimiteri per conto dell’Amministrazione, ha infatti inserito l’intervento tra quelli prioritari, per venire incontro alle necessità dei cittadini e fornire ai residenti della zona maggiori spazi disponibili.

Grazie a un investimento di circa 54 mila euro, sarà possibile realizzare in circa 2 mesi una nuova area destinata alla conservazione dei resti mortali o delle ceneri dei defunti di persone abitanti nel rione di Servola.

I lavori vedranno la completa realizzazione di una nuova fila di loculi (composta da 3 piani), posizionata frontalmente a quella esistente, in prossimità dell'ingresso del Cimitero. Per creare lo spazio necessario verrà demolito il muretto che divide i loculi già esistenti dalle sepolture adiacenti, avendo cura di mantenere integra la pavimentazione del vialetto e di assicurare adeguatamente le lapidi delle sepolture presenti in adiacenza allo scavo.

Qui verrà creato un nuovo basamento in calcestruzzo armato a sostegno della struttura in alluminio per i nuovi loculi cinerari su cui verranno poi collocati gli elementi di ornamento lapidei e sigilli di chiusura compresa la copertura.

Per tale attività sarà utilizzata una tipologia di pietra analoga a quella esistente, in modo da inserire adeguatamente la nuova struttura nel contesto in cui si colloca.

Infine, sempre allo scopo di inserire al meglio l’area creata nel contesto del cimitero, verrà realizzata un’aiuola all’inizio della nuova fila dei loculi.

Il cimitero di Servola, costruito nel 1938 nella periferia sud di Trieste, è vincolato da parte della Sovrintendenza, ha una particolare forma trapezoidale, con una conformazione planimetrica di sedime, che fa si che il medesimo sia costituito da due terrazzamenti posti a quote diverse, collegati da una gradinata in pietra centrale.

Le inumazioni in campo comune sono state sospese nel 1994 a causa della mancata mineralizzazione delle salme ivi sepolte, da attribuirsi alla presenza di una falda acquifera superficiale che interessa l'area della struttura. Da tale data sono consentite le sole sepolture nelle tombe di famiglia o nei loculi ossari e/o cinerari in concessione venticinquennale la cui disponibilità dei manufatti realizzati nel 2002 (96 manufatti) e nel 2004 (ulteriori 51 loculi cinerari) risulta ad oggi esaurita.


[home page] [lo staff] [meteo]