torna alla homepage


Gentilissima Signora Aurelia: Miela Reina protagonista di "libraryline" allo Studio Tommaseo di Trieste


Trieste Contemporanea è lieta di presentare, sabato 28 gennaio alle ore 18 allo Studio Tommaseo, la seconda pubblicazione della collana libraryline dedicata a Miela Reina (Trieste 1935-Udine 1972).

Il libro, dal titolo Gentilissima Signora Aurelia, pubblica per la prima volta una selezione delle lettere che Miela Reina scrisse alla madre Aurelia Cesari Reina, in fittissima sequenza, negli anni di formazione all’Accademia di Venezia, quindi, dall’autunno del 1955 all’autunno del 1959, data della laurea.

A cura di Lucia Budini e Giuliana Carbi Jesurun e pubblicato da Juliet editrice, l’interessantissimo epistolario vede la luce, grazie alla trascrizione e all’ordinamento dei manoscritti conservati nell’archivio privato delle famiglie Budini Reina. Sono carte molto speciali poiché contengono molti disegni e bozzetti che si è deciso di riprodurre nel testo delle lettere, aggiungendo una parte di immagini e fotografie provenienti dall’archivio familiare e di riferimenti (grazie alle immagini gentilmente concesse dall’Archivio fotografico ERPAC – Servizio catalogazione, promozione, valorizzazione e sviluppo del territorio, dalla Fondazione CRTrieste e dall’Archivio fotografico del Museo Revoltella – Galleria d’arte moderna di Trieste) ai dipinti citati nel testo, dei quali nel racconto epistolare alla mamma si seguono giorno per giorno le fasi di realizzazione.

Il libro è occasione per conoscere una inedita Miela Reina, giovanissima, versatile e gioiosa nell’apprendere a tutto campo, non solo la pittura al corso di Bruno Saetti (lo spaccato della vita degli studenti fuori sede del tempo è vivacissimo), ma anche dalle molte letture e frequentazioni della vita culturale veneziana (dal cinema al teatro ai concerti) e dai viaggi (in Francia a conoscere Chagall e in Spagna per lavorare alla tesi di laurea sulla pittura castigliana).

Questa studentessa diventerà da lì a poco una dei più originali e attenti artisti italiani in dialogo avvincente e autorevole con le tendenze internazionali dell’arte degli anni Sessanta e Settanta – e proprio leggendo queste lettere e le modalità della sua partenza verso l’arte dei grandi c’è ancora il rimpianto che la sua breve vita non le abbia permesso di donarci più a lungo la sua immaginifica creatività: poiché fu “autrice di una vivacissima stupefatta visione del mondo, di una attonita e apocalittica kermesse non eroica” come ebbe a scrivere l’amico e grande estimatore Gillo Dorfles.

Gentilissima Signora Aurelia vuole contribuire a far meglio conoscere una delle figure artistiche più alte della nostra regione e a renderle omaggio. Alla presentazione di sabato, che verrà proposta anche in streaming, in dialogo con le curatrici saranno Paola Bonifacio, storica dell’arte autrice di Miela Reina, la prima monografia sull’artista edita da Mazzotta nel 1999, e (in videoconferenza) Marina Beer, scrittrice e saggista che hanno contribuito all’interpretazione della creatività e degli affetti di Miela Reina a Venezia con due testi pubblicati nel libro in forma di postfazione.

Gentilissima Signora Aurelia è il secondo volume di libraryline, una nuova collana editoriale della Biblioteca di Trieste Contemporanea che raccoglie testi inediti e prime traduzioni di artisti o di autori che hanno contribuito all’arte visiva contemporanea europea o alla sua comprensione. Con la collana, coordinata dalla direttrice della Biblioteca di Trieste Contemporanea Elettra Maria Spolverini (che introdurrà l’incontro di presentazione) e firmata dalla grafica triestina Giulia Lantier, si concretizza una idea di divulgazione della storia dell’arte contemporanea molto cara al comitato triestino, e anche si intercetta e continua un’altra delle missioni prioritarie di Trieste Contemporanea, prevalentemente conosciuta per lo sguardo che da più di un quarto di secolo rivolge alla produzione di arte visiva contemporanea dei paesi dell’Europa dell’Est. Un mandato, per così dire di reciprocità rispetto all’importazione della conoscenza della cultura artistica ad Est di Trieste: offrire l’opportunità di approfondire all’esterno le espressioni internazionali della produzione di pensiero e di cultura del nostro territorio. Tra le attività svolte in questo segmento merita ricordare le pubblicazioni su e di Sergio Miniussi, la monografia di Marco Pozzetto sugli architetti Berlam, i film documentari su Leo Castelli e su Leonor Fini e si può già anticipare l’ultima iniziativa che verrà resa pubblica in febbraio: la partecipazione alla pubblicazione dell’inedita e importantissima Storia dell’arte in Europa del grande storico dell’arte triestino Decio Gioseffi. 

Trieste Contemporanea presenta
Gentilissima signora Aurelia
la pubblicazione di libraryline
dedicata a Miela Reina

sabato 28 gennaio, ore 18
Studio Tommaseo (via del Monte 2/1, Trieste)

Streaming dell'evento: Youtube e Facebook


[home page] [lo staff] [meteo]