torna alla homepage


Alla JulietRoom di Muggia la mostra "Mondi immaginati" con le opere di Carlo Fontana e Gregor Purgaj


Sabato 4 maggio 2019, alle ore 18.30, s’inaugura alla JulietRoom di Muggia (via Battisti 19/a) la mostra “Mondi immaginati” con le opere di Carlo Fontana e Gregor Purgaj. L’esposizione è curata da Roberto Vidali e il brindisi inaugurale sarà offerto da Girardi Spumanti.

Motivi, situazioni, temi, all’apparenza diversi, si dispiegano in un unico progetto espositivo, quasi in una sorta di contrappunto, confronto e dialogo. E, sebbene la declinazione delle singole opere conduca a una apparente diversità, l’impeto conduttore, per ambedue questi artisti è il medesimo: l’impeto che li unisce è il ragionare sulla dinamica del colore, sulle sue sfumature e contrapposizioni. Un modo questo, per dire che il colore, è il vero e proprio punto nodale del loro pensiero e il loro indiretto per dialogare a distanza. Il colore in tutte le sue esplosioni cromatiche e frammentazioni nel caso di Fontana e nell’intera possibilità del suo tono smorzato nel caso di Purgaj.

Per Carlo Fontana, la raffigurazione di una natura edulcorata passa attraverso il filtro di una scomposizione quadrettata, quasi una sorta di ragnatela che diviene architettura come definizione del dettaglio all’interno della macrostruttura e come definizione di figure-simbolo definite secondo una tecnica “compendiaria”. Nelle sue opere troviamo fissata una realtà trasognata, una realtà che, nel riprendere le ombre taglienti e le luci artificiali, rende visibile un’atmosfera di esistenza provvisoria, quasi scomposta (o ricomposta) in senso cubista: si tratta di un mondo che talvolta richiama in superficie la vita moderna, dinamica e contrastata, ma che nel sottofondo nasconde sempre uno spirito romantico e spirituale. Una luce calda e gessosa si irradia dalle cose raffigurate, per poi espandersi e abbracciare orizzonti lontani: disegna l’oscillazione di un crepuscolo sospeso fra il preludio di un giorno lontano e la vicinanza di un raggio di luna: un bosco, un fiore, una foglia, un prato sono i termini più semplici e comprensibili di una simbologia immediata e capace di smuovere l’animo alla pacificazione.

In Purgaj, invece, il soggetto principale del racconto diviene in buona sostanza la figura umana vista nelle sue infinite possibilità espressive. Il tema del volto, metafora di ogni singolarità o segno di ogni esistenza, diventa lo specchio in cui - parafrasando Lautrémont - si riflette ogni immagine, ogni momento, passato e futuro. Il battito delle ciglia - portato coscientemente al suo diapason - fa volare la fantasia verso mete improcrastinabili. Aspetto caratteristico in questi lavori è l’immediatezza del messaggio, la quasi totale mancanza di mediazione intellettuale: una assenza questa che si pone a beneficio dell’immediata percezione dell’opera. La comunicazione è diretta. Se dovessimo pensare a un colore, questo colore non potrebbe essere altro che una contrapposizione tra gialli, rossi, verdi e azzurri, colori che nella loro complementarietà sprizzano scintille ed esaltano l’animo umano.

La mostra, promossa dall’Associazione Juliet, sarà visitabile sino a sabato 29 giugno. Orari: ogni venerdì 17.00 -> 19.00 o su appuntamento. Ingresso libero.

Per informazioni: rolan.marino@libero.it 


[home page] [lo staff] [meteo]